Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Fila della pesca: la Gran Bretagna dà un ultimatum alla Francia

Stato: 01.11.2021 11:49

La lite sulle licenze di pesca si sta intensificando: la Gran Bretagna ha ora fissato alla Francia un termine di 48 ore per la resa, oppure Londra vuole chiedere risarcimenti dall’accordo Brexit.

Nella disputa sulla pesca con la Francia, la Gran Bretagna ha emesso un ultimatum. “Questo problema deve essere risolto entro le prossime 48 ore”, ha affermato il segretario di Stato Liz Truss, anchor di Sky News.

In caso contrario, Londra avvierà il meccanismo di risoluzione delle controversie concordato nell’accordo sulla Brexit per richiedere un risarcimento. “Smettetela di minacciare i pescherecci britannici”, ha detto. “Smettila di minacciare i porti del canale e accetta che siamo pienamente qualificati per rilasciare licenze di pesca in conformità con l’accordo commerciale”, ha detto Truss. La Francia ha lanciato “minacce del tutto irragionevoli, anche contro le Isole del Canale e l’industria della pesca britannica. Queste minacce devono essere ritirate”.

Truss ha detto che la Francia ha agito ingiustamente. “E se qualcuno agisce ingiustamente su un accordo commerciale, hai il diritto di agire contro di loro e chiedere azioni correttive. E lo faremo se i francesi non si arrendono”.

La Francia ha chiesto un accordo entro martedì

La disputa tra i due paesi ruota attorno ai diritti di pesca dopo che la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea. Parigi accusa Londra di aver punito i pescatori francesi permettendo loro di pescare nelle acque britanniche. I pescatori francesi non si sarebbero assicurati le licenze per gettare le reti nelle acque britanniche. Secondo le informazioni britanniche, si tratta di alcune decine di imbarcazioni francesi che non avevano una licenza di pesca perché non potevano provare i documenti richiesti.

READ  I repubblicani cacciano Blaise Cheney - 'abolito'

In caso di mancato accordo entro il 2 novembre – domani – la Francia ha annunciato che chiuderà alcuni porti ai pescatori britannici e inasprirà i controlli su barche e camion britannici. Anche i camion dovrebbero essere attentamente monitorati.

Pochi giorni fa la Francia ha arrestato il cutter britannico “Cornelis Geert Jean” e ha avvertito un’altra imbarcazione perché le due navi navigavano in acque francesi senza patente. Da parte sua, la Gran Bretagna ha minacciato di arrestare i pescherecci francesi.

Non c’è accordo al vertice del G-20

Il presidente francese Emmanuel Macron ritiene che la palla sia dalla parte britannica. Un incontro tra il primo ministro britannico Boris Johnson e Macron a margine del vertice del G20 non ha portato ieri ad alcun rilassamento. Un alto funzionario del governo francese ha affermato che Macron e Johnson erano unanimi sulla necessità di parlare “in uno stato di grande tensione”. Ma Londra ha negato che Johnson e Macron avessero accettato di prendere provvedimenti per ridurre la lite. Spettava interamente alla Francia calmare le cose.

Non è l’unico conflitto tra il Regno Unito e l’UE che potrebbe gettare un’ombra sul vertice sul clima COP26 a Glasgow. Nella disputa sulle regole speciali per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea per l’Irlanda del Nord, le due parti si sono accusate a vicenda.