Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il buco nero sorprende a “singhiozzo” – “Pensavamo di sapere molto”

Il buco nero sorprende a “singhiozzo” – “Pensavamo di sapere molto”

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Il buco nero si comporta in modo molto insolito, attirando l'attenzione del gruppo di ricerca. Ciò trova una risposta sorprendente.

BOSTON – I buchi neri sono corpi celesti misteriosi. La loro gravità incredibilmente forte attira tutto ciò che si avvicina a loro e non permette a nulla di scappare. Nemmeno la luce può fuoriuscire da un buco nero, motivo per cui non si possono vedere oggetti misteriosi. Solo con l’aiuto di alcuni trucchi ricercatori e telescopi sono stati in grado di immaginare le ombre di due buchi neri, più recentemente in luce polarizzata che ha rivelato forti campi magnetici al centro della nostra Via Lattea.

Ora un altro gruppo di ricerca ha scoperto un buco nero che si comporta in modo molto strano. Uno ha detto che l'oggetto, che si trova al centro di una galassia a circa 800 milioni di anni luce di distanza, stava vivendo un “singhiozzo”. avviso. Erutterebbe improvvisamente e rilascerebbe nubi di gas ogni 8,5 giorni prima di calmarsi nuovamente. La ricerca sa molto sui buchi neri, ma il fatto che un buco nero abbia un “singhiozzo” è ancora sconosciuto. Cosa potrebbe esserci dietro?

Il buco nero ha un “singhiozzo”: i ricercatori affermano di aver trovato una spiegazione

E studiandolo Nella rivista specializzata Progresso della scienza pubblicato Il gruppo di ricerca descrive i suoi risultati. Quindi è probabile che le esplosioni regolari siano state causate da un secondo buco nero più piccolo, che “ronza” attorno al buco nero supermassiccio centrale. Si prevede che ogni 8,5 giorni questo oggetto più piccolo espelli materiale dal disco di accrescimento che circonda il grande buco nero.

READ  One UI 5 viene fornito con Galaxy A33 5G, A53 5G e A73 5G

Cos'è un disco cumulativo?

In astrofisica, un disco di accrescimento è un disco di gas che orbita attorno a un oggetto e trasporta la materia verso il centro. Nel caso di un buco nero, la materia che “nutre” il buco nero è al suo interno.

Le stelle possono anche essere circondate da dischi di accrescimento in cui si formano i pianeti nel tempo.

“Pensavamo di sapere molto sui buchi neri.”

Un buco nero cade nel disco di accrescimento di un altro buco nero – Questa nuova idea sfida l'immagine precedente dei dischi di accrescimento di un buco nero. Fino ad ora, i ricercatori avevano ipotizzato che questi dischi fossero dischi di gas relativamente uniformi in orbita attorno al buco nero. Ma nuove ricerche mostrano che i dischi di accrescimento probabilmente contengono altri buchi neri o addirittura intere stelle.

“Pensavamo di sapere molto sui buchi neri, ma questo ci mostra che ci sono molte più cose che possono fare”, afferma l'autore dello studio Dheeraj Basham del Massachusetts Institute of Technology (MIT). “Pensiamo che ci saranno molti altri sistemi come questo. Dobbiamo solo raccogliere più dati per trovarli.”

Un buco nero distante 800 milioni di anni luce sta vivendo un “singhiozzo”. Un gruppo di ricerca ha trovato la soluzione: orbita attorno a un buco nero più piccolo che si fa strada attraverso il disco di accrescimento rilasciando nubi di gas nel processo. (Impressione dell'artista) © José Luis Olivares, MIT

Il buco nero rende la galassia che lo ospita notevolmente più luminosa

Il buco nero “Hiccup” è stato originariamente scoperto dalla rete di telescopi automatizzati ASAS-SN nel dicembre 2020, proprio mentre stava subendo un’esplosione che ha reso la sua galassia ospite notevolmente più luminosa. Basham scoprì la galassia e presto si rese conto che la quantità di energia rilasciata aveva un ritmo di 8,5 giorni. “Ero confuso su cosa significasse, perché questo modello non si adattava a nulla di ciò che sapevamo su questi sistemi”, ricorda Basham.

READ  LG: È stato introdotto il primo monitor da gioco 4K a doppia risoluzione

Il ricercatore ha cercato l'aiuto di altri esperti e ha osservato lo strano comportamento del buco nero. Si scopre che la galassia in cui si trova era relativamente tranquilla prima di dicembre 2020. Questo mese, un terzo oggetto – forse una stella – deve essersi avvicinato molto al buco nero. L'oggetto è stato fatto a pezzi dalla gravità del buco nero, un processo che gli astronomi chiamano “spaghetti”. Il materiale della stella lacerata è finito nel disco di accrescimento, facendolo brillare ancora più luminoso.

Un buco nero divora una stella e un buco nero più piccolo orbita attorno ad essa

Secondo i ricercatori, il buco nero ha divorato i resti stellari per quattro mesi, mentre il secondo buco nero, più piccolo, si è mosso regolarmente attraverso il disco di accrescimento, garantendo il ritmo osservato di 8,5 giorni. Utilizzando simulazioni, il gruppo di ricerca ha testato questa teoria e ha concluso che deve trattarsi di un nuovo tipo di sistema Davide e Golia, un piccolo buco nero di massa intermedia in orbita attorno a un buco nero supermassiccio.

“Questa è una bestia completamente diversa”, dice Basham. “Non corrisponde a tutto ciò che sappiamo su questi sistemi. Vediamo segni di oggetti che entrano e passano attraverso il disco da diverse angolazioni, il che sfida l'immagine tradizionale di un semplice disco gassoso attorno ai buchi neri.” Il ricercatore aggiunge: “Crediamo che esista un gran numero di tali sistemi”.fattura non pagata)