Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accordo dell'Unione Europea: perché i Verdi e il partito Alternativa per la Germania rifiutano l'accordo sull'immigrazione con l'Egitto?

Accordo dell'Unione Europea: perché i Verdi e il partito Alternativa per la Germania rifiutano l'accordo sull'immigrazione con l'Egitto?

Germania Accordo con l'Unione Europea

Perché il Partito dei Verdi e l’AfD rifiutano l’accordo miliardario sull’immigrazione con l’Egitto?

Nel 2023 più di 1,1 milioni di persone hanno chiesto asilo nell’Unione Europea

Nel 2023 il numero dei richiedenti asilo in Europa supererà nettamente la soglia del milione. L'Agenzia europea per l'asilo ha registrato complessivamente 1,14 milioni di domande nei 27 Stati membri dell'UE, nonché in Norvegia e Svizzera. Rispetto all’anno precedente si tratta di un aumento del 18%.

Per limitare l'immigrazione attraverso il Mediterraneo, l'Unione Europea stringe un accordo con l'Egitto: in cambio di miliardi di dollari in aiuti economici, il Paese prenderà provvedimenti contro l'immigrazione clandestina nel Nord Africa. C'è il sostegno del Partito socialdemocratico, del Partito democratico libero e dell'Unione. Ma ci sono anche forti critiche, per vari motivi.

MCon l’aiuto di un accordo di partenariato da 1 miliardo di dollari con l’Egitto, l’Unione Europea vuole ridurre l’immigrazione clandestina in Europa. Tuttavia, in Germania il contratto firmato domenica dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al Cairo è controverso. Mentre i socialdemocratici, l'Unione e il Partito democratico libero hanno almeno accolto con favore l'azione dell'UE, il partito dei Verdi e l'AfD hanno espresso critiche significative. L'accordo con il più grande Paese arabo in termini di popolazione prevede, tra l'altro, aiuti economici e investimenti per 7,4 miliardi di euro in tre anni.

Leggi anche

I migranti nel Mediterraneo vengono prelevati da una nave di soccorso

In cambio, l’Unione Europea si aspetta, tra le altre cose, ulteriori sforzi da parte del governo egiziano per limitare la migrazione attraverso il Mediterraneo verso l’Europa. La Commissione europea è particolarmente interessata a rendere più sicuri i confini con il Sudan e la Libia. L'accordo con l'Egitto segue le linee di un accordo simile che l'Unione europea ha concluso con la Tunisia l'anno scorso. Domenica il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha accolto con favore l'accordo. I partenariati strategici con i paesi terzi costituiscono un elemento importante nella lotta contro l’immigrazione clandestina. “Ecco perché l’accordo dell’Unione europea con l’Egitto su questo tema è una buona notizia”, ha detto Schulz.

Leggi anche

Entrata in Russia a Virulahti: la Finlandia ha chiuso il confine

Se i calcoli dell’UE funzionassero davvero, la conclusione del contratto allenterebbe anche la pressione migratoria sulla Germania. Tuttavia i partiti di questo paese hanno reagito con cautela alle notizie provenienti dal Cairo. Il vicepresidente del blocco parlamentare del Partito socialdemocratico Dirk Wiese ha elogiato l'accordo con gli egiziani, ma allo stesso tempo ha criticato quella che considera una mancanza di impegno della Commissione europea sulla questione dell'immigrazione. “È positivo che Ursula von der Leyen finalmente agisca qui alla fine del suo mandato. Sfortunatamente, questo non è stato il suo obiettivo durante il suo mandato finora”, ha detto Weizey al WELT.

Cauti commenti positivi sono stati espressi anche dal Partito Democratico Libero. Il vicepresidente del gruppo parlamentare Konstantin Kohli: “Gli accordi sulla migrazione con paesi come l’Egitto sono soprattutto nell’interesse europeo. Se i diritti umani vengono rispettati, tali accordi possono contribuire a un maggiore controllo e regolamentazione della migrazione.

Leggi anche

Olaf Schulz – Incontro con Giorgia Meloni a Berlino

Ma dalle file dei Verdi sono arrivate dure critiche al contratto con l'Egitto. L’esperto di migrazione del Parlamento dell’Unione Europea, Eric Marquardt, ha descritto l’accordo come “moralmente riprovevole e ingenuo in termini di contenuto”. È chiaro che la difficile situazione dei diritti umani “non ha avuto alcun ruolo” nei negoziati sulla cooperazione. Marquardt ha anche avvertito che il numero di persone che vogliono arrivare in Europa dall’Egitto attraverso il Mediterraneo potrebbe inizialmente aumentare per paura di un approccio più duro nella gestione dei migranti in futuro. L’organizzazione per i diritti umani Pro Asyl ha rilasciato una dichiarazione simile. Il loro esperto europeo, Karl Kopp, ha dichiarato al gruppo mediatico Funke: “La politica dell’Unione europea nei confronti dei tiranni è traballante, ottusa e corrotta”.

La situazione instabile dei diritti umani in Egitto

Il governo egiziano, guidato dall’ex generale Abdel Fattah El-Sisi, è stato più volte criticato per la situazione dei diritti umani nel Paese nordafricano. La libertà di espressione e di riunione è soggetta a severe restrizioni e le manifestazioni sono di fatto vietate. Secondo gli attivisti per i diritti umani, i critici sono spesso perseguitati con metodi radicali e temono arresti arbitrari e peggio. Si dice che decine di migliaia siano imprigionati per motivi politici. L’ex generale Sisi è considerato un autocrate. È salito al potere con un colpo di stato militare nel 2013. Il capo dello Stato è stato rieletto a larga maggioranza a dicembre.

Il gruppo parlamentare Alternativa per la Germania ha criticato domenica l'accordo tra l'Unione europea e l'Egitto per altri motivi. Per loro, la firma del contratto, per il quale von der Leyen, il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il cancelliere austriaco Karl Nehammer si sono recati al Cairo, è la prova del fallimento della politica migratoria dell'UE.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il portavoce della politica interna Gottfried Corio ha dichiarato: “L’accordo previsto dall’UE con l’Egitto si basa ancora una volta sullo spirito: è meglio pagare miliardi piuttosto che essere onesti sulla propria posizione sulla necessaria difesa contro l’immigrazione clandestina”. E ha aggiunto: “Per evitare di fermare l'immigrazione clandestina alla frontiera, è meglio saccheggiare le entrate fiscali e quindi la prosperità dei cittadini”.

Il sostegno alle iniziative dell'Unione europea è però arrivato dal gruppo parlamentare dell'Unione al Bundestag. “L'Europa ha bisogno di accordi efficaci con i paesi di transito esistenti sulle vie di fuga”, ha detto al WELT il portavoce della politica interna Alexander Thrum (CDU), “perché esiste il diritto alla protezione, ma non il diritto di scegliere il paese di protezione”.

READ  Notizie Ucraina ++ Esperti di difesa svedesi: possibile attacco russo ++