Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Attivismo e scienza: agli scienziati non è consentito essere attivisti

Attivismo e scienza: agli scienziati non è consentito essere attivisti

Martin Schröder è professore di sociologia con specializzazione sull'Europa presso l'Università del Saarland.

Gli scienziati sociali possono usare l’attivismo per migliorare il mondo? Chiaramente alcune persone ci credono e con questa attività stanno mettendo a rischio la reputazione della scienza. Ad esempio, l’American Sociological Association ha adottato “Costruire comunità di speranza, giustizia e gioia” come tema della sua conferenza di quest’anno. In questo contesto, invoca la scienza come “pratica di emancipazione” che “interviene nei conflitti sociali e politici”. Questo sembra impegnato. Ma offre ai nemici della scienza di Donald Trump un ampio margine di attacco.

Lo stato della Florida ha recentemente eliminato la sociologia come materia fondamentale nei campus universitari. Il commissario per l'Istruzione del governatore repubblicano Ron DeSantis ha sostenuto che la sociologia era stata dirottata dagli attivisti di sinistra e quindi insegnava agli studenti l'ideologia piuttosto che la conoscenza. L'American Sociological Association ha protestato, dicendo: Questa affermazione non ha basi basate sull'evidenza.

Si sarebbe felici di essere d'accordo. Ma sfortunatamente devi dire: sei stato tu a portare tutto questo.

Dopotutto, non puoi da un lato affermare di essere un attivista e dall’altro negare di esserlo. Quindi, quella che può sembrare una richiesta ampiamente consensuale di partecipazione sociale trasforma gli scienziati in pedine di guerre culturali in cui vengono spinti avanti e indietro, come spesso accade con le pedine.

Fortunatamente, gli attacchi contro la scienza ricevono meno sostegno in Germania che negli Stati Uniti. E anche perché qui la scienza è stata meno attiva – fino ad ora. Perché questa tendenza si osserva anche in questo Paese. La Fondazione tedesca per la ricerca richiede ora una dichiarazione sull’“importanza del genere e/o della diversità” per ogni domanda di ricerca presentata lì. Chiunque voglia ottenere finanziamenti esiterà a dire “irrilevante”, anche se è possibile. Ma perché i progetti di ricerca dovrebbero concentrarsi specificamente sul genere/diversità? Perché non parliamo, ad esempio, dell'”importanza della pace/democrazia/tolleranza” nel mondo? Come dovrebbe uno scienziato che fa ricerche sul Big Bang rispondere alla domanda su quanto sia rilevante il suo argomento per il genere e/o la diversità?

Non è utile che la scienza cerchi di collegare la questione a obiettivi politici, anche se sono ampiamente socialmente accettabili.

Qual è l'alternativa? Una vecchia idea di Max Weber. Si chiama: libertà dai giudizi di valore. In tal modo, Weber voleva proteggere le scienze sociali dall’essere catturate dalla sinistra e dalla destra. Gli scienziati, secondo Weber, dovrebbero indagare su come è il mondo, non usare la loro autorità per dire agli altri come dovrebbe essere il mondo. Perché quando i valori sono in conflitto tra loro, non si può decidere scientificamente quale sia più corretto. Pertanto, i ricercatori devono stare lontani dalle discussioni politiche.

La classica controargomentazione è: la ricerca priva di valore non è comunque possibile. Questo è corretto. Dopotutto, le persone non possono semplicemente lasciare i propri valori davanti alla porta dell'università. Ma si può anche chiedere che la politica possa essere corrotta, perché casi di corruzione si sono sempre verificati. Il fatto che l’ideale non possa sempre essere raggiunto nella pratica non cambia il fatto che la pratica possa essere misurata rispetto all’ideale.

READ  Gli astronauti cinesi riescono nella prima passeggiata spaziale

La prestigiosa Columbia University ha appena annunciato che assumerà posizioni politiche solo quando vedrà un impegno istituzionale vincolante in tal senso. Dietro questo c’è un’idea preziosa: la scienza dà il suo massimo contributo a un mondo migliore quando mostra come è il mondo e non come dovrebbe essere.