Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

I pesci velenosi mettono in pericolo i vacanzieri estivi sulle spiagge dell’Adriatico

I pesci velenosi mettono in pericolo i vacanzieri estivi sulle spiagge dell’Adriatico

  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

È bellissimo, ma estremamente velenoso: il pesce leone. La specie è distribuita lungo la costa adriatica. Il campanello d’allarme suona tra i biologi marini.

Attenzione Roma – Vacanzieri del Mediterraneo! In Italia e Croazia gli esperti mettono in guardia da un pesce predatore che può essere fatale per l’uomo. I pesci leone, che in realtà sono di casa nell’Oceano Indiano, compaiono spesso nell’Adriatico. Le sue pinne dorsali spinose contengono un potente veleno. Negli esseri umani può causare dolore, vomito e mancanza di respiro.

Minaccia soffocamento: pesci velenosi pericolosi per i vacanzieri estivi sulle spiagge dell’Adriatico

Il pesce leone (Pterois volitans) è striato con strisce contrastanti di marrone e rosso. Inoltre, lunghi raggi delle pinne circondano il suo corpo, che può raggiungere i 40 centimetri di dimensione. In acquario il pesce predatore dall’aspetto strano è adatto solo a persone esperte, come si può leggere su vari siti web correlati.

I pesci leone (Pterois volitans) sono diffusi nel Mar Mediterraneo. Secondo l’organizzazione ambientalista WWF, il pesce predatore con le sue spine velenose è una delle specie invasive più dannose. © Andrej Nekrasov/imago

Sintomi: quanto è velenoso il pesce leone rosso (Pterois volitans)?

Il suo veleno “contiene componenti che causano forti dolori e distruzione dei tessuti locali”, afferma Sito web del Centro informazioni sui veleni presso l’Ospedale Universitario di Bonn. Nei proprietari di acquari, una manipolazione imprudente dell’acqua può causare i seguenti sintomi negli arti avvelenati dai pesci leone:

  • Intorpidimento
  • infiammazione
  • Rossori e vesciche
  • I sintomi più comuni includono nausea e vomito
  • Le punture rimanenti causano infezioni della ferita e quindi compromettono la guarigione della ferita
  • Arresto respiratorio in rari casi

Fonte: gizbonn.de

Pesce leone: esiste un antidoto? Ecco perché gli esperti consigliano l’acqua molto calda

Se venite a contatto con un pesce leone, rivolgetevi immediatamente al medico, consiglia il centro antiveleni di Bonn. La ferita deve essere immediatamente liberata da spine o residui di tessuto e disinfettata.

READ  Gli orsi polari sono tornati dall'Italia: l'alta montagna e il duro - il gioco

I portatori di veleno sono proteine ​​sensibili al calore. Pertanto, la parte del corpo interessata dovrebbe essere immersa in “acqua abbastanza calda” (circa 45 gradi Celsius) per almeno 30 minuti.

Pesce leone rosso nell’Adriatico: un pesce predatore con spine velenose non solo per l’uomo.

Chiunque sia in vacanza sull’Adriatico è più probabile che si aspetti di vedere una medusa che un pesce leone altamente velenoso. Ma gli esperti avvertono che la possibilità aumenta ogni anno. Ma il pesce non è pericoloso solo per l’uomo ma anche per l’ecosistema nel suo insieme.

Problema: a differenza dell’Oceano Indiano, i pesci leone nel Mediterraneo non hanno predatori. I pesci predatori possono diffondersi liberamente e predare crostacei e piccoli pesci. Apparentemente l’invasore migrò attraverso il Canale di Suez verso il Mediterraneo National Geographic godere. Il primo esemplare è stato trovato al largo di Israele nel 1992, nella Sicilia sud-orientale nel 2016 e nel Mar Adriatico nel 2019. La specie sta ora penetrando più a ovest e a nord.

Pesce leone del Mediterraneo: colpite Italia, Croazia, Grecia e Turchia

Le conseguenze per l’ecosistema sono gravi. Secondo l’organizzazione ambientalista WWF, negli ultimi anni le popolazioni di pesci predatori sono diminuite. I pesci leone sono molto affamati e causano danni enormi. Secondo il WWF, il suo stomaco può espandersi fino a 30 volte la sua dimensione originale.

“L’esperienza di altre parti del mondo mostra quanto possa essere dannoso: alle Bahamas, un aumento del 40% delle popolazioni di pesci leone tra il 2004 e il 2010 è stato associato a un calo del 65% delle sue prede”, riporta il rapporto. WWF.

I pescatori in Italia, Turchia, Grecia e Cipro stanno già prendendo di mira il pesce leone. Perché il pesce leone è un pesce alimentare popolare. Sembra anche essere la soluzione all’invasivo granchio blu – il “killer dei mari” – al largo delle coste italiane. (ml)