Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Dopo mesi di violenze: l’Etiopia annuncia un cessate il fuoco nel Tigray

Stato: 06/09/2021 10:57

Dopo mesi di combattimenti, il governo etiope ha annunciato un cessate il fuoco nella regione assediata del Tigray. Il motivo sono le catastrofiche condizioni umanitarie nel Paese. Le Nazioni Unite vogliono affrontare la situazione il prima possibile.

Otto mesi dopo l’inizio dei combattimenti nella zona di crisi etiope del Tigray, il governo ha sorprendentemente annunciato un cessate il fuoco unilaterale. Su richiesta della dirigenza locale e per motivi umanitari, ha detto il Dipartimento di Stato su Twitter, i combattimenti sono stati immediatamente sospesi. Il governo centrale ha formato un governo regionale ad interim nel Tigray contro la volontà del Fronte di Liberazione del Tigray, che, secondo l’annuncio ufficiale, lunedì ha chiesto un cessate il fuoco.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha annunciato su Twitter di aver parlato con il primo ministro etiope Abiy Ahmed e ha espresso la speranza che i combattimenti si fermassero davvero. Inizialmente non era chiaro quanto dovesse durare il cessate il fuoco e se anche il TPLF volesse aderire ad esso.

Cessate il fuoco per il raccolto

L’annuncio è stato una sorpresa per molti osservatori. Secondo notizie su Twitter non confermate ufficialmente, i rappresentanti del governo centrale etiope avrebbero lasciato la città in fretta e furia. Secondo quanto riferito, i ribelli del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) hanno preso posizione in città. Al momento non è stato possibile condurre una revisione indipendente dei rapporti.

Il governo etiope ha affermato che il cessate il fuoco dovrebbe consentire agli agricoltori del Tigray di coltivare i propri campi e consentire alle organizzazioni umanitarie di operare liberamente nel Tigray. Il cessate il fuoco sarà in vigore inizialmente fino alla fine della stagione del raccolto.

READ  La Turchia rende difficile perseguire lo stupro: le attiviste per i diritti delle donne terrorizzate

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe occuparsi della questione del Tigray. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Irlanda hanno chiesto lunedì una riunione dell’organo più potente delle Nazioni Unite. Secondo i diplomatici, non è stata ancora fissata una data per l’incontro. Secondo l’ONU, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha contattato il primo ministro Abiy Ahmed. Guterres ha poi annunciato che sperava di porre fine ai combattimenti. La situazione in Tigray è “estremamente preoccupante”.

disastro umanitario

A novembre, il governo di Addis Abeba ha lanciato un’offensiva militare contro il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, fino ad allora al potere nell’omonima regione nel nord dell’Etiopia. Lo sfondo di questo è stato anni di tensioni tra il TPLF e il governo centrale. Altri attori sono ora coinvolti, comprese le forze e le milizie eritree.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, circa 350mila persone nella regione rischiano la fame. Migliaia di persone sono state uccise e circa 1,6 milioni di persone sono state sfollate. A causa della situazione della sicurezza e degli ostacoli burocratici, da molto tempo le organizzazioni umanitarie non sono in grado di raggiungere pienamente tutti i bisognosi.

Guterres ha affermato che è essenziale proteggere i civili, l’accesso umanitario alle persone e una soluzione politica.