Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Aumentano gli abbandoni della formazione infermieristica: un esperto rivela come le aziende stanno...

Aumentano gli abbandoni della formazione infermieristica: un esperto rivela come le aziende stanno…

Hannover (ots)

Il settore infermieristico è in preda al panico: il numero di persone che abbandonano la formazione nelle professioni infermieristiche è in costante aumento, mentre la carenza di specialisti qualificati diventa sempre più urgente. Questa tendenza rappresenta una seria minaccia per l’assistenza sanitaria e solleva interrogativi sulla qualità e l’attrattiva della formazione infermieristica.

“Il problema non è solo la fine della formazione in sé, ma anche le ragioni inespresse che stanno dietro ad essa. Molte strutture di accoglienza non riescono a fornire un ambiente di lavoro che supporti i giovani nella stressante vita quotidiana dell’assistenza”, sottolinea Max Grinda, che lavora come assistente sociale. addetto alle cure. In qualità di responsabile del reclutamento, il consulente ha fornito consulenza a più di 300 strutture di assistenza.

Nell’articolo seguente rivela come le società di sponsorizzazione possono attirare subito i tirocinanti e trattenerli a lungo termine.

Questo è il motivo per cui ci sono molti abbandoni nel secondo anno di formazione

La maggior parte degli abbandoni formativi nel settore infermieristico avviene nel secondo anno di formazione. È utile dare uno sguardo più da vicino e analizzare perché così tanti tirocinanti perdono la motivazione in questo momento e decidono di interrompere la formazione.

Nel primo anno di formazione gli apprendisti acquisiscono la prima esperienza in un campo di mentoring a loro scelta. Come nuovo arrivato, verrai introdotto gradualmente in quest’area e saprai a chi rivolgerti se hai domande o incontri situazioni difficili. Nel secondo anno di formazione sono previsti incarichi obbligatori in diverse posizioni. Tuttavia, in questo caso ci si aspetta che gli apprendisti avanzati abbiano già conoscenze o esperienze che i più giovani non hanno. Le esigenze di cure ambulatoriali, pediatriche e ospedaliere variano notevolmente, quindi molti stagisti si sentono sopraffatti dal cambiamento dell’ambiente di lavoro.

READ  Lo sviluppo della produzione di litio sta procedendo lentamente in Europa

A causa della diffusa carenza di lavoratori qualificati nel campo infermieristico, non c’è quasi tempo per istruire i tirocinanti. Molti membri del team nelle strutture presumono che i tirocinanti possano già gestire le attività infermieristiche in modo indipendente e mostrano poca comprensione nei confronti di coloro che iniziano la loro carriera. Nel secondo anno di formazione gli apprendisti non devono soltanto integrarsi autonomamente in nuovi ambiti e svolgere compiti complessi. Bisogna anche prepararsi per l’esame intermedio, che è un doppio onere che spinge molti tirocinanti a rinunciare alla propria formazione.

In questo modo le scuole per infermieri possono contrastare l’abbandono formativo

I tirocinanti raramente prendono la decisione di interrompere la formazione da un giorno all’altro. Invece, la pressione aumenta nel corso dei mesi e gradualmente consente la decisione di rinunciare alla formazione iniziale necessaria per maturare. Al fine di ridurre il numero di persone che abbandonano la formazione, è importante identificare tempestivamente gli abbandoni imminenti e avviare misure tempestive che collegheranno i tirocinanti alla scuola per infermieri o all’ente di formazione.

Se diventa chiaro che i tirocinanti non sono all’altezza delle sfide infermieristiche, subiscono le enormi pressioni del settore e tendono ad abbandonare la formazione, è un segno di debolezza personale e inadeguatezza al lavoro. in quest ‘area. Pertanto le scuole per infermieri sono tenute a mantenere un contatto costante con i loro tirocinanti, trattarli con comprensione e supportarli nel superare bene le fasi difficili.

Il frequente cambiamento tra le diverse istituzioni, comune nella formazione infermieristica, mira a dare ai tirocinanti l’opportunità di familiarizzare con campi diversi e acquisire quante più conoscenze possibili. Sfortunatamente, come risultato di questi cambiamenti, molti tirocinanti perdono il legame con il proprio fornitore di formazione e non sono in grado di mostrare le competenze nelle singole aree in un contesto generale in cui sembra possibile portare a termine il lavoro. Come evidenziare più chiaramente le opportunità offerte dalla natura generica della formazione e far capire all’ente formativo l’importanza dei tirocinanti?

READ  Tre aziende su cinque trasferiscono i costi maggiori ai clienti | newsletter

È tempo di una nuova cultura della formazione infermieristica

Gli stagisti sono una risorsa preziosa per l’intero settore infermieristico. Chi forma i dipendenti interessati come una buona azienda di formazione dispone di uno strumento prezioso per combattere la carenza di lavoratori qualificati. L’elevato tasso di abbandono della formazione dovrebbe risvegliare l’intero settore e incoraggiarlo a creare una nuova cultura della formazione.

In questo contesto, è importante creare associazioni di formazione e sviluppare una nuova comprensione dell’assistenza in collaborazione con tutte le parti interessate. In questo caso ha senso chiedere consiglio e tenere in considerazione gli interessi dei tirocinanti. Un consulente esterno supporta le associazioni di formazione nella definizione della loro missione e nella trasformazione delle idee in strategie e metriche misurabili.

Anche gli enti di formazione, le scuole per infermieri e i dirigenti delle strutture possono fare il primo passo nel percorso verso una nuova cultura della formazione non assistita: dovrebbero sforzarsi di abbracciare il punto di vista dei tirocinanti, fornire loro connessioni coerenti e mostrare apprezzamento. Della sua importanza per l’industria.

A proposito di Max Grinda:

Max Grinda e Felix Hahnewald sono gli amministratori delegati di FM Recruiting. FM Recruiting ha reso di nuovo semplice l’assunzione di personale infermieristico. Più di 250 aziende partner e più di 18.000 candidature realizzate: FM Recruiting è il partner del settore infermieristico. Maggiori informazioni su: https://fm-recruiting.de/.

Contatto con i media:

https://fm-recruiting.de/
Max Grinda e Felix Hahnewald
CONSULENZA FM LIMITATA
E-mail: [email protected]

Contatto con i media:
Robin Schiffer
[email protected]

Contenuto originale di: FM Consulting GmbH, trasmesso da news aktuell