Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una storia d’amore popolare  Debris.com

Una storia d’amore popolare Debris.com

Alla Med Uni Vienna il biologo Hans Fitzen studia come la complessa interazione tra virus e il nostro sistema immunitario influisce sullo sviluppo delle malattie.

Hans Fitzen, biologo e assistente universitario, afferma che per lui la virologia è stata “amore a prima vista”. Centro di Virologia Università di Medicina di Vienna. Lo scienziato di origine tedesca si è imbattuto nei virus come argomento di ricerca mentre studiava microbiologia e immunologia all’Università di Vienna quando gli è capitato di frequentare un seminario presso l’istituto. “Ero completamente affascinato da come questo virus microscopico potesse rendere completamente inabili noi persone grandi e complesse”. Ha poi deciso di completare la sua tesi di master nel gruppo di ricerca della direttrice del centro, Elisabeth Buchhammer-Stöckel. Questo è stato seguito da un dottorato di ricerca di successo e poi da una borsa di studio post-dottorato – dove un anno di ricerca sui virus alla fine si è trasformato in dieci.

Ciò ha dato a Hans Fitzen abbastanza tempo per lavorare con il team Buchhammer-Stöckel per rispondere a una delle domande più urgenti in virologia: la relazione tra il virus Epstein-Barr (EBV) e la sclerosi multipla (SM). Da tempo si sospetta un possibile legame tra l’infezione da EBV e lo sviluppo di malattie autoimmuni, in cui lo strato isolante esterno delle cellule nervose (mielina) viene gravemente danneggiato dal sistema immunitario di una persona a causa di una reazione immunitaria difettosa. Il risultato è una vasta gamma di sintomi neurologici, dal deficit visivo al dolore e all’intorpidimento.

Il Santo Graal della ricerca sulla SM

Anche se è noto da tempo che l’infezione sintomatica da EBV – nota anche come febbre ghiandolare di Pfeiffer – è un importante fattore di rischio per lo sviluppo successivo della SM, i ricercatori dell’Università di Stanford hanno scoperto la potenziale causa solo nel 2022. Attraverso l’immunologia hanno reticolato anticorpi che in realtà sono formati contro l’EBV si legano anche alle strutture delle cellule nervose e quindi interrompono lo sviluppo e il mantenimento della mielina isolante. Una domanda cruciale rimane senza risposta: sebbene l’infezione da EBV sia diffusa e oltre il 90% di tutte le persone siano infette da questo virus per lo più innocuo, solo un piccolo numero di loro sviluppa la sclerosi multipla. Perché?

“Perché alcune persone soffrono di sclerosi multipla e altre no?”

Hans Fitzen,

Il mondo dei virus

“Volevamo capire perché solo alcune persone sviluppano malattie autoimmuni anni dopo l’infezione da EBV. Abbiamo già trovato alcuni fattori in grado di risolvere questo enigma”, afferma Hannes Fitzen. Lui e il gruppo di ricerca sono riusciti a farlo in uno specialista rivista cellula Gli studi pubblicati mostrano che ci sono alcune caratteristiche del nostro sistema immunitario che in alcuni casi portano a una reazione eccessiva e ad un attacco ai percorsi neurali. “Normalmente, il nostro corpo monitora le reazioni immunitarie contro noi stessi. Solo quando la maggior parte di questi meccanismi di controllo non funziona, il rischio di sviluppare la SM aumenta notevolmente.

READ  Secondo i ricercatori, l'Artico si ritirerà più velocemente che mai nel 2020

Vaccinazione che previene la SM?

Fitzen e i suoi colleghi si sono resi conto che esistono, tra le altre cose, alcuni fattori di rischio genetici che impediscono a queste cellule immunitarie protettive, consentendo loro di attaccare i neuroni. Il virologo vorrebbe ora continuare la sua ricerca: “Se in futuro riusciremo davvero a prevedere in modo affidabile chi avrà la SM e chi no, allora avremo trovato il Santo Graal della ricerca sulla SM”, dice Fitzen. “Sarà anche interessante vedere se è possibile sviluppare un vaccino contro l’EBV che prevenga anche la sclerosi multipla”.

Vorrebbe continuare a perseguire questo obiettivo a Vienna, anche se per il momento lascerà la sua sede accademica e condurrà per un anno ricerche con esperti EBV presso l’Università di Zurigo. A parte l’eccellente ambiente scientifico e la cucina austriaca, la città stessa lo ha sempre affascinato. Ad esempio, quando studiava storia per la seconda volta, casa e materia di studio erano allo stesso tempo: “Vienna è una città molto bella e vivibile – piena di storia e il miglior cibo!”

A una persona

Hans Fitzen (33 anni) ha studiato biologia all’Università di Costanza e dal 2013 microbiologia e immunologia all’Università di Vienna. Dopo aver conseguito il master e il dottorato nel gruppo di ricerca di Elisabeth Buchhammer-Stöckel presso il Centro di virologia della Mid-University di Vienna, nel 2020 è diventato ricercatore post-dottorato e assistente universitario.
Tutti i post su: www.diepresse.com/jungeforschung

Ulteriori informazioni su questi argomenti: