Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accordo sulle frontiere marittime tra Italia e Grecia – Politica

Dal punto di vista greco, questo dovrebbe essere un segnale di impatto in tutto il Mediterraneo orientale. Quando lunedì il ministro degli Esteri Nicos Tendias ha incontrato a Roma il suo omologo italiano Luigi de Mayo, i due si sono scambiati i documenti che attestano che i loro Stati hanno ratificato la Convenzione sul diritto del mare, che hanno negoziato e firmato un anno e mezzo fa.

Definisce le zone economiche e definisce il corso dei confini marittimi tra i due paesi. Determina inoltre le rispettive richieste sull’uso delle materie prime e sui diritti di pesca. Ha “messo fine alla pratica”, ha detto Dendias dopo la cerimonia, che era stata “aperta per 45 anni”. Si ripropone “le nostre relazioni esemplari con l’Italia a livello Ue e bilaterale”.

De Mayo ha sottolineato il carattere esemplare dell’accordo: è stato “un grande successo per entrambi i Paesi e molto importante per la cooperazione nel Mediterraneo”, ha detto il ministro degli Esteri italiano. La “stabilità nel Mediterraneo orientale” può essere raggiunta solo attraverso “un dialogo sostenibile e costruttivo tra tutti i paesi della regione”.

Ciò ha chiarito a chi era principalmente rivolto il gesto. Ad esempio alla Turchia, che ha una lunga disputa con la Grecia sui confini marittimi e sui diritti di accesso ai giacimenti di gas naturale nel Mediterraneo. Prima che Roma e Atene firmassero l’accordo ora approvato nel giugno dello scorso anno, Ankara e il governo ad interim della Libia hanno delimitato i confini tra le rispettive “zone economiche separate” nel Mediterraneo a spese della Grecia e di Cipro. Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare Basato sulla convenzione – per esempio, a differenza della Grecia, la Turchia non l’ha mai accettata.

READ  La Scozia ha battuto l'Italia per stabilire un record

Nessun progresso nella disputa tra Atene e Ankara

Atene dichiarò immediatamente “nulla e non valida” il memorandum turco-libico e poi concluse un accordo sulle zone economiche legate all’Italia e poi all’Egitto. Il confine concordato tra Il Cairo e Atene, ovviamente, è stato tagliato lungo il confine turco-libico, dopodiché Ankara ha dichiarato l’accordo “nulla e non valido”.

Nel frattempo, il conflitto greco-turco sul diritto marittimo ha continuato a intensificarsi e la potente nave da ricerca bianca e rossa è diventata un simbolo. Reese a digiunoAnkara è stata più volte inviata per studiare con metodi sismici il giacimento di gas naturale sull’isola greca di Castellorizo, vicino alla terraferma turca. Bruxelles e Berlino hanno minacciato più volte di intensificare il conflitto nell’ultimo anno, senza progressi significativi finora, fino a quando entrambi i partner della NATO non saranno spinti al tavolo dei negoziati.

Mentre la disputa tra Atene e Ankara è apparentemente esplosiva, molte questioni di confine irrisolte stanno ribollendo nel Mediterraneo orientale. Libano e Israele, ad esempio, hanno ripreso i colloqui sul loro conteso confine marittimo con la mediazione statunitense nella primavera di quest’anno; D’altra parte, la Grecia, insieme alla vicina Albania, in guerra da decenni, ha deciso nell’ottobre dello scorso anno di chiarire il controverso corso del confine marittimo comune con la Corte internazionale di giustizia dell’Aia.

L’Italia è il vicino meno contraddittorio del governo di Atene. Tra le altre cose, i due paesi sono partner contrattuali in un progetto chiamato Eastmet, che in futuro convoglierà il gas naturale israeliano in Italia attraverso Cipro e la Grecia, una minaccia per gli interessi di Ankara. Lunedì, durante un incontro con il suo omologo italiano de Mayo, il ministro degli Esteri greco Dentius ha infine chiesto il ritiro delle truppe straniere dalla Libia, chiaramente indirizzato ad Ankara.

READ  Ore di ricerca dei ragazzi evasi in Italia