Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Violenze contro i manifestanti: nuove sanzioni Ue contro l’Iran

Stato: 14/11/2022 21:53

Gli stati membri dell’Unione Europea hanno risposto alla violenza contro le proteste pacifiche in Iran con ulteriori sanzioni. Le nuove misure punitive prendono di mira, tra le altre cose, la cerchia ristretta del potere dell’IRGC.

L’Unione Europea ha imposto nuove sanzioni a causa delle gravi violazioni dei diritti umani in Iran. In una riunione a Bruxelles, i ministri degli Esteri dei 27 Stati membri hanno deciso all’unanimità di adottare misure punitive nei confronti di persone e organizzazioni responsabili in Iran, come confermato da diversi diplomatici dell’agenzia di stampa Dpa.

In particolare, 31 persone e istituzioni sarebbero state colpite dalle misure punitive. Le misure punitive includono divieti d’ingresso e congelamento dei beni nell’UE.

Barbock: “I diritti umani sono indivisibili”

Il ministro degli Esteri Analina Berbock ha visto le nuove sanzioni come un chiaro segnale al governo di Teheran. “Stiamo mandando un segnale nuovo e inequivocabile al regime iraniano: i diritti umani sono indivisibili”, ha detto il politico dei Verdi a Bruxelles. I funzionari in Iran credevano di poter sopprimere, intimidire e uccidere le persone senza conseguenze. “Non possono farlo. Ciò ha delle conseguenze. E il mondo, l’Europa sta guardando”, ha sottolineato Beerbock.

Il ministro ha sottolineato che le nuove sanzioni colpiranno in particolare la cerchia ristretta di potere delle Guardie Rivoluzionarie e le strutture che le finanziano. Stiamo anche lavorando su ulteriori misure. Non si tratta solo di leggere annunci politici. Affinché le sanzioni siano legalmente sicure, è necessario un controllo approfondito, ha affermato Burbock. La situazione legale è molto complicata.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite si rivolge all’Iran

Berbock ha anche sottolineato l’importanza che la Germania, insieme ad altri 16 paesi, inserisca la situazione in Iran nell’agenda del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra. Insieme lo rendono molto chiaro: “Cerchiamo e riteniamo responsabili di questi crimini contro i diritti umani”.

READ  I paesi del G7 chiedono una nuova indagine dell'Organizzazione mondiale della sanità sull'origine del Corona

L’appuntamento è per la settimana del 21 novembre. I 47 Stati membri del Consiglio non possono imporre sanzioni, ma possono adottare una risoluzione che condanni la violenza e attivare un meccanismo per indagare più da vicino sulla situazione.

L’Iran critica la Germania

L’Iran ha criticato la Germania dopo l’imposizione di nuove sanzioni dell’Unione Europea nei suoi confronti. “Le autorità tedesche dovrebbero guardare alla storia del loro paese e alla storia dei diritti umani per quanto riguarda l’armamento di un regime aggressore contro l’Iran. La Germania non è nella posizione di incolpare l’Iran”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Nasser al-Kinani, secondo il ministero degli Esteri tedesco. . I media. Non ha detto in quale paese sarebbe andato. Teheran considera Israele e gli Stati Uniti come i principali nemici, e anche l’Arabia Saudita è un avversario regionale. Il portavoce ha detto che le sanzioni non colpiranno l’Iran.

Al-Kanaani ha anche annunciato che il ministero degli Esteri ha convocato l’ambasciatore tedesco a Teheran. Ciò è stato confermato dagli ambienti del ministero degli Esteri tedesco a Berlino. Al-Kinani ha spiegato che la questione è legata al collegamento di cittadini tedeschi alle proteste che vanno avanti da settimane in Iran.

Il primo pacchetto di sanzioni contro la “polizia morale”

Lo sfondo delle sanzioni è la brutale repressione delle proteste in seguito alla morte del 22enne iraniano Mohsa Amini. Secondo gli attivisti per i diritti umani, finora sono stati arrestati quasi 15.000 partecipanti alle manifestazioni. Il governo di Teheran non ha confermato queste cifre, ma non ha fornito altri numeri. Almeno 326 persone sono state uccise, secondo l’ONG iraniana Human Rights.

READ  Quasi 100 morti nell'attacco nel nord del Burkina Faso

Già a metà ottobre l’Unione Europea aveva deciso il primo pacchetto di sanzioni a causa di quanto stava accadendo in Iran. Era diretto contro la “polizia morale” iraniana e più di una dozzina di altre persone e organizzazioni. Sempre in quell’occasione sono stati puniti i membri della milizia Basij, che l’Unione Europea ha ritenuto responsabile della morte di molti manifestanti.

Oltre alle sanzioni imposte per le violazioni dei diritti umani, l’Unione Europea ha recentemente imposto nuove sanzioni all’Iran per il suo sostegno alla guerra della Russia contro l’Ucraina.