Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Semifinali della Nations League: le due squadre della Francia – sport

Theo e Lucas Hernandez sono carne dello stesso corpo, figli della stessa madre e padre lasciati. Sono fisicamente simili tra loro. Ma ci sono alcune differenze tra il terzino sinistro del Milan Theo e suo fratello, che da diversi anni sta giocando bene al Bayern Monaco.

In questi giorni, lo stesso Theo ha detto che lui, ad esempio, ha subito molte più sconfitte del fratello, con cui giovedì ha giocato per la prima volta nella semifinale di Nations League contro il Belgio a Torino. Nazionale francese gioco. “Se perdo, mi sentirò male. Non molto per lui, credo”, ha detto Theo Hernandez. E così è stato quasi simbolico che sia stato lui a ridurre il rischio di sconfitta quando, al 90′, ha colpito un superbo tiro dall’angolo sinistro dell’area di rigore sul palo destro, il belga con un’apertura alare di oltre due metri. Il portiere Thibaut Courtois l’ha fatta sembrare minuta come lo svizzero Jan Sommer.

Karim Benzema è stato il primo a congratularsi con Theo e poi a seppellirlo, estasiato dalla sfida tra Francia e Spagna nella finale di Milano di domenica. E anche sul fatto che molti dei necrologi dei campioni del mondo 2018 sono tornati nel vassoio. Questo non era garantito tranne che era previsto nel primo tempo nello stadio della Juventus relativamente poco riempito a Torino. Non solo perché il Belgio è andato in vantaggio per 2-0. Molto probabilmente perché quel proiettile era secco e privo di umorismo, e la Francia sembrava sorprendentemente grassoccia, come se la squadra fosse ancora troppo impegnata a metabolizzare il non così nuovo passaggio a un sistema 3-4-3.

READ  Notizie Olympia 2021: - Sport

Benjamin Pavard sembrava male quando ha subito il primo gol

I gol erano perfetti per questo, e avevano come spettatori i campioni del Bayern. Quando il belga è diventato 1-0 con Yannick Carrasco (37), è diventato chiaro che il terzino destro del Monaco Benjamin Pavard non si era accorto che il governo italiano aveva appena abolito le regole sulla distanza, l’attaccante dell’Atlético è riuscito a tirare da dodici metri e il portiere . Hugo Lloris parte con il piede sbagliato.

Nella vittoria per 2-0, il gigantesco attaccante belga Romelu Lukaku è riuscito a schivare Lucas Hernandez sulla destra e ha messo la palla sotto la traversa così forte che se la cerchi, probabilmente potresti trovare tracce di fumo su di essa. Tempio di Loris. Ma si è rivelata una porta d’ingresso al tormento dei belgi. “Non sapeva che lo stava usando per impostare una sveglia nel camerino francese”, ha scritto l’osservatore del quotidiano italiano. Repubblica. Quello che gli eventi reali potrebbero colpirlo come probabile: ha attivato la voce dell’allenatore della Francia Didier Deschamps.

Due dei francesi possono solo guardare indietro: Lucas Hernandez (a destra) Romelu Lukaku del Belgio – e l’unico portiere Hugo Lloris.

(Foto: Norbert Scannella / Panoramico / Imago)

Vincitori successivi come Kylian Mbappé e Hugo Lloris, che erano instabili nel primo ed eccitanti nel secondo, hanno riportato parole corrette e facoltativamente chiare. E sappiamo dal passato che Deschamps può essere tossico e chiassoso a porte chiuse. Quando lo stesso allenatore ha poi riportato il discorso dell’intervallo, sicuramente è suonato diverso perché sembrava che avesse solleticato l’orgoglio della sua squadra come un violinista su quello di Pizzicato. I giocatori sono entrati negli spogliatoi abbattuti, li ha sistemati e ha chiesto loro di non stare bassi e di comportarsi in modo più aggressivo. “Se non sei al livello che dovresti essere, allora le parole contano, sì. Sono lì per questo”, ha detto Deschamps. “Ma (la vittoria) è stata grazie a loro, a tutti.” Come nel disastro del Campionato Europeo di quest’anno contro la Svizzera, la Francia si è trasformata in una squadra a due facce. Solo diverso.

Il Belgio aspetta il titolo da più di 100 anni

È noto che la Francia ha perso un vantaggio di 3-1 contro la Svizzera e ha perso ai rigori 4-5. A Torino, la Francia ha girato la partita in meno di 30 minuti. Karim Benzema ha segnato il gol importante 1:2 affermandosi in un gruppo di difensori generali e sparando in porta; Antoine Griezmann ha poi tirato un calcio di rigore in un duello con Yuri Tillmans in area di rigore tramite il video arbitro girato da Mbappe; Alla fine è stato Hernandez a segnare il gol della vittoria. I belgi hanno avuto il cuore spezzato quando non sono riusciti a superare il fatto che il VAR aveva segnato un gol di Romelu Lukaku per fuorigioco sul 2-2.

I belgi sono ancora alla ricerca del loro primo titolo dalle Olimpiadi del 1920. L’allenatore visibilmente malato Roberto Martinez ha detto che la sensazione di avvicinarsi alla finale era un peso per la squadra: “Volevamo finire la partita il più rapidamente possibile e non abbiamo fatto quello che dovevamo fare più”. Calcio di rigore: la partita per il terzo e quarto posto nello stesso posto contro l’Italia “che non serve a nessuno”, come canticchiava il portiere Courtois. Eden Hazard dovrebbe essere visto sugli spalti. È stato sostituito e sembra essere ferito.

Per i francesi, invece, la finale di Milano rappresenta un’occasione per mettere a tacere le voci sul complesso funzionamento interno della nazionale francese, non solo per il ritorno di Benzema. “Il titolo è in palio ed è importante vincere titoli”, ha detto Deschamps. Ma allo stesso tempo ha anche messo in guardia sui giovani spagnoli che mercoledì hanno battuto i campioni d’Europa dell’Italia. Questo potrebbe essere un fattore, ha detto Deschamps, perché gli spagnoli erano una squadra contro gli italiani “che riuscivano sempre a stancare gli avversari confiscando palla”. Cosa si può affrontare? “Giocare con una seconda palla”, ha detto Deschamps.