Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vitamina D contro la febbre da fieno e l’asma: scoperto un nuovo trattamento

  • Starnuti, lacrimazione degli occhi, problemi respiratori: La febbre da fieno è una delle allergie più comuni in Germania
  • Vitamina D Secondo gli ultimi risultati scientifici, può essere utilizzato in diversi modi, anche contro il raffreddore da fieno
  • un Nuovo studio Enfatizza l’effetto positivo della vitamina D su chi soffre di allergie

La vitamina D è l’ultima cura magica. La vitamina, che il corpo umano può produrre attraverso la luce solare, è in grado di prevenire malattie infettive e malattie autoimmuni, ad esempio. Anche È stato dimostrato che il tasso di mortalità globale diminuisce con un’adeguata vitamina D.. Inoltre, la vitamina D rafforza la funzione del sistema immunitario e può ridurre le reazioni infiammatorie. Diverse pubblicazioni scientifiche mostrano anche un effetto positivo sulle reazioni allergiche. Il team di ricerca voleva saperne di più. La tua presenza Si sono dedicati a un recente studio Questo è l’effetto positivo in particolare. La vitamina D può ridurre o addirittura combattere la febbre da fieno?

Come si verificano le allergie e come può aiutare la vitamina D?

Un raffreddore può causare gravi reazioni allergiche. Le allergie possono causare starnuti, lacrimazione degli occhi, problemi respiratori, tosse, prurito, eruzioni cutanee e persino disturbi gastrointestinali. Questo effetto deriva da una reazione eccessiva del sistema immunitario agli allergeni innocui. Negli ultimi anni è stato osservato un aumento delle malattie allergiche in tutto il mondo. Il Robert Koch Institute riferisce che più di tre milioni di adulti nella sola Germania hanno l’asma e più di 12 milioni soffrono di rinite allergica.

Dei dati Sulla salute degli adulti in Germania (DEGS1) Mostra che l’asma è aumentata di circa il 51% negli ultimi anni. Di particolare interesse: un’allergia è solitamente accompagnata da un’altra. Con la febbre da fieno che esiste da molti anni, ad esempio, i sintomi possono diffondersi alle basse vie respiratorie. Prima o poi, questo porta all’asma. Inoltre, la sensibilità può anche favorire la neurodermite, Come spiegato da Deutsche Apotheker Zeitung nel 2013. Soprattutto in primavera, aumenta la cosiddetta “rinite allergica”. Questa è un’infiammazione della mucosa nasale, vale a dire una reazione allergica a un allergene nell’aria.

READ  Venere: l'atmosfera garantisce diversi periodi della giornata

L’attuale studio ha esaminato se esistesse una relazione tra la vitamina D e la gravità delle allergie. I ricercatori hanno confrontato 49 partecipanti di età compresa tra 18 e 55 anni. Gli scienziati hanno anche lavorato con un gruppo di controllo. Tutti i partecipanti avevano diversi livelli di vitamina D nei loro corpi. Il risultato: il gruppo di controllo con un contenuto di vitamina D più elevato era meno o meno colpito da raffreddore da fieno e allergie.

Una nuova forma di trattamento per chi soffre di allergie

I ricercatori sono stati in grado di trasferire questo effetto positivo a possibili trattamenti e forme di trattamento. I soggetti allergici hanno l’opzione dell’immunoterapia sublinguale (SLIT). Rispetto alla tradizionale ipoallergenicità endovenosa, questa forma è particolarmente adatta per i pazienti che hanno paura degli aghi. Rispetto alla desensibilizzazione, il trattamento SLIT prevede solo l’applicazione di un estratto allergenico sotto la lingua.

L’efficacia della terapia SLIT è stata testata anche con e senza vitamina D. I bambini sono stati confrontati tra i cinque ei dodici anni per un periodo di cinque mesi. Anche qui la differenza era evidente: nei bambini a cui era stata somministrata anche vitamina D, il trattamento era decisamente migliore. bambini Disturbi nasali e sintomi di asma si sono lamentati molto spesso.

Quindi si può dire che le persone che soffrono di carenza di vitamina D hanno maggiori probabilità di soffrire di allergie. Allo stesso tempo, la desensibilizzazione all’assunzione di vitamina D mostra risultati molto migliori rispetto alla non aggiunta di vitamina D. Ciò ha consentito ai ricercatori di dimostrare che il livello di vitamina D nel corpo è fortemente correlato alle reazioni allergiche.

READ  Pfizer sta cercando un farmaco contro COVID-19