Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Frisia orientale contro Repubblica Democratica Tedesca” – un gioco internazionale leggermente diverso | NDR.de – Sport

Stato: 09.10.2021 10:00 AM

Dopo la riunificazione, i club della Bundesliga di Dresda, Berlino e Lipsia “hanno cacciato”. Quasi nessuno era interessato ai calciatori della provincia della DDR. I club amatoriali Kickers Emden e SpVg Aurich ne hanno approfittato e hanno portato Steffen Baumgart e Jörg Heinrich nella Frisia orientale, tra gli altri.

È il momento del gioco internazionale. Oggi la Finlandia gioca con l’Ucraina, Andorra vs Inghilterra – e “East Friesland vs East Germany”. Con questo nome, il tifoso di calcio Kai Scholmann, che da anni accompagna anche la nazionale tedesca in partite internazionali e grandi tornei, ha organizzato un’importante partita di beneficenza che ricorda l’avventurosa storia dei primi giorni della riunificazione. La partita inizia oggi a Emden alle 15:30. A causa della corona, sono ammessi solo 1.000 spettatori.

Primo contatto con l’Occidente nella Frisia orientale

Più di una dozzina di giocatori della Repubblica Democratica Tedesca si sono trasferiti nella Frisia orientale in quel momento. La maggior parte di loro vive ancora lì, come consulenti fiscali, gestori di supermercati o gestori di case sportive. Baumgart di Rostock è ora l’allenatore della Bundesliga 1. FC Colonia, Heinrich ha iniziato la prima divisione dopo un periodo a Emden per SC Freiburg, Borussia Dortmund, Firenze ed è diventato un giocatore nazionale.

Ora si riuniscono di nuovo tutti sulla riva nord del Dollart e giocano contro un gruppo selezionato di indigeni Frisone Orientali, tra gli altri. L’allenatore del St. Pauli Timo Schultz appartiene. “Ostfriesen Zeitung” ha chiesto a Baumgart cosa associa ancora al suo periodo ad Aurich dal 1991 al 1994: “Questo è stato il mio primo contatto con l’Occidente, anche se si chiama East Friesland. Sono stati tre grandi anni”, ha detto.

READ  EM 2021: Solo 1-1 in Ungheria-Francia, lo stadio era pienissimo

“Il pacchetto all inclusive era interessante”

Aurich ed Emden giocavano solo nella Lega della Bassa Sassonia, ma entrambi avevano grandi ambizioni sportive e, soprattutto, avevano ricchi sponsor. “Il pacchetto complessivo era interessante”, ha spiegato Stefan Prause. Al momento della caduta del muro di Berlino, il 51enne giocava per la squadra olimpica della DDR e per l’FC Vorwärts Frankfurt (Oder). Ma quando il sistema sportivo è crollato nell’Est, a Emden gli è stato offerto un apprendistato e un appartamento, nonché un ruolo da regista per PSV Kickers. E ogni volta che l’australiano prendeva una decisione a favore della Frisia orientale, era sempre una scusa anche per gli altri per prendere l’iniziativa.

Informazioni aggiuntive

La Bundesliga è stata un grande incentivo per molti giocatori della Germania dell’Est a fuggire in Occidente. Uno dei primi aerei ad atterrare a Braunschweig e l’ultimo è arrivato da Rostock. Di più

Baumgart ha lavorato ad Aurich come meccanico d’auto presso l'”Autohaus am Deich”, e in seguito il vincitore della UEFA Champions League Heinrich ha lavorato come impiegato per la catena di distributori di benzina del presidente di Emden. “Certo, avevo già altre idee e volevo diventare professionista”, ha detto Prause. Tra le altre cose, ha completato un corso di pilotaggio all’Hertha BSC, ma è stato preferito da Mario Basler. “Alla fine ho accettato l’offerta dei Kickers. Era importante saperlo con esattezza: ci sono già giocatori che conosco in parte per scuola. Di certo non sarei venuto quassù nella nebbia azzurra. L’Ostfriesland dall’altra parte era una Repubblica .”

Migliore adattamento grazie al successo sportivo

All’Aurich c’erano undici giocatori dei nuovi Länder nei 22 convocati per la stagione 1991/92. E a Emden, l’euforia calcistica è scoppiata con giocatori altamente preparati come Heinrich, Prause e Co. Nel 1991, il club è stato promosso in terza divisione. Nel 1994, ha raggiunto il girone di promozione nella seconda Bundesliga tedesca, in cui alla fine si è qualificato FS a Francoforte. Calciatori Emden – Eintracht Braunschweig 5: 2. Calciatori Emden – VFL Osnabrück 3-0. Ecco come finirono i giochi in quel momento. Il successo sportivo ha reso tutto più semplice: adattamento a un nuovo mondo e accettazione tra i giocatori.

READ  'Non mi arrenderò': racconta Eriksen dopo aver subito un arresto cardiaco

Guarda la Frisia orientale e resta

“I Frisone orientali sono sempre descritti come testardi e duri. Ma è vero il contrario. Emden era appassionato di calcio e siamo stati accolti calorosamente”, ha detto Prause.

Baumgart in seguito ha collezionato 225 presenze in Bundesliga per Hansa Rostock, VFL Wolfsburg ed Energie Cottbus. Più tardi, Prause si chiede a volte: avrebbe dovuto andarsene dopo i primi anni a Emden? Ad Hannover 96? Al VfL Osnabruck? Ma rimase – come molti – fedele alla Fresia orientale. Ha costruito una casa, è nata sua figlia e ha iniziato la sua attività come agente immobiliare e gestore di proprietà: “Non era il mio piano per rimanere qui. Ma puoi prendere piede qui, puoi vivere tranquillamente e comodamente qui. Bisogna fare qualcosa nell’Ostfriesland.”

Il bavarese Norbert Nachtweh ha presentato il trofeo del campionato nel 1986. © Immagini Imago

Video: Norbert Nachtweh: da rifugiato a stella del Bayern Monaco (30 minuti)

Informazioni aggiuntive

Lutz Eigendorf con la maglia dell'Eintracht © picture-alliance

Nel 1983, Lutz Eggendorf, rifugiato dalla Repubblica Democratica Tedesca e calciatore professionista di Braunschweig, era ubriaco e morì in un incidente d’auto. Gli esperti credono in un omicidio della Stasi. Cosa è successo il 5 marzo? Di più

L'allenatore di Rostock Uwe Reinders © picture-alliance

Reynders era uno dei pochi allenatori che andava da ovest a est in autunno. Con lui, Hansa è diventato il campione NOFV-Oberliga il 4 maggio 1991. Altro

I giocatori nello stand esultano e bevono champagne.

Schwerin vs Dresda era il nome della finale di Coppa della Germania dell’Est del 2 giugno 1990. Segnata dall’incertezza, la lente d’ingrandimento di un anno selvaggio. Una storia di cacciatori di affari, sogni infranti, rivolte e spie. Di più

Questo argomento è nel programma:

palestra | 10/3/2021 | 22:50

NDR. logo