Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Umore di crisi in Mercedes: timori di chiusura di stabilimenti presso la casa automobilistica

Umore di crisi in Mercedes: timori di chiusura di stabilimenti presso la casa automobilistica

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

La Mercedes vuole vendere due milioni di auto all’anno e allo stesso tempo essere un marchio di lusso. Secondo un investitore questa strategia è destinata a fallire.

Stoccarda – Ola Källenius, CEO di Mercedes-Benz, si concentra principalmente sul lusso. L’attenzione della casa automobilistica è rivolta a carrozzerie eleganti che generano elevati margini di profitto. Ciò ha funzionato bene per molto tempo e il ritorno sulle vendite è stato spinto nella fascia a due cifre.

Ma il lato oscuro di questa strategia sta ora diventando chiaro. I registri degli ordini sono vuoti; Mercedes-Benz ha venduto 462.978 veicoli nel primo trimestre, l’8% in meno rispetto all’anno precedente. In particolare sono state vendute vetture meno costose come la Classe S. Di conseguenza, il margine EBIT operativo della divisione autovetture, al netto degli effetti speciali, è diminuito significativamente di 5,8 punti percentuali al 9,0%.

L’investitore chiede risparmi a Mercedes-Benz: la strategia dei prezzi raggiunge i suoi limiti

Questo sviluppo ha causato critiche da parte di un investitore. “La strategia del gruppo del lusso è a rischio”, ha affermato Moritz Kronenberger, portfolio manager di Union Investments. Handelsblatt. “Lusso significa scarsità. Ma la strategia della Mercedes difficilmente affronta questo problema.” Il contesto è che la Mercedes vuole continuare a vendere due milioni di nuove auto all’anno. Secondo Kronenberger, questo è diverso da Porsche Non creare margini elevati a due cifre.

La strategia di lusso del capo della Mercedes Ola Källenius è stata accolta con critiche da parte degli investitori. (Avatar) © Bernd Weißbrod/dpa

Anche la strategia dei prezzi Mercedes Benz Sta chiaramente raggiungendo i suoi limiti. Secondo il rapporto, il produttore ha costantemente aumentato i prezzi delle nuove auto, dai 50.000 euro del 2019 agli attuali 74.000 euro. Ma ora i prezzi delle auto nuove sono stagnanti. Le ragioni di ciò sono che i prezzi elevati non vengono accettati automaticamente e la crescita delle berline e dei Suv di lusso che costano più di 100mila euro si è completamente arrestata.

READ  Panoramica di dpa-AFX: aziende - le notizie principali del fine settimana | newsletter

L’investitore chiede risparmi a Mercedes-Benz: ritorno non pianificato al motore a combustione

Le deboli vendite nel settore elettrico peggiorano la situazione. L’anno scorso Mercedes-Benz ha venduto 402.000 nuovi veicoli completamente elettrici e ibridi. Ciò significava che l’azienda era molto indietro rispetto ai suoi piani, quindi Källenius ha rivisto la strategia “solo elettricità”. Entro la fine del decennio l’azienda voleva vendere quasi esclusivamente auto elettriche, ma ora punta nuovamente sui motori a combustione.

Ciò richiede investimenti elevati. “C’è il rischio che la Mercedes debba investire molti soldi per far sì che i suoi motori a combustione continuino ad esistere”, ha detto Cronenberger. Pertanto, il gestore del fondo richiede da parte di Mercedes rigorose misure di riduzione dei costi. La produzione deve diventare più efficiente e i costi del personale devono diminuire. “In futuro bisognerà pensare alla chiusura delle fabbriche”. Finora il gruppo ha venduto solo stabilimenti più piccoli come lo stabilimento Smart di Hambach e la produzione di automobili in Brasile. Finora sono state escluse le opere tedesche.