Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Donna uccide stupratore – La Francia è solidale

In Francia è iniziato uno straordinario processo per omicidio. Una donna che ha ucciso suo marito. Ma l’imputato ha molti sostenitori che rivendicano la loro libertà, perché la donna stessa è stata una vittima.

All’inizio è stata violentata e picchiata dal patrigno per anni, poi lui l’ha sposata e alla fine l’ha costretta a farlo prostituzione: Poiché una donna francese ha ucciso il suo carnefice, è sotto processo da lunedì. “Dovevo finirlo”, ha scritto Valerie Bacou, ora 40enne, in un libro pubblicato di recente Tout le monde savait (lo sanno tutti).

Ma la cosa straordinaria del processo non è solo la situazione giuridica, ma anche la solidarietà che sperimenta l’imputato. Più di 600.000 persone hanno firmato una petizione online. Il titolo è “Libertà per Valérie Bacot!” Le persone hanno anche collaborato con Valérie Bacot su Twitter e Instagram.

Rapporto di Baku su “Inferno grave”

Ad esempio, pubblicano foto con cartelli in evidenza che dicono che supportano Valerie Bakut perché è lei la vera vittima. Inoltre, gli attivisti hanno messo note sui muri delle case chiedendo il rilascio degli accusati.

All’inizio del processo davanti alla corte con giuria di Châlons-sur-Saone, nella Francia orientale, Bacott ha riferito dei “gravi inferni” che aveva vissuto da quando aveva 12 anni. Fu allora che il compagno di sua madre iniziò a violentarla. Daniel Bullitt ha continuato a farlo anche dopo aver scontato una pena detentiva per abusi. A 17 anni, Bakout è rimasta incinta per la prima volta del 25enne e lo ha sposato dopo che sua madre l’ha cacciata di casa. Oggi ha quattro figli da lui.

READ  California: tre persone sono morte in un sospetto incidente con un rimorchiatore

L’imputato uccide un uomo con un colpo

Quando le è stato chiesto dal giudice capo Celine Therm se avesse mai provato amore per Paulette, l’imputata ha risposto: “Ho sempre fatto quello che mi ha detto”. Ha colpito l’alcolista, preso a calci e strangolato la sua giovane moglie e alla fine le ha offerto i camionisti nell’auto di famiglia per la prostituzione per fare soldi con lei.

Una domenica di marzo 2016, ha detto che non ne poteva più. Ha preso la sua pistola con la quale l’ha minacciata più volte e lo ha ucciso con un solo proiettile nel collo. E come giustificazione, ha detto che voleva risparmiare la stessa sorte alla figlia quattordicenne Carlin.

Bakut rischia l’ergastolo e i suoi avvocati chiedono l’assoluzione. L’avvocato di Pacot, Janine Bonagionta, ha affermato che Pacot ha “subito gravi violenze per 25 anni”. “Questo potrebbe spingere una donna disperata a uccidere per sopravvivere da sola”.