Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Il primo ministro polacco afferma che i rifiuti chimici sono stati scaricati intenzionalmente nel fiume Oder | Notizia

Vicino a Schwedt nel Brandeburgo, a 100 chilometri da Francoforte (Oder), c’è un tappeto quasi infinito di carcasse di pesci – circa 100 tonnellate – spinte da una corrente e diretti verso il Mar Baltico. Gli animali non hanno alcuna possibilità contro il veleno.

Il portatore di morte nell’Oder è venuto dalla Polonia! Apparentemente attraverso l’introduzione deliberata di rifiuti chimici, come annunciato dal primo ministro polacco Mateusz Morawiecki (54, PiS).

“È probabile che un’enorme quantità di rifiuti chimici sia stata scaricata nel fiume, con la piena consapevolezza dei rischi e delle conseguenze”, ha detto Morawiecki in un videomessaggio pubblicato su Facebook venerdì.

Con il progredire della decomposizione, i pesci morti affondano sul fondo

Foto: David Bader

Moraveki ha affermato che tutte le autorità responsabili sono state messe in massima allerta e che ci sono già le prime conseguenze: il capo dell’Autorità idrica e il capo dell’Autorità ambientale hanno dovuto lasciare i loro uffici.

Tonnellate di pesci morti stavano già affiorando in Polonia alla fine di luglio. Il contenuto di ossigeno nell’acqua è stato notevolmente aumentato lì. Questo si riferisce al mesitilene chimico, che è stato trovato in campioni prelevati dal fiume Oder in Polonia a fine luglio.

Primo ministro polacco: “Condivido i timori e l’indignazione per l’avvelenamento dell’Oder. Questa situazione non poteva essere prevista in alcun modo, ma la risposta delle autorità competenti avrebbe dovuto essere più rapida”.

Adesso il governo federale lancia l’allarme. Il ministro federale dell’ambiente Steffi Lemke (54, Verdi) ha dichiarato alla “Redaktionsnetzwerk Deutschland” di essere “estremamente preoccupata” e che gli eventi dovrebbero essere chiariti “completamente”.

Nessun avviso dalla Polonia

Il ministro dell’ambiente dello Stato di Brandeburgo Axel Vogel (66 anni, verde) è sconvolto dal fatto che le autorità polacche non abbiano immediatamente lanciato un avvertimento quando hanno appreso dei gravi problemi a luglio. Infine, all’inizio della settimana, i bambini stavano ancora facendo il bagno nella parte tedesca del fiume di confine. Forse il veleno era già nell’acqua.

Secondo la “RBB”, il mercurio è già stato trovato in campioni d’acqua dell’Agenzia per l’ambiente nel Brandeburgo. Venerdì sera l’ufficio ha pubblicato i primi risultati ufficiali parziali. Sono stati misurati carichi di sale atipici significativamente aumentati, poiché possono verificarsi nelle acque reflue contaminate. Secondo l’agenzia, potrebbe essere collegato alla morte dei pesci. Tuttavia, si presuppongono diversi effetti avversi. Non sono previsti ulteriori risultati dei test per il mercurio e altri metalli pesanti fino alla prossima settimana.

Il ministro dell’Ambiente Vogel: “Tutti possono vedere che l’origine è in Polonia”. Almeno i vacanzieri sulla spiaggia del Mar Baltico, ad esempio a Usedom, vogliono essere rassicurati: “Se il veleno finisce nel mare, ma è diluito, il pericolo aumenta”.

Il ministro dell'ambiente del Brandeburgo Axel Vogel (66, Verdi) durante una disastrosa visita a Schwedt

Il ministro dell’ambiente del Brandeburgo Axel Vogel (66, Verdi) durante una disastrosa visita a Schwedt

Foto: David Bader

Il picco dell’onda tossica sarà presto a Stettino. Il veleno è efficace in un’area per circa due giorni, quindi continua a fluire. “Molte carcasse di pesce affondano quando scoppia la bolla d’aria. Muoiono a causa del veleno. Potrebbero esserci sostanze che sono sempre state alimentate nell’oder e comunque non sono più sufficientemente diluite perché l’acqua è troppo bassa”, afferma Vogel.

La parte polacca, infatti, ha avuto la notizia solo dai media, e non dagli organi ufficiali. Vogel: “Anche i giornalisti polacchi ce lo chiedono perché in Polonia non ottengono informazioni”.

Quando il veleno raggiunse la Germania, il livello dell’oder, già basso a causa della grave disidratazione, aumentò brevemente di circa 30 cm. Gli sbarramenti devono essersi aperti dalla parte polacca per espellere più rapidamente le sostanze chimiche verso il Mar Baltico, perché non hanno piovuto così tanto.

Vogel: “Abbiamo sentito parlare di acque in aumento, ma non possiamo classificarle”.

Lo stesso ministro Vogel è stato testimone di un disastro ambientale causato dall’uomo venerdì pomeriggio in un parco nazionale vicino a Schwedt.

Con Schwedt, il veleno non è rimasto nell'acqua per molto tempo.  Qui alcuni pesci stanno ancora lottando per la propria vita.  invano

Con Schwedt, il veleno non è rimasto nell’acqua per molto tempo. Qui alcuni pesci stanno ancora lottando per la propria vita. invano

Foto: David Bader

Sospetta cartiera

Le autorità polacche stanno indagando, ma, secondo fonti ufficiali, non sono ancora state in grado di rilevare alcun contaminante. Un giornale di Wroclaw ha individuato come probabile colpevole la cartiera Jacques Paul vicino alla città, ma gli operatori negano tutto. E abbastanza sicuro, il micetilene è stato trovato a monte della pianta, quindi il veleno ha dovuto galleggiare a monte – impossibile.

La speranza è che presto le tossine vengano completamente eliminate dall’acqua dolce dalla corrente naturale e gli ecosistemi possano riprendersi. “L’Oder è un fiume che scorre veloce”, dice Vogel. “Anche se i microrganismi che nutrono i pesci muoiono, speriamo che gli affluenti possano ricostruire lo stock”.

Pesce morto vicino a Francoforte (Oder).  L'ondata di veleno è già passata qui

Pesce morto vicino a Francoforte (Oder). L’ondata di veleno è già passata qui

Foto: Ralph Gunter

Anche l’ecologo Finn Weiberg (47), capo dell’Ufficio del Mar Baltico del WWF, è sbalordito: “La realtà è che stiamo assistendo a una massiccia mortalità dei pesci nel fiume Oder e ad altri gravi danni all’ecosistema del fiume Oder, nonché al Mar Baltico. Ha paura. Forse il motivo sono gli scarichi industriali illegali. Critichiamo la gestione della crisi delle autorità polacche, che a quanto pare hanno denunciato l’incidente troppo tardi”.

Tutto è ancora calmo su un ponte su Westoder vicino a Stettino. Il fiume qui è più largo e profondo che a Schwedt. Banchi di pesci nuotano vicino alla riva e le reti appendono ad asciugare al sole. Il veleno non era ancora arrivato qui – o era già stato diluito al punto da non essere più fatale.

READ  L'attuale Corona: 286 milioni di contagi nel mondo