Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un ammiraglio americano mette in guardia dall’invasione di Taiwan: Pechino è pronta entro il 2027

Un ammiraglio americano mette in guardia dall’invasione di Taiwan: Pechino è pronta entro il 2027

Aumentano le tensioni tra Cina e Taiwan. Ora un ammiraglio americano mette in guardia contro il rafforzamento delle forze armate cinesi.

Il comandante del Comando Indo-Pacifico statunitense, l'ammiraglio John Aquilino, avverte di un'invasione cinese di Taiwan. Aquilino ha affermato che l’esercito cinese sarebbe pronto ad invadere l’isola nel 2027. In una riunione del comitato di difesa della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha affermato che “tutte le indicazioni” lo indicano. L’esercito americano presume che il leader cinese Xi Jinping abbia fissato l’obiettivo di attaccare Taiwan entro tre anni.

Aquilino ha riferito che l’esercito cinese ha aggiunto più di 400 aerei da combattimento e 20 navi da guerra al suo arsenale dal 2020. Allo stesso tempo, la Cina ha raddoppiato le sue scorte di missili balistici e missili da crociera. L’ammiraglio ha parlato di armamenti su una scala “che non si vedeva dai tempi della seconda guerra mondiale”. Ciò vale per le forze terrestri, marittime, aeree e informatiche. Inoltre, negli ultimi anni la Cina ha condotto ripetutamente esercitazioni che simulavano un blocco navale e aereo.

Conflitto “né immediato né inevitabile”

Tuttavia, Aquilino ha anche affermato di ritenere che la Cina speri ancora di occupare Taiwan senza guerra. A suo avviso, un conflitto diretto tra Stati Uniti e Cina “non è né immediato né inevitabile”. Tuttavia, il Dipartimento della Difesa americano deve agire rapidamente per ridurre i rischi di guerra.

Recentemente, la Cina ha ripetutamente inviato aerei da combattimento nello spazio aereo al largo delle coste di Taiwan. Il ministero della Difesa taiwanese ha annunciato giovedì mattina (ora locale) a Taipei che 32 aerei e 5 navi appartenenti all'Esercito popolare di liberazione cinese sono stati avvistati nelle ultime 24 ore. Venti aerei hanno sorvolato la linea mediana non ufficiale dello stretto tra Taiwan e la Cina, che è largo solo circa 130 chilometri nel suo punto più stretto (lo stretto di Taiwan), ed sono entrati nella zona di controllo dello spazio aereo della repubblica insulare attraverso il sud e l'est. Secondo il Ministero, l’esercito ha risposto alle attività cinesi, tra le altre cose, utilizzando aerei e navi. Qui puoi leggere di più a riguardo.

READ  Uomo presumibilmente inghiottito da una megattera: è sopravvissuto

La Cina vede Taiwan come una provincia separatista che dovrebbe essere riunita alla terraferma, se necessario con la forza militare. Dopo le elezioni presidenziali di metà gennaio a Taiwan, i rapporti tra Pechino e Taipei sono diventati particolarmente tesi: il governo cinese ha etichettato il vincitore delle elezioni, Lai Cheng-ti, come un “separatista”. Lai e il suo vice designato, Hsiao Bi-khim del Partito Democratico Progressista al potere, entreranno in carica il 20 maggio.