Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

G20 Bali: il vertice mostra che le tattiche di Schulz hanno funzionato

unQuando Olaf Scholz (il Partito socialdemocratico) si è diretto martedì mattina al vertice del G20 sull’isola indonesiana di Bali in una limousine nera, in Germania era ancora notte fonda. Per la prima volta nel suo nuovo incarico, il Cancelliere partecipa a un raduno dei più importanti politici del mondo, che forse non è mai stato così importante.

Perché questa volta non è altro che la coerenza del mondo. Dall’invasione russa dell’Ucraina, ha minacciato di dividersi in tre campi. Qui l’Occidente condanna la guerra. Lì, allo stesso modo, la Russia ei suoi sostenitori autocratici, che condannano qualsiasi interferenza. Poi ci sono molti paesi in via di sviluppo ed emergenti che vogliono restare fuori da questo conflitto tra i paesi “bianchi”.

Riuscirà Bali a trovare almeno una lingua comune? Questa è la domanda pendente in assemblea. E quanto al cancelliere tedesco, che è ancora nuovo in questo dicastero: può lui, come capo del governo tedesco, svolgere un ruolo piccolo ma positivo in questa vicenda? O almeno affermarlo con credibilità allora?

Olaf Schultz in conversazione con il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (da sinistra)

Fonte: dpa / Kay Nietfeld

Schulz guarda dritto davanti a sé, molto concentrato, senza sorridere, quando la conduttrice indonesiana Joko Widodo lo sorprende. La prima “sessione”, che sta per iniziare, sarà decisiva. Si tratta di geopolitica.

Leggi anche

Indonesia, Singapore e Co.

Anche questo è un successo. Perché lo sherpa di Putin – questo era il nome degli alti diplomatici che hanno trascorso settimane a prepararsi per l’incontro – ha sostenuto che questo qui non appartiene affatto: Svetlana Lukash è il nome della negoziatrice russa, una delle poche donne in questo gruppo. La loro argomentazione: il G20 è responsabile di altre cose. In effetti, solo i ministri delle finanze si sono incontrati così a lungo prima che i capi di stato e di governo si unissero nel 2009 per trovare una risposta politica alla crisi finanziaria globale.

Ha funzionato e da allora il G-20 è sbocciato in un forum privato per la politica globale, sebbene non in un governo mondiale. I ministri delle finanze si incontrano ancora, ma non il ministro delle finanze tedesco. Christian Lindner (FDP) ha declinato l’invito del cancelliere ad accompagnarlo a Bali. L’attenzione comunque sui capi di governo, secondo il ministero delle Finanze. Argomentazione curiosa: i predecessori di Lindner, Olaf Scholz e Wolfgang Schäuble (CDU), non hanno colto l’occasione per accompagnare Angela Merkel (CDU) a questi due vertici. Schäuble ha sostenuto che quando il pubblico guardava specificamente altrove, i ministri delle finanze potevano impegnarsi in politica indisturbati.

Schulz non commenta l’invito rifiutato di Lindner. Ha davvero altre preoccupazioni. Negli ultimi giorni ha riferito sui negoziati ogni mezz’ora. Iniziano molto prima che arrivino i capi. Lo sherpa di Schulze, il segretario di Stato Jörg Kukes, era a Bali da giorni e da lì aveva telefonato in Vietnam e Singapore, dove Schulze aveva fatto scalo sul volo di andata.

Leggi anche

Il cancelliere Olaf Schultz visita il Vietnam

Ha potuto riferire cose positive: la Cina non sembrava disposta a svolgere il ruolo di potenza protettrice per la Russia. Almeno non nel modo in cui voleva Putin. Martedì sera è diventato chiaro che la parola “guerra” sarebbe apparsa nella dichiarazione di chiusura. Quindi testo semplice, non “operazione speciale” di cui la Russia sta ancora parlando.

Ancora più importante, la Cina sembra disposta a sostenere un monito contro l’uso di armi nucleari. Ciò che sembra una cosa ovvia non lo è. Parlando contro la “minaccia” delle armi nucleari, l’uomo forte di Pechino, Xi Jinping, sta togliendo almeno una parte del suo principale strumento di ricatto dalle mani di Putin.

Barbock ora è un dilettante

È qui che entra in gioco Schulze. Era a Pechino solo una settimana e mezzo fa. Il cancelliere è diventato il primo leader occidentale a visitare Xi dopo essere stato confermato segretario generale al congresso del Partito comunista. Ciò è stato visto in modo critico a livello internazionale, così come in Germania, poiché legittimava la presa ferrea di Xi sul potere assoluto. Ma nel corso dell’incontro con Schulz, la parte cinese ha trovato per la prima volta il linguaggio che è importante anche nell’incontro del G20: nessuna minaccia di armi nucleari. Certo, Schulz non ci è riuscito da solo, ma ha avuto un ruolo. Il Segretario di Stato Annalina Berbock (i Verdi), che era stata insolitamente critica nei confronti dei tempi del viaggio di Schultz, è ora sull’orlo.

E Scholz può aggiungere un altro punto alla sua narrazione: Putin non ha partecipato al vertice del G-20, ma ha mandato solo il suo ministro degli Esteri, Sergey Lavrov. Ciò ha a che fare con l’andamento della guerra, disastroso dal punto di vista russo, con il posizionamento della Cina e di altri, ma anche con Schultz. Al vertice del G7 di Elmau un anno fa, fu il cancelliere a esortare l’Occidente, in quanto paese ospitante, a non minacciare di boicottare il G20 se Putin si fosse presentato. La sua argomentazione all’epoca: non creare un effetto di solidarietà tra i paesi emergenti, che tendono a sentirsi spinti dall’Occidente. A quel tempo a Elmau prevaleva Scholz. Ora che Putin si è tolto dal gioco, quella tattica ha funzionato.

Leggi anche

Direttore WELT Stefan Ost

Se il vertice avrà successo, ovviamente, c’è ancora molta strada da fare prima che sia certo. Dipende da altre cose. A Bali tutto inizialmente si è concentrato sull’incontro di Xi con il presidente Usa Joe Biden, avvenuto lunedì sera. Le capacità negoziali della presidenza indonesiana determineranno anche il numero di paesi che successivamente ratificheranno la dichiarazione finale. Il voto della Germania conta solo se funziona di concerto con altri europei. È un ruolo di supporto, ma prima devi trovarlo.

READ  Jeremy Hunt: il nuovo Cancelliere dello Scacchiere britannico annuncia aumenti delle tasse