Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Carenza di vitamina D come rischio corona: l’assunzione artificiale indebolisce la via del Covid-19

  • A partire dalTobias Utz

    Vicino

È chiaro che la vitamina D può limitare i cicli gravi di Covid-19. Questo è ora riconosciuto dall’Istituto federale per la valutazione dei rischi.

FRANCOFORTE / BERLINO – La questione se la vitamina D sia utile nella prevenzione o nel trattamento del Covid-19 sta attualmente subendo un’inversione di tendenza. Perché ora è l’Istituto federale per la valutazione dei rischi ComunicareCi sono prove che indicano che “una mancanza di vitamina D nel siero del sangue è associata ad un aumentato rischio di infezione respiratoria acuta”. In precedenza ha detto dall’autorità che non vi è alcun collegamento tra CoronaInfezioni, cicli Covid-19 e carenza di vitamina D. Quel proormone può davvero essere un fattore decisivo uno studio Università della Cantabria di Santander e uno uno studio Consigliato dall’Università di Hohenheim.

“Alcuni studi osservazionali e di intervento indicano che l’assunzione di preparati di vitamina D può avere un effetto positivo sul decorso della malattia Covid-19”, conferma BfR. Una percezione appena ascoltata in Germania durante la pandemia di Corona – diversa in Irlanda. Lì, gli esperti raccomandano di assumere integratori di vitamina D per prevenire cicli gravi di Covid-19 per un po ‘di tempo. Il comitato misto per la salute AspettarsiL’assunzione giornaliera riduce notevolmente il rischio di “malattie respiratorie”, in particolare malattie respiratorie. A differenza del BfR, gli esperti assumono una relazione causale.

Covid-19: carenza di vitamina D come rischio Corona – avvertono gli esperti

D’altra parte, l’FBI fa riferimento alla “situazione dei dati incerti” in questo contesto. Sono necessari ulteriori studi sulla vitamina D e sul suo effetto sulla via del Covid-19. Tuttavia, il BfR chiede una raccomandazione di carattere generale: “L’uso di integratori alimentari può essere particolarmente vantaggioso per le persone che appartengono a un gruppo a rischio di insufficiente apporto di vitamina D.” Qual è il gruppo a rischio di infezione corona, in particolare: nella vecchiaia la formazione di vitamina D diminuisce drasticamente, e si dice: “Per questo gruppo ad alto rischio, dovrebbe essere presa in considerazione l’integrazione generale di vitamina D fino a 20 microgrammi, “L’Istituto Federale raccomanda per questo.

La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di un grave decorso di Covid-19. (Immagine icona)

© Michael Bihlmayer / Imago Images

Non esiste una raccomandazione generale per l’integrazione di vitamina D per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 o il decorso acuto della malattia Covid-19. BfR ha dichiarato che al momento ciò non può essere giustificato come un’inversione di tendenza, non come un’inversione, sebbene il caso di studio sia migliore di quello descritto dal BfR. Ad esempio, il gruppo di specialisti COVRIIN, composto da specialisti in infezioni, medici di emergenza, medici di terapia intensiva e consulenti del Robert Koch Institute, ha dichiarato: “La carenza di vitamina D è associata a un aumento del rischio di infezione. Un rischio più elevato di grave la malattia può essere associata a carenza di vitamina D. “

READ  Ipertensione: sintomi, rischi, cause, trattamento

Coronavirus: lo studio RKI conferma la carenza di vitamina D nella popolazione tedesca

Anche RKI si è citato in uno uno studioCirca l’82% della popolazione tedesca non ha avuto un adeguato apporto di vitamina D in inverno. In primavera era del 73%, secondo l’istituto. Quindi gli scienziati raccomandano: “Se vuoi prendere un integratore di vitamina D, dovresti prendere un integratore che contenga fino a 20 microgrammi di vitamina D.” […] Un giorno, perché questa dose non è associata ad alcun effetto nocivo per la salute “.

Indipendentemente dall’assunzione artificiale di vitamina D, che quantità eccessive possono danneggiare il corpo, gli esperti raccomandano di mangiare pesce, come il salmone o le aringhe, e di fare esercizio all’aperto due o tre volte a settimana. Perché è lì che il negozio di Vitamin Sun è ancora pieno. (Atto)

Rubriklistenbild: © Michael Bihlmayer / Imago Images