Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Jamal Khashoggi: Secondo il New York Times, i colpevoli negli Stati Uniti hanno addestrato le forze paramilitari

Quattro uomini su sauditaChi ha partecipato all’omicidio di un giornalista critico Jamal Khashoggi Era coinvolta, apparentemente in Stati Uniti d’America Le forze paramilitari sono state addestrate. Il Lo riporta il New York Times. Il giornale cita documenti di unità di formazione e dichiarazioni di persone che hanno familiarità con il caso.

Di conseguenza, i quattro uomini hanno partecipato all’addestramento paramilitare per la società di sicurezza Tier 1 Group negli Stati Uniti nel 2017, un anno prima che Khashoggi fosse assassinato. Secondo il NYT, l’azienda ha dichiarato che l’obiettivo della formazione è preparare i partecipanti a proteggere i leader sauditi. Questo avrebbe potuto includere unità come “Tiro” e “Difesa offensiva”. Il giornale ha riferito che il Dipartimento di Stato americano ha approvato un addestramento militare per la Guardia Reale saudita.

Khashoggi è nato il 2 ottobre 2018 presso il consolato saudita di Istanbul È stato ucciso da una squadra speciale di 15 uomini. Il suo corpo non è stato ancora trovato. C’era la pressione internazionale Riad Dopo settimane di smentite, ha finalmente ammesso che il critico del governo era stato ucciso “in un’operazione fallita per catturarlo”. Non si sa quale dei quattro uomini del comando speciale saudita si fosse addestrato negli Stati Uniti.

Il caso ha causato costernazione internazionale e ha causato gravi danni alla reputazione dell’Arabia Saudita. Khashoggi, che viveva negli Stati Uniti, era un critico vocale del principe ereditario Mohammed bin SalmanChi governa il regno de facto. Secondo la versione turca, l’uccisione è stata ordinata dalla massima autorità. Inoltre, l’intelligence statunitense CIA e alcuni governi occidentali Erano convintiMohammed bin Salman ha ordinato l’uccisione.

READ  Indice Corona: i paesi si affidano alle offerte di vaccinazione mobile