Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il massacro dell’America viene affrontato in segreto

Un orribile massacro avvenne 100 anni fa a Tulsa, in Oklahoma, che fino a poco tempo fa era confinato negli Stati Uniti. Quando arriva il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, i corpi vengono nuovamente perquisiti.

Ai neri sono bastate meno di 24 ore per mandare in frantumi il loro sogno americano. Il cosiddetto “Black Wall Street” di Greenwood era un quartiere pittoresco e uno dei più ricchi afroamericani del paese: un vivace quartiere commerciale e residenziale nel nord della fiorente città petrolifera di Tulsa, nel Oklahoma.

Ci sono stati alcuni luoghi in cui molti dottori, avvocati e imprenditori neri si sono avvicinati al “sogno americano” cento anni fa.

Ma il 31 maggio e il 1 ° giugno 1921, una folla di residenti bianchi vagò per le strade di Greenwood. Hanno saccheggiato le case e le attività dei loro vicini neri, li hanno bruciati e hanno sparato agli afroamericani a caso per le strade.

Alla fine, 35 strade sono state demolite, lasciando fino a 10.000 afroamericani senza casa durante la notte. Chi non lascia la città viene mandato in un centro di detenzione. Black Wall Street è stata spazzata via.

I corpi vengono nuovamente scavati

Il massacro di Tulsa è stato tenuto segreto per cento anni e alla fine dimenticato. Ma ha catturato l’attenzione della nazione negli ultimi anni. L’eredità dell’America schiavitù E il Razzismo È di nuovo un problema, proprio come il problema di come affrontarlo. Il presidente degli Stati Uniti ora commemora il massacro martedì Joe Biden A Tulsa.

Anche lì sono iniziati nuovi scavi per trovare altre vittime. Nell’ultimo anno, le indagini hanno rivelato nuove indicazioni sull’ubicazione delle tombe. Perché molte delle vittime furono semplicemente seppellite, senza documenti, senza una lapide. Altri furono gettati dalla riva nel fiume Arkansas. Quanti c’erano? Per molto tempo si è parlato di 20 a 40 e poi di cento. Gli esperti ora ipotizzano che siano stati uccisi fino a 300 neri.

READ  North Carolina: sparatorie della polizia contro afroamericani uccisi di nuovo negli Stati Uniti

Corsa in ascensore sfortunata

La violenza è iniziata il 30 maggio. Un ragazzo lustrascarpe di 19 anni di colore di nome Dick Rowland stava guidando un ascensore in centro con Sarah Page, 17 anni, bianca. Quello che è successo esattamente non è chiaro. La maggior parte dei rapporti dicono – più una testimonianza della donna stessa – che è inciampato e ha afferrato il braccio della donna quando è caduto.

Tulsa, Oklahoma è in fiamme: un’esplosione di violenza nascosta da tempo. (Fonte: Alvin C. Krupnik / NACP Records / Library of Congress / Reuters)

A quel tempo, è stato mandato in prigione senza esitazione. Rapporti sensazionali di violenza sessuale sono immediatamente emersi sui giornali locali e nel giro di poche ore si è formata una folla di fronte alla prigione.

L’omicidio è avvenuto nel sud Stati Uniti d’America A quel tempo, era la disposizione del giorno, che è stata lanciata soprattutto rapidamente a causa dell’accusa che un uomo di colore aveva toccato una donna bianca. Poiché questo è esattamente ciò che i neri di Greenwood volevano impedire, gli uomini dei loro ranghi che hanno prestato servizio nella prima guerra mondiale sono usciti di prigione per proteggere la vita di Rowland. Un proiettile è stato sparato durante una lite con la folla bianca, poi il terrore ha preso il suo corso.

“Posso ancora sentire le urla”

Non solo i Bianchi erano in inferiorità numerica, ma furono forniti di armi dalla polizia e ricevettero persino assistenza da aerei usati per sganciare bombe incendiarie a Greenwood. 1.470 case sono state saccheggiate e bruciate. Molti ricchi residenti lasciarono la città e tornarono a lavorare come braccianti.

READ  Ex poliziotto dichiarato colpevole: la difesa chiede la libertà vigilata nel processo a George Floyd

Ti interessa la politica americana? Il giornalista Fabian Rainbold scrive una newsletter sulle sue impressioni sugli Stati Uniti e sulla svolta dopo la fine della presidenza Trump. Qui puoi iscriverti gratuitamente a “Post from Washington”, Quindi arriva direttamente nella tua casella di posta una volta alla settimana.

Uno degli ultimi sopravvissuti ha testimoniato davanti al Congresso degli Stati Uniti sul massacro avvenuto due settimane fa. “Vedo ancora uomini di colore che vengono fucilati e corpi neri per le strade”, ha detto Viola Fletcher, una sopravvissuta di Tulsa di 107 anni. “Riesco ancora a vedere i negozi neri in fiamme. Sento ancora le urla.”

Sopravvissuti Viola Fletcher: "Posso ancora sentire le urla." (Fonte: AP / dpa / Sue Ogrocki)Sopravvissuta Viola Fletcher: riesco ancora a sentire le urla. (Fonte: Sue Ogrocki / AP / dpa)

Fletcher vuole pagare un risarcimento ai sopravvissuti e ai loro discendenti. Un comitato a Tulsa, che dovrebbe occuparsi dell’ingiustizia, sta contestando questa domanda. Festa commemorativa con una pop star John Legend Viene annullato a causa del singhiozzo su quanti soldi dovrebbero andare ai sopravvissuti. Gli attivisti sul sito stanno aspettando con impazienza di vedere se il presidente degli Stati Uniti prenderà una posizione su questo problema.

Tema Riparazione Tuttavia, è solo uno dei tanti capitoli irrisolti cento anni dopo il massacro di Tulsa. C’è anche la questione della colpa: tra gli autori che hanno rubato, espulso o sparato ai loro vicini neri, nessuno è stato accusato, figuriamoci punito.