Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Potrebbe distruggere il pianeta”: la Corte Suprema interviene per proteggere il clima

“Può distruggere il pianeta”
La Corte Suprema interviene per tutelare il clima

Da Roland Peters

Quando si tratta di inquinamento atmosferico, la colpa è dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (EPA). Per volere degli stati repubblicani e dell’industria del carbone, la Corte Suprema sta ora valutando se questo significhi troppo potere. I protettori del clima lanciano l’allarme.

Cosa può dettare per le imprese l’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti (EPA)? Questo è ciò che prenderà in considerazione la Corte Suprema degli Stati Uniti. Una corte federale aveva precedentemente conferito all’EPA ampi poteri. L’industria del carbone e le nazioni governate dai repubblicani hanno presentato ricorso alla Corte Suprema e sono ora ascoltate. I sostenitori del clima temono il peggio: che la Corte Suprema dell’EPA faccia un passo indietro e che la protezione ambientale diventi più un burattino di interessi politici di quanto non lo sia già, e quindi anche di potenti lobbisti nel settore dell’energia fossile.

Negli ultimi anni sono state ricoperte diverse posizioni di giudice; Sono stati nominati dall’ex presidente Donald Trump. La Corte Suprema ne ha uno lavagna vuota ricevere; 6 giudici su 9 sono conservatori. Molti repubblicani vedono un’opportunità storica per cambiare a loro favore. Gli oppositori dell’aborto in particolare sperano che la Corte Suprema determini la precedente sentenza della Corte Suprema Tende. L’aborto è consentito negli Stati Uniti dal 1972. Si attendono con ansia disposizioni sulla legge sulle armi da fuoco e sulla libertà religiosa.

Quindi ora la Corte Suprema si sta coinvolgendo troppo nella politica climatica. Il West Virginia guida un totale di 18 stati davanti alla Corte Suprema contro la giurisdizione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente. La Virginia Occidentale è il secondo stato più grande produttore di carbone negli Stati Uniti dopo il Wyoming. Secondo un recente studio dell’università locale, il 17% della produzione economica dello stato e 33.000 posti di lavoro dipendono dal carbone. Il passaggio alle energie rinnovabili significa per lui una nuova era.

‘cambiamenti drammatici’

Nella loro denuncia, stati e aziende criticano il fatto che la sentenza della corte federale consente all’EPA di “stabilire standard a livello regionale e persino nazionale e di imporre cambiamenti radicali su come e dove viene prodotta l’elettricità e anche di cambiare ogni altro settore economico”. Ed è esattamente ciò che afferma il Clean Air Act, che l’autorità ha concesso per la prima volta le competenze di base nel 1963.

La legge richiede all’Agenzia per la protezione dell’ambiente di determinare i “modi migliori per ridurre le emissioni” per gli inquinatori e quindi indirizzare gli stati ad agire di conseguenza. Quando Barack Obama ha perso la maggioranza in entrambe le camere del Congresso durante la sua presidenza, ha voluto iniziare la transizione energetica attraverso l’Agenzia per la protezione dell’ambiente attraverso il suo “Piano per l’energia pulita” e sostituire gradualmente l’energia dal carbone con le rinnovabili. La Corte Suprema ha sospeso il piano e Donald Trump lo ha sostituito con una norma favorevole all’industria l’ultimo giorno della sua presidenza.

Fondamentalmente, i querelanti vogliono che le autorità non dettino loro nulla in futuro e che tutto debba essere deciso dal Congresso. “La Corte Suprema potrebbe distruggere il pianeta”, ha twittato il democratico, inorridito. “È come un terremoto per coloro che hanno a cuore il clima”, ha detto al New York Times il professore di diritto di Harvard Richard Lazarus: La decisione della corte potrebbe ridurre drasticamente la capacità del governo di limitare le emissioni di gas serra dalle centrali elettriche della nazione. Sarebbe un tassello importante attraverso il quale gli Stati Uniti potrebbero raggiungere il loro obiettivo di protezione del clima: dimezzare le emissioni entro il 2030 rispetto al 2005.

grande resistenza

Biden ha presentato giovedì i suoi piani per investire $ 555 miliardi in programmi di protezione del clima, come il finanziamento di auto elettriche e celle solari. La Casa Bianca è convinta che questo dimezzerà le emissioni. Il piano a lungo termine è seguito domenica: il secondo più grande inquinatore al mondo dovrebbe essere neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. “I nostri investimenti e le nostre politiche sosterranno l’economia, rafforzeranno la nostra comunità e miglioreranno la qualità della vita”, Gina McCarthy, consigliere nazionale per il clima della Casa Bianca. disse.

Volontà e parole da sole non bastano. In ogni caso, i critici dubitano che gli sforzi pianificati saranno sufficienti. Non è nemmeno chiaro se il presidente possa raggiungere l’obiettivo anche attraverso i canali parlamentari e quindi attraverso la legislazione. C’è una grande resistenza da parte degli affari e del Congresso. Biden può attualmente avviare misure come la regolazione delle emissioni inquinanti dalle centrali elettriche a carbone con l’aiuto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA). Ma è necessario chiarire se ciò è consentito del tutto. Ora vuole decidere la Cassazione.

La corte ha ignorato l’invito del governo Biden a rimanere fuori casa fino a quando l’agenzia non stabilirà nuove regole. Il suo direttore, Michael Reagan, si è detto “estremamente ottimista” sul fatto che l’EPA abbia il diritto di ridurre le emissioni di anidride carbonica dalle centrali elettriche a carbone: “Non scoraggeremo la nostra missione”. A giugno è attesa la sentenza della Corte Suprema.

READ  'Piano B' per l'inverno Corona: la Gran Bretagna mantiene aperte le procedure