Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Assassinio del giudice Falcon: cospirazione per cambiare l’Italia

Stato: 23/05/2022 04:27

Oggi, 30 anni fa, il cacciatore di mafia Giovanni Falcon veniva ucciso in un’esplosione di bombe in Sicilia. La strage fu bruciata sul rogo in Italia.

Elizabeth Pongrats, ARD Studio Roma

A sorpresa, Giuseppe Costanza sfuggì all’attacco. “Mi hanno visto svenire sul sedile posteriore. Pensavano che non sarei venuto nemmeno io. Mi avevano già preparato la bara. Ma mi sono alzato.” L’autista di Giovanni Falcon è in viaggio dall’aeroporto di Palermo a Kabashi 30 anni fa.

Elisabetta Pongrats
Studio ARD Roma

A quel tempo, con l’eccezione, sedeva sul retro e guidava lui stesso il giudice Balcon. La bomba mafiosa è stata collocata in un tubo di scarico in fondo alla strada ed è esplosa a distanza alle 18:00. 500 chilogrammi di esplosivo TNT hanno squarciato un grande fossato nell’asfalto e spazzato via l’autostrada. Oltre a Falcon, sono morte sua moglie e tre guardie del corpo. Cosa nostra siciliana attaccata.

Le lotte hanno avuto luogo in molti luoghi

Niente è stato più lo stesso per Costanza dal 23 maggio. Come la sua natia Sicilia. La gente si è radunata davanti alla casa di Falcon a Palermo e ha appeso al fico foto, mappe e messaggi di pace. Ci sono state proteste in molti luoghi e la gente ha reagito.

Prima di allora è diverso, come ricorda il sindaco di Palermo Lioloca Orlando. La mafia non era sola negli anni ’70 e ’80. “La mafia aveva la faccia di vescovi corrotti, ministri come la mafia, che non parlavano, non sentivano né vedevano niente, e avevano la faccia di chi si alleava della mafia perché rinunciava alla libertà e alla dignità”.

READ  Serie A: trasmessa in TV o in diretta streaming in Germania

Secondo omicidio poche settimane dopo

Falcon non è stato abbandonato, ha portato alla darsena centinaia di mafie. In quello che è stato chiamato il Maxi-processo dalla metà degli anni ’80, ha servito come giudice di prova con attenzione e senza ostacoli. Molti delinquenti sono stati condannati a lunghe pene detentive. Ha lavorato fianco a fianco con il suo amico d’infanzia, il giudice Paulo Porcelino. Falcon poche settimane dopo fu ucciso anche lui dalla mafia siciliana.

Durante le indagini, Mauricio Vallon, il principale cacciatore di mafia in Italia, ha affermato che Falcon ha avuto molti contatti con le forze di polizia statunitensi e che dirige l’agenzia antimafia DIA. Da questa esperienza americana Falcon ha capito la necessità di centralizzare il lavoro e ha portato il nuovo modello a livello internazionale per combattere la criminalità organizzata. Ciò ha posto le basi per la Direzione Investigative Antimafia, insieme ai pubblici ministeri specializzati dell’Antimafia.

“Segui i soldi”

Con l’assassinio del funzionario Falcone, la lotta alla mafia è ormai diventata un compito nazionale e sembra essere stata strappata alla pigrizia in tutto il Paese. Il sindaco Orlando, che è in custodia di polizia per la sua lotta alla mafia, ritiene che nel 1992 la lotta popolare si sia trasformata da una lotta isolata di pochi avvocati, alcuni fedeli, alcuni politici e alcuni uomini d’affari.

L’Italia ha promulgato severe leggi antimafia arrestando datori di lavoro e membri di Cosa Nostra siciliana, N’Trongeta calabrese o Comore napoletana. Seguendo il motto di Falcon – “Perseguire denaro” – gli investigatori ricostruiscono l’origine e lo scopo del flusso di cassa e scoprono le frodi.

READ  Vacanze in Italia: se mostri lì il tuo certificato di vaccinazione, sarai al caldo del forno della pizza

Mafia nel metaverso

Ma anche la criminalità organizzata si è modernizzata. La N’drangheta, l’organizzazione più potente, è coinvolta nel traffico di droga con Bitcoin e altre valute elettroniche da oltre 15 anni, ha affermato il direttore della DIA Vallon. “Oggi la mafia è più nei metavar che nei mondi oscuri della rete, alcuni dei quali sono ancora sconosciuti.

Quindi la sfida è affrontare questi problemi high-tech e rendere giustizia ai giocatori a livello internazionale. “Perché consentono alle bande di comunicare tra loro, spostare denaro e ripulire ingenti somme di denaro in arrivo, soprattutto attraverso il traffico di droga”.

“La mafia è invincibile”

Mafiosi si sente a casa nei metawares, creando una realtà digitalmente. Secondo Wallon, si sono laureati in alcune delle università più importanti del mondo, come Boston o il MIT di Londra. Ora, ad esempio, puoi creare un casinò virtuale nel mondo virtuale e fare soldi elettronici.

La mafia utilizza anche NFT, token non fungini. Questi sono unici e non cambieranno e saranno archiviati nella blockchain. Questo può spostare denaro senza doverlo rintracciare immediatamente. Il cacciatore di mafia Wallon è ancora ottimista, ricorda quello che diceva sempre Falcon. “La mafia non è invincibile, è un fattore umano. Come tutte le cose umane, ha un inizio e una fine”.

A trent’anni dalla morte di Falcon, i suoi eredi, come Wallon, sono convinti che la mafia finirà. Tuttavia, la domanda è quanto velocemente ciò accadrà.