Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I ricercatori avvertono del rischio di coinfezione

L’infezione con due tipi di varianti della corona è più pericolosa? In Belgio, è oggetto di indagine una donna di 90 anni che aveva contemporaneamente due diversi tipi di virus nel suo corpo.

In Belgio è morta una donna di 90 anni che ha contratto contemporaneamente due diversi tipi di coronavirus. Come hanno annunciato domenica gli scienziati, la donna non vaccinata vive da sola a casa, dove è curata da un servizio infermieristico. Dopo essere caduta più volte, è stata ricoverata all’Aalst Hospital all’inizio di marzo, dove è risultata positiva al coronavirus lo stesso giorno.

Inizialmente, la sua saturazione di ossigeno nel sangue era buona, ma poi le condizioni della paziente sono rapidamente peggiorate ed è morta entro cinque giorni, secondo una dichiarazione del Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive. I test sulle varianti del coronavirus hanno mostrato che erano stati infettati da varianti alfa e beta del coronavirus.

“Entrambi i tipi circolavano in Belgio all’epoca, quindi è possibile che la donna sia stata infettata da virus diversi provenienti da due persone diverse”, ha affermato la biologa molecolare Anne Vankerbergen dell’OLV Hospital di Aalst, che ha guidato lo studio.

Pochi casi noti

Vankerbergen ha spiegato che è difficile determinare se questa infezione articolare sia responsabile del rapido deterioramento della salute dell’anziana. Anche se non si sono ancora verificati casi di tali co-infezioni pubblicati su riviste specializzate, si presume che si tratti di “un fenomeno sottovalutato”, in quanto le varianti non sono state adeguatamente testate.

A gennaio, scienziati brasiliani hanno riferito che due persone hanno contratto contemporaneamente due diversi ceppi di coronavirus, ma anche questo studio non è stato ancora pubblicato su una rivista scientifica.

READ  Luna soprannaturale sulla Germania: questa è stata la più grande luna piena dell'anno

Lo studio belga afferma che “sono necessari ulteriori studi per determinare se l’infezione con diverse varianti sospette influenza il decorso clinico di Covid-19 e se ciò influisce in qualche modo sull’efficacia dei vaccini”, ha spiegato il virologo Lawrence Young dell’università. Warwick.