Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“I migranti sono l'unica via d'uscita”

“I migranti sono l'unica via d'uscita”

  1. Home page
  2. cultura

Insiste

A Napoli ©AFP

Il giornalista italiano Enrico Diglio racconta la sua stanca e antica patria e la sua ultima speranza.

Signor Diglio, mi spieghi l'Italia.
L’Italia è diventata un paese molto antico. Gli italiani se ne sono accorti solo adesso.

L’Italia è sempre stata un paese molto antico.
C'erano sempre bambini e c'era il culto dei bambini e dei giovani. Adesso c'è solo il culto della gioventù, ma non ci sono più i bambini, non ci sono più i giovani. Gli italiani sono vecchi. Vedono la morte davanti a loro e guardano con paura i giovani che arrivano attraverso il Mediterraneo dal Medio Oriente e dall'Africa. Questi sono i figli che gli italiani non hanno più. Questa è la paura insita in ogni cosa.

Cosa fanno i politici?
La sinistra questo non lo capisce. Si è stabilizzato e non si preoccupa più dei poveri e degli abbandonati. La sinistra non ha difeso il principio del diritto alla terra. Ciò avrebbe reso italiani circa 800.000 bambini rifugiati nati in Italia. Questo sarebbe stato un segnale di speranza, non solo per i rifugiati, ma per tutti gli italiani. D'altra parte, molti di loro ricorrono a parlare della loro importanza e della loro grandezza passata.

Come avviene in molti altri paesi.
Questo è corretto. Ma penso che lo sviluppo reazionario in Italia abbia già raggiunto il suo apice. Bene, aspettiamo le elezioni europee. Ma come puoi vedere, i dipendenti in Italia sono così infelici che non puoi farci niente.

Mmm…
So che neanche Hitler era una mente brillante. Siamo troppo vecchi per credere che la politica sia una questione di intelligenza. Ma in Italia esiste ancora il senso dell’estetica. Ciò eviterà il peggio.

L'anno scorso ho visto film italiani del 1968 con centinaia di migliaia di manifestanti. E ho pensato: quanti di loro poi hanno votato Berlusconi?
Non si possono sopravvalutare i cambiamenti portati in Italia dal 1968. In Italia, le condizioni di lavoro nelle fabbriche e la convivenza di generi e generazioni sono cambiate radicalmente. La situazione delle persone è cambiata radicalmente.

READ  Ospiti e tema martedì 29 agosto

Le persone non esistono più.
Come una volta immaginava la sinistra, il popolo potrebbe non essere mai esistito. Il 1968 fu una spinta alla modernizzazione che mise da parte le persone, cosa che Pasolini vide bene. Ad essa è subentrata la società dei consumi, la società dello spettacolo. La rivoluzione del 1968 fu una rivoluzione giovanile. Alunni, studenti e lavoratori. I giovani lavoratori erano immigrati. Allora non provenivano dall’Africa, ma dal Sud Italia, e si ribellarono con i loro coetanei allo status quo.

Non ne è rimasto nulla?
L’Italia è un paese medio solido.

Le cose ora sembrano diverse e nessuno ha definito l’Italia “solida” per molto tempo.
L’Italia versa in uno stato di declino economico, politico e sociale. Non c’è sviluppo in vista da nessuna parte. Come ho detto: il paese è vecchio e sbiadito. Vent'anni di governo Berlusconi hanno stremato il Paese. In Italia una persona ricca la riconosci perché non paga le tasse. I fascisti sono di nuovo al potere, tutto è terribile. Ma l’Italia, nella sua essenza, non è ancora stata scossa.

Perchè la pensi così?
Questa notizia è apparsa ieri sera sul Telegiornale. A Roma c'è un condominio abitato da molti anni. Dieci piani di altezza. L'amministrazione comunale ha tagliato l'elettricità agli occupanti abusivi. Il cardinale 55enne responsabile dell'elemosina del Vaticano, polacco ed elettricista esperto, ha preso la sua cassetta degli attrezzi, è salito sulla sua Vespa, si è recato al condominio e si è assicurato che gli inquilini avessero di nuovo l'elettricità. “Robin Hood il Papa”, ha scritto sul quotidiano La Repubblica.

Enrico Diglio, nato a Torino nel 1947, è uno dei giornalisti italiani più famosi.  Era un redattore di giornali
Enrico Diglio, nato a Torino nel 1947, è uno dei giornalisti italiani più famosi. È stato redattore del quotidiano “Lotta Continua” e successivamente ha lavorato, tra gli altri, per “La Stampa” e per il settimanale culturale “Diario”. © Privato

L'ultima speranza dell'Italia: il cardinale!
La Chiesa non ha più alcun ruolo in Italia. Nessuno ci va più. Niente più sinistraismo, niente più cattolicesimo. La vecchia Italia non c'è più. Ma lo spirito di ribellione è ancora lì. Ma non a sinistra. Nessuno di loro ha fatto quello che ha fatto il cardinale. La sinistra è pigra. Non riesce a sollevare il sedere.

READ  Milan e Inter annunciano i piani per il nuovo stadio

C'è una via d'uscita?
L’Europa può aiutarci a ottenere di nuovo un governo più dignitoso.

Ma questo non farà tornare l’Italia giovane.
Ecco perché l’Italia ha bisogno degli immigrati. Sono l’unica via d’uscita dalla vecchia Italia. Deve trasformare i giovani immigrati in italiani. Devi essere in grado di scegliere. Devono avere rappresentanti nel sistema. Ovunque nella politica, nell’economia, nella cultura. L'unica cosa positiva in Italia viene dagli immigrati. Creano aziende, osano e rischiano qualcosa. Decine di migliaia di romeni si prendono cura di noi anziani. Senza i migranti, l’Italia non funzionerebbe a lungo.

Il Sud Italia è spopolato. Interi villaggi potrebbero essere consegnati ai migranti.
Questo è esattamente quello che ha fatto Domenico Lucano, sindaco di Riace. Ha sistemato 450 immigrati nella sua città, che ha una popolazione di 1.800 persone. Aveva già accolto i rifugiati curdi nel 1998. Nel 2017 ha ricevuto il Premio per la Pace per la città di Dresda. A fine anno il governatore della regione ha preso provvedimenti contro di lui. Nell'ottobre dello scorso anno è stato sospeso dalla carica di sindaco. È stato posto agli arresti domiciliari. È accusato di sostegno all'immigrazione clandestina. Quasi nessuno ha fatto tanto per l’Italia quanto lui.

Diventi svizzero perché la società ti accoglie.
Così dovrebbe essere in Italia. Avremo molti meno problemi. Persone provenienti dal Bangladesh e da altre parti lontane del mondo si prendono cura dei campi e del bestiame in Piemonte ed Emilia-Romagna. A Brescia il 30% dei lavoratori sono africani. Questa è la realtà in Italia e il governo italiano parla di un’Italia senza stranieri. Sarebbe la nostra rovina.

Dove vivi?
A San Francisco, in California. Andiamo in Italia ogni anno per alcune settimane.

Sei un immigrato.
Sono un cittadino americano adesso. È andato tutto molto bene. Sono sposato con una donna americana.

Questo è ciò che fanno anche i giovani migranti del Guatemala.
C'è una piccola cerimonia molto carina quando diventi cittadino americano. Ti senti davvero incluso. Quando ho parlato della mia nuova cittadinanza nel mio articolo su La Repubblica, ho citato l'ultimo discorso tenuto da Ronald Reagan come presidente degli Stati Uniti. Era il gennaio 1989. Sono parole molto belle: “Puoi andare in Francia e vivere lì, ma non puoi diventare francese; Possono andare in Germania, Turchia o Giappone e vivere lì, ma non possono diventare tedeschi, turchi o giapponesi. Ma chiunque può venire in America da qualsiasi angolo della terra, vivere qui e diventare americano… Siamo leader nel mondo perché, unici tra tutte le nazioni, attiriamo persone da ogni paese e da ogni angolo del mondo. È così che rinnoviamo e arricchiamo costantemente la nostra nazione. Mentre gli altri paesi guardano al passato, noi realizziamo i nostri sogni futuri e il mondo ci segue nel cammino verso il domani. Grazie alle ondate di nuovi arrivati ​​nella nostra terra di opportunità, la nostra nazione rimane giovane e piena di nuove energie e idee. Siamo sempre in prima linea e guidiamo il mondo verso nuovi orizzonti. Questa è una qualità fondamentale per il futuro della nostra nazione. “Se chiudiamo questa porta ai nuovi americani, perderemo rapidamente il nostro ruolo di leadership”.

READ  GZSZ: Scene drammatiche: un altro personaggio della serie sta morendo?

Il nuovo libro di Diglio si intitola “Una storia davvero orribile tra Sicilia e America” ​​ed è appena stato pubblicato in tedesco dalle edizioni Converso, in 232 pagine, e al prezzo di 23 euro. Enrico D'Aglio descrive il linciaggio di cinque siciliani avvenuto a Tallulah, cittadina della Louisiana. La schiavitù fu abolita. La manodopera per la canna da zucchero e il cotone veniva importata dall'Italia. Il razzismo ha scelto nuove vittime.

Intervista condotta da: Arno Weidmann

Leggi anche

Sequestro del film “Sea-Watch 3”.

Articolo ospite: Annegati nel Mediterraneo devono sensibilizzare l'opinione pubblica

Il cardinale sfida Salvini