Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Diritto UE sulla catena di fornitura: quali sono i vantaggi e gli svantaggi?  |  NDR.de - Notizie

Diritto UE sulla catena di fornitura: quali sono i vantaggi e gli svantaggi? | NDR.de – Notizie

A partire dal: 9 febbraio 2024 alle 00:00

Il Consiglio dell’UE voterà oggi sull’opportunità di introdurre la legge UE sulla catena di fornitura nella sua versione attuale. La Germania si asterrà dal voto finale, il che equivale a un rifiuto. Le aziende del Nord differiscono anche sui vantaggi e sugli svantaggi del routing.

Scritto da Julia Friestedt e Jasper Steinlein

T-shirt, giacche sportive o cappelli venduti da Tchibo spesso hanno un sigillo attaccato, come un bottone verde o una certificazione di cotone biologico.

Tali sigilli vogliono dimostrare che l'azienda di caffè di Amburgo è veramente impegnata a favore della sostenibilità e della trasparenza, spiega Johanna von Stichow, responsabile della sostenibilità di Tchibo, indicando un copripiumino in cotone biologico: “In questo caso non vengono utilizzati fertilizzanti sintetici o pesticidi .” “Insettoide”. Utilizzato nella coltivazione del cotone “Prima di cucire insieme il prodotto, controlliamo i processi in fabbrica per assicurarci che le condizioni di lavoro siano buone”.

Saranno interessate le imprese con più di 500 dipendenti

Non solo molti clienti vogliono standard sociali e una catena di fornitura trasparente, ma la legge tedesca sulla catena di fornitura lo richiede dallo scorso anno anche per le aziende più grandi, in particolare quelle con più di 3.000 dipendenti.

Tuttavia, a livello dell’UE è stata adottata una legge sulla catena di fornitura che dovrebbe già applicarsi alle aziende con più di 500 dipendenti. Tutte queste aziende in futuro dovranno poi documentare le catene di approvvigionamento dei loro prodotti. Ciò mira a garantire il rispetto dei diritti umani e degli standard ambientali e ad assicurare condizioni di produzione eque. Se approvato dal Consiglio dell'Unione Europea, questo regolamento dovrà essere recepito nella legge tedesca.

READ  Responsabili aziendali della protezione del clima - fränkischer.de

Tchibo spera in condizioni di concorrenza leale

Johanna von Stich, direttrice per la sostenibilità di Tchibo, mette in guardia dai danni che subiranno le aziende tedesche se le direttive UE falliranno.

Tchibo sostiene le proposte discusse a Bruxelles e spera che presto gli obblighi di due diligence si applichino in modo uniforme a tutte le aziende in Europa. “I nostri clienti vogliono prodotti sostenibili, ma vogliono anche pagare un prezzo equo per averli”, spiega Vaughn. “Ciò significa che se noi abbiamo costi aggiuntivi dovuti alla sostenibilità e altre aziende no, abbiamo un chiaro svantaggio competitivo.” Stitcho.

Le direttive UE saranno più stringenti della legge tedesca

La prevista direttiva sulla catena di fornitura dell'UE contiene punti come la protezione dalle sostanze tossiche, l'esclusione del lavoro minorile e salari equi. Sarà quindi più severa della legge tedesca sulla filiera. La Camera di Commercio stima che più di 200 aziende ad Amburgo saranno direttamente colpite. C'è di più indirettamente.

La settimana scorsa, il ministro federale delle finanze Christian Lindner e il ministro federale della giustizia Marco Buschmann (entrambi FDP) hanno annunciato in una lettera alle associazioni imprenditoriali di non voler sostenere la legge sulla catena di fornitura già negoziata nell’UE. Temono i danni per l’economia tedesca.

Bangladesh, Tongi: I dipendenti della fabbrica tessile Viyellatex in un sobborgo di Dhaka lavorano nella produzione e nella cucitura di camicie.  Foto: Tim Brackmeier

La mia voce: La legge tedesca sulla filiera funziona? (4 minuti)

Pfannenschmidt ha paura delle imperfezioni

Tom Pfannenschmidt, amministratore delegato di K.-W. Nella città anseatica Pfannschmidt concorda con la posizione dei politici del FDP. Questo nonostante il fatto che la sua azienda, che fornisce estratti vegetali certificati all'industria alimentare e farmaceutica, sia relativamente piccola con 45 dipendenti.

READ  Auto elettriche economiche: questi modelli sono agli inizi Vita e conoscenza

La sua azienda deve infatti dimostrare da quale fornitore provengono i prodotti in questione. “La nostra azienda opera all'interno di un quadro altamente regolamentato, il Medicines Act e, ad esempio, l'Organic Foods Act. Lì, le catene di approvvigionamento dipendono dalle certificazioni dei relativi fornitori. Pertanto, esiste già un quadro giuridico per prodotti molto sicuri e molto elevati -prodotti di qualità”, spiega Pfannenschmidt.

Le grandi aziende vogliono tutelarsi

Tom Pfannenschmidt, amministratore delegato di Amburgo K.-W.  Pfannenschmidt.  ©NDR

Tom Pfannenschmidt teme che i requisiti del diritto comunitario non saranno applicabili per una piccola azienda come la sua.

Ma la nuova direttiva UE sulla catena di fornitura vuole di più. In futuro vuole rendere trasparenti tutti i livelli di negoziazione. Sebbene la sua azienda sia ben al di sotto del limite previsto dall’UE di 500 dipendenti, la direttiva sulla catena di fornitura si applicherà anche in futuro, afferma Pfannschmidt: “È normale che le grandi aziende si preparino a tali leggi molto prima che entrino in vigore. inviare a noi e ai nostri clienti lunghi questionari sulla legge sulla catena di fornitura. Non sempre possiamo rispondere in modo completo.”

Le catene di fornitura lunghe sono ambigue?

Secondo la descrizione di Pfannenschmidt, la catena di approvvigionamento delle materie prime come la polvere di vitamina C non è chiara e altamente frammentata. La vitamina C è ottenuta dal mais. Ma prima che la polvere arrivi nel magazzino Pfannenschmidt per essere pulita, è necessario controllare e documentare fino a undici livelli di circolazione.

L’amministratore delegato afferma che questo non è possibile per una piccola azienda come la sua: “Solo nel nostro reparto di garanzia della qualità abbiamo già 15 dipendenti per il controllo prestampa”. A suo parere, per soddisfare i requisiti di legge, l'azienda dovrà sostenere costi aggiuntivi di circa 300mila euro all'anno, altrimenti c'è il rischio di perdere clienti chiave.

READ  Aumenti di prezzo iniziali: Apple e Amazon catalizzano il DAX

Pfannschmidt spera quindi che il Consiglio UE non approvi la direttiva sulla catena di fornitura nella sua versione attuale. Bisognerebbe invece testarlo nuovamente. Si potrebbero ad esempio prendere in considerazione le implicazioni per le aziende indirettamente interessate.

Maggiori informazioni

Un uomo tiene in mano la chiave di un'auto BMW.  © Matthias Balk/DPA

3 minuti

Il BMW Group non è riuscito a controllare le condizioni della miniera di cobalto da parte dei responsabili dei fornitori, ha commentato Benedikt Strunz. (13/11/2023) 3 minuti

Pomodori © photo Alliance Foto: Bernd Jürgens

28 minuti

Nonostante la certificazione e la nuova legge: nei supermercati tedeschi le verdure vengono spesso coltivate in condizioni disumane. (28/06/2023) 28 minuti

Una donna seleziona il cotone per il mercato indiano © photo Alliance/dpa/EPA

La normativa UE sulla catena di fornitura sta avendo l'effetto opposto a quello desiderato, scrive Heikki Goebel della FAZ nel commento settimanale di NDR Info. (4 giugno 2023) Di più

Questo argomento nel programma:

Informazioni sul rapporto di mancata consegna | Programma informativo 02/09/2024 | 8:22

Il logo dell'NDR