Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori stanno studiando il ruolo del microbioma intestinale

I ricercatori stanno studiando il ruolo del microbioma intestinale

  1. 24vita
  2. Vivi sano

In uno studio attuale, i ricercatori americani stanno esaminando il ruolo del microbioma intestinale nello sviluppo di malattie legate all’età come il morbo di Alzheimer.

Molte malattie hanno origine nell'intestino – lo sviluppo dell'Alzheimer può essere collegato anche al microbioma intestinale, cioè ai microrganismi presenti nell'intestino. Sebbene la malattia di Alzheimer si manifesti inizialmente attraverso l'oblio e i cambiamenti comportamentali, la malattia non si limita al cervello. Le malattie legate all’età possono essere dovute alla diminuzione dei livelli di infiammazione cronica. I ricercatori hanno ora studiato cosa succede nell’intestino nel presente studio. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista specializzata “Rapporti scientifici“Pubblicato.

Microbioma malato, cervello malato? Comunicazione tra intestino e cervello

L'oblio e altri problemi cognitivi sono i primi segni della malattia di Alzheimer. Tuttavia, la malattia può iniziare nell'intestino. © Bond5 Immagini/Imago

Infatti, secondo Organizzazione sanitaria globale Circa 50 milioni di persone nel mondo soffrono del morbo di Alzheimer o di un'altra forma di demenza. Tuttavia, nei prossimi anni, molte più persone potrebbero subire le conseguenze della malattia di Alzheimer. Per poter curare precocemente la malattia o addirittura prevenirla, i ricercatori stanno cercando l'origine della demenza. Ciò è probabilmente nell'intestino, come suggeriscono gli studi attuali.

Non perdete l'occasione: trovate tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter del nostro partner 24vita.de.

I suoi predecessori Studi sugli animali sui topi È già stato dimostrato che la malattia di Alzheimer può essere trasmessa ai topi giovani attraverso la trasmissione dei microbi intestinali. Quindi c'è una connessione Tra sistema digestivo e salute del cervelloD: L'attuale studio condotto da un gruppo di ricerca internazionale guidato dall'autore dello studio Margo Heston supporta questa teoria. Quindi l’infiammazione potrebbe essere il meccanismo sottostante.

READ  Segni di infiammazione evidenti precocemente, anche senza sintomi di demenza - La pratica della guarigione

Studio attuale condotto dall'Università del Wisconsin: l'origine risiede nella mucosa intestinale

Come parte dello studio, i ricercatori hanno analizzato Università del Wisconsin Campioni di feci di un totale di 125 soggetti per calprotectina fecale. Questa proteina indica la presenza dei cosiddetti neutrofili nel rivestimento intestinale. Questi, a loro volta, sono collegati all’infiammazione. Oltre ai campioni di feci, i partecipanti dovevano completare una serie di test cognitivi, nonché interviste sulla storia familiare e test per il gene del rischio di Alzheimer. Una parte del gruppo è stata inoltre sottoposta a esami clinici per individuare segni di placche di proteina amiloide. Questi sono considerati un importante presagio di malattie neurodegenerative.

Alti livelli di infiammazione nell'intestino nei pazienti con Alzheimer

“Le persone con malattia di Alzheimer sembrano avere una maggiore infiammazione nell'intestino. “Negli studi di imaging del cervello, quelli con una maggiore infiammazione intestinale avevano un maggiore accumulo di placche amiloidi nel cervello”, spiega la psicologa Barbara Bendlin dell'Università di Harvard. Università del Wisconsin Alla rivista Science Avviso scientifico. Inoltre, nei pazienti affetti risultano aumentate anche le caratteristiche placche amiloidi Biomarcatori della malattia di Alzheimer Con i valori di infiammazione, inoltre, i risultati dei test di memoria diminuivano a seconda del livello di calprotectina.

I risultati dello studio attuale confermano studi precedenti. ricercatori americani Università del Nevada Ad esempio, è stato scoperto che alcuni batteri intestinali possono stimolare i segnali infiammatori nel cervello. Il gruppo di ricerca ha scoperto che i pazienti affetti da Alzheimer avevano livelli più elevati di infiammazione nell'intestino rispetto al gruppo di controllo. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che i cambiamenti nel microbioma causano infiammazioni a livello di sistema, secondo Margo Heston. Secondo gli esperti, questa infiammazione è lieve ma cronica. In ulteriori studi, i medici ora vogliono sapere se esiste più di una semplice relazione tra batteri intestinali e morbo di Alzheimer o se il microbioma è effettivamente coinvolto nello sviluppo della malattia.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull'argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all'autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Alla nostra redazione non è consentito rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.