Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Esito della conferenza sul clima: “Come scienziato sono deluso”


un’intervista

Stato: 20/11/2022 15:31

Non abbastanza, troppo vago e troppo lento: il ricercatore climatico Pörtner è deluso dai risultati della conferenza sul clima. Ha detto che l’obiettivo di 1,5 gradi non era più raggiungibile Tagesshaw 24-un’intervista.

Tagesschau.de: Sono stato in Egitto quasi tutto il tempo alla conferenza sul clima. Da un punto di vista accademico: quanto sei soddisfatto del lavoro finale?

Hans Otto Portner: Sono abbastanza soddisfatto per alcuni aspetti. Nel documento finale vengono citati in modo prominente i rapporti dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPPC). L’obiettivo di 1,5° è indicato anche come obiettivo comune. Tuttavia, non è stata raggiunta alcuna svolta nel senso che questo obiettivo dovrebbe essere perseguito con la massima priorità. Si accennano invece alle misteriose formule che consentono l’uscita. Ciò riflette anche le discussioni dei giorni scorsi e le strategie immutate di alcuni attori negli ultimi anni. Soprattutto coloro che vogliono vendere combustibili fossili e coloro che credono che lo sviluppo economico dia loro il diritto di utilizzare combustibili fossili su larga scala.

Tagesschau.de: L’addio al petrolio e al gas non è stato menzionato esplicitamente nella dichiarazione di chiusura. Questo significa che non è successo niente neanche in quest’area?

facchino: Certo, questa è una specie di stampella. Si dice che le emissioni debbano diminuire drasticamente e che dobbiamo raggiungere una riduzione delle emissioni dal 45 al 50% entro il 2030. Ma il petrolio e il gas non sono menzionati esplicitamente. Si chiama carbone, anche se tutti sanno che quando parliamo di emissioni, intendiamo principalmente emissioni da combustibili fossili. Certo, non dobbiamo dimenticare coloro che lavorano nell’agricoltura e nella silvicoltura.

In questo modo si installano scappatoie che renderanno le cose difficili per i prossimi anni e che ritarderanno di nuovo tutto. La grande domanda qui è: possiamo aumentare la velocità in modo da arrivare ancora a 1,5 gradi? Non possiamo farlo con i nostri sforzi attuali.

Tagesschau.de: Come scienziato del clima, sei frustrato dal fatto che l’obiettivo di 1,5 gradi sia stato fissato sulla carta ma sia quasi impossibile da raggiungere?

facchino: Ecco com’è. C’è un altro divario tra gli obiettivi e l’attuazione. Naturalmente, bisogna anche valutare positivamente che sia stato trovato un meccanismo o un approccio. Si è discusso anche della copertura dei danni, ad esempio, e del finanziamento dell’adattamento. Questi sono tutti aspetti importanti.

Ma abbiamo lacune di attuazione. L’iniziativa dell’UE, che dice addio alla vecchia visione secondo cui, ad esempio, la Cina è ancora considerata un paese in via di sviluppo come il più grande emettitore mondiale, ma anche la Cina condivide naturalmente la responsabilità, dovrebbe essere positivamente evidenziata.

Per me come scienziato, è difficile capire quando la politica indebolisce questo legame causale molto evidente, perché alla fine noi come umanità abbiamo una responsabilità comune per il cambiamento climatico. Non esistono buoni emettitori e cattivi emettitori, ma siamo tutti chiamati a ridurre le nostre emissioni nel modo più attivo e ambizioso possibile. Perché il tempo sta per scadere. La finestra temporale in cui possiamo ancora limitare il riscaldamento a 1,5 gradi si sta chiudendo. E più chiuderanno, più alcuni stati rivendicheranno esenzioni per se stessi. Questo è ciò che stanno facendo i mercati emergenti e coloro che vendono combustibili fossili.

“Stai giocando con il futuro delle generazioni future.”

Tagesschau.de: Cosa succede nello specifico se non riusciamo a mantenere 1,5 gradi? Forse questo non è ancora chiaro a molte persone …

facchino: Anche con così tanti politici, una comprensione più profonda del fondamento naturale delle nostre vite sembra insufficiente. Quando la temperatura sale a 1,5 gradi, possiamo ancora mantenere molti rischi a un livello moderato. Inoltre, stiamo entrando in periodi ad alto rischio. Questo vale per la perdita di vite umane a seguito di eventi estremi. Stiamo già vedendo centinaia di migliaia di persone colpite, soprattutto quando sono state installate misure di risposta inadeguate.

Soffriremo una perdita della natura. C’è già ora una perdita di habitat nei tropici. Stiamo perdendo coralli d’acqua calda in tutto il piatto e questa tendenza continuerà. Come esseri umani, siamo parte della natura. Per come siamo stati cresciuti alla fine, apparteniamo al regno animale. Anche per noi inizialmente perderemo l’habitat ai tropici a causa del caldo, degli estremi, della siccità e della perdita di cibo. Ci sono anche inondazioni. L’innalzamento del livello del mare supererà il metro. Tutte cose per le quali non vale la pena lottare. Questo dovrebbe essere chiaro a tutti. E lì non puoi fare concessioni, perché stai giocando con il futuro delle prossime generazioni.

READ  Teoria di laboratorio: nuovi documenti dalla Cina alimentano tesi sull'origine del virus

Tagesschau.de: Cosa desideri che contenga questo documento?

facchino: Era più logico implementare i risultati della scienza uno contro uno e non scrivere formule oscure e buone intenzioni. Sfortunatamente, questo a volte è il risultato della ricerca di compromessi nei negoziati. Avremmo dovuto implementare riduzioni delle emissioni del sette percento ogni anno dal 2020 – siamo molto lontani da questo. Ad ogni modo, e questa è l’ultima visione del gruppo di lavoro III del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico, dovremmo ridurre in modo massiccio le emissioni entro il 2025. E quello era davvero un compromesso con la realtà. E dobbiamo dire molto chiaramente che la specificazione quantitativa della scienza deve essere attuata in questo modo, altrimenti non sarebbe possibile. I politici devono anche capire che l’esperienza deve davvero guidare qui e che anche i principi guida devono essere fissati.

“false concessioni”

Tagesschau.de: La conferenza sul clima 27 è terminata. Sei deluso dopo questo risultato perché non è successo abbastanza dal punto di vista scientifico?

facchino: Come scienziato, sono deluso. Perché vedo che non c’è abbastanza comprensione dei fatti scientifici e perché non sono applicati correttamente. E ovviamente sono molto deluso come persona, come padre, come nonno, perché vedo che è in gioco il futuro delle generazioni future, per amore di vantaggi a breve termine.

E c’è un grosso inconveniente: il diritto allo sviluppo è affermato, in particolare da chi usa o vende combustibili fossili. Nessuno metterà in dubbio questo diritto allo sviluppo, allo sviluppo economico. Ma qui deve essere stabilito un accoppiamento chiaro, in modo che lo sviluppo sia possibile solo con l’aiuto delle energie rinnovabili, e il ritmo da entrambe le parti deve essere adeguato di conseguenza. Da un lato, ciò che la Cina sta facendo in questo momento è impressionante. Forse nessun altro paese sulla Terra è così ambizioso nello sviluppo di energie rinnovabili. Ma la stessa cosa sta accadendo dal lato dei combustibili fossili e l’umanità si sta sparando. E quindi è un altro esempio lampante di errore di calcolo e dei conseguenti ritardi.

READ  Sociologo della religione: la reazione della Chiesa alle tendenze negative

‘Serve una svolta’

Tagesschau.de: Secondo lei, c’è qualche vantaggio in questo vertice sul clima?

facchino: L’iniziativa dell’UE, che rende positivi tutti i principali emettitori, compresa la Cina. Nessun paese può più affermare che siamo un paese in via di sviluppo e quindi essere autorizzato a emettere emissioni più enormi di altri e quindi altri sostenere i costi del danno che causiamo. Speriamo che questo dilemma possa essere risolto nel prossimo futuro. Questa non è ancora la fine della discussione. C’è un modo.

Anche i partenariati energetici per aiutare i paesi in via di sviluppo a eliminare gradualmente i combustibili fossili il più rapidamente possibile sono positivi. È positivo che vi sia anche la necessità di agire sull’adattamento e che si stiano compiendo sforzi per formulare un obiettivo globale sull’adattamento. C’erano anche modifiche. Prendiamo le inondazioni del Pakistan con gravi danni. Poi prendiamo il Bangladesh, dove le misure di adattamento sono riuscite a contenere danni, vite umane e perdite di vite umane. Quindi l’importanza dell’adattamento è aumentata.

Anche le questioni di finanziamento sono importanti, ovviamente. Anche qui ci sono segnali che le cose potrebbero andare nella giusta direzione. Ma la valutazione complessiva del vertice sul clima deve essere: insufficiente, velocità di attuazione, svolta non ancora raggiunta e semplicemente non possiamo più permetterci di ritardare. Abbiamo bisogno di una svolta per affrontare quanto affermato dal Cancelliere Olaf Scholz. E non solo in relazione alla Russia, il mondo ha vissuto una svolta in un futuro veramente sostenibile.

Intervistato da Anja Martini, tagesschau.de e tagesschau24. Modificato per la versione scritta.