Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La forza ostinata del dollaro sta smorzando l'entusiasmo delle aziende americane per i profitti

La forza ostinata del dollaro sta smorzando l’entusiasmo delle aziende americane per i profitti

Molte aziende americane si trovano ad affrontare un problema che non si aspettavano quest’anno: l’aumento del dollaro.

Molti partecipanti al mercato ritengono che il dollaro diminuirà a causa dei tagli dei tassi di interesse pianificati sia dagli investitori che dalla Federal Reserve per il 2024. Questi tagli dei tassi di interesse sono ancora in sospeso e l’indice del dollaro statunitense, che misura la forza del dollaro rispetto a un paniere di valute, è aumentato del 4% nel 2024 ed è aumentato di circa il 16% negli ultimi tre anni.

Sebbene questi guadagni riflettano la forza relativa dell’economia statunitense, un dollaro più forte potrebbe rappresentare un problema per alcune aziende. Una valuta statunitense forte rende più costoso per le multinazionali convertire i profitti esteri in dollari, danneggiando al contempo la competitività dei prodotti degli esportatori. Le aziende che cercano di proteggersi dall’apprezzamento del dollaro devono anche dedicare risorse a strategie di copertura che compensino l’impatto dell’apprezzamento della valuta sui loro profitti.

La Bank of America Global Research stima che ogni aumento del 10% del dollaro su base annua riduce i guadagni dell’indice S&P 500 di circa il 3%.

La forza del dollaro nell’ultimo trimestre dell’anno arriva in un momento in cui i profitti aziendali testimoniano la forza. Con oltre l’80% dell’indice S&P 500 che riporta i risultati del primo trimestre, le aziende sono sulla buona strada per aumentare gli utili del 7,8%, rispetto alla crescita prevista del 5,1% ad aprile, secondo LSEG IBES. Tuttavia, aziende come Apple, IBM e Procter & Gamble hanno citato i tassi di cambio come avversi.

Andrew Gage, vicepresidente senior della tesoreria e delle soluzioni finanziarie di Kiriba, ha affermato che il dollaro forte “ha causato molto panico”. “I CFO chiedono ai team di tesoreria di gestire con maggiore attenzione i rischi posti da un dollaro forte.

READ  Nuovi requisiti di marcatura per le autovetture iniziano immediatamente e questi cambiamenti entreranno in vigore a maggio

I guadagni del dollaro sono alimentati dalla forza dell’economia statunitense, che indebolisce le aspettative sulla misura in cui la Federal Reserve sarà in grado di tagliare i tassi di interesse quest’anno. I mercati dei future mostrano che gli investitori si aspettano tagli dei tassi di interesse di circa 50 punti base nel 2024, rispetto agli oltre 150 punti base dell’inizio dell’anno.

Di conseguenza, i rendimenti negli Stati Uniti sono più alti che in molte altre economie, il che aumenta l’attrattiva del dollaro rispetto ad altre valute.

“Quasi tutti gli esperti di cambio si aspettavano un dollaro più debole quest’anno in previsione di tassi di interesse statunitensi più bassi”, ha affermato Amu Sahota, direttore della società di gestione del rischio di cambio Clarity FX a San Francisco. “Le aziende si leccavano le labbra e aspettavano che ciò accadesse.

Non tutte le società dell’indice S&P 500 sono colpite allo stesso modo dalle fluttuazioni del dollaro. I settori dell’informatica, dei materiali e dei servizi di comunicazione sono in cima alla lista delle aziende più colpite dalle vendite internazionali. Queste aziende generano rispettivamente il 57%, 52% e 48% del loro fatturato totale all’estero, come mostrano i dati FactSet.

Lo scorso trimestre, Coca-Cola ha registrato un andamento sfavorevole del 9% causato dal deprezzamento valutario nei mercati ad alta inflazione. Il Gruppo 3M ha affermato che le valute estere hanno avuto un impatto negativo sui margini rettificati di oltre 0,6 punti percentuali previsti, mentre Apple ha riportato un impatto negativo delle valute estere di quasi quattro punti percentuali sui suoi ricavi trimestrali.

Per evitare che le fluttuazioni dei tassi di cambio causino ampie fluttuazioni dei profitti, le aziende utilizzano varie strategie di copertura, comprese quelle che utilizzano contratti futures e opzioni.

READ  I “responsabili dei problemi” danneggiano le aziende

Alcune aziende che forniscono consulenza alle aziende sulla gestione del rischio valutario hanno visto un aumento dell’attività di copertura nelle ultime settimane, anche se i mercati dei cambi più calmi hanno reso la copertura una questione meno urgente per alcune società, anche se il dollaro si rafforza. A marzo, l’indice di volatilità valutaria di Deutsche Bank è sceso al livello più basso da settembre 2021.

“Verso la fine del primo trimestre, abbiamo notato una certa compiacenza sul fronte della copertura”, ha affermato John Doyle, responsabile del trading presso Monex USA a Washington. “La volatilità valutaria è scesa ai minimi pluriennali, il che ha portato a una mancanza di urgenza. ” “Tuttavia, abbiamo assistito a un aumento delle transazioni di copertura nell’ultimo mese e mezzo.

Le fluttuazioni valutarie contenute rendono alcune aziende “troppo compiacenti riguardo ai rischi che devono affrontare”, ha affermato Karl Shamuta, capo stratega del mercato presso la società di servizi di pagamento Corpay.

Sebbene gli analisti della Bank of America Global Research ritengano che il dollaro si indebolirà nel medio termine, è difficile individuare i tempi di un’inversione.

“Per le aziende statunitensi, la necessità di coprire i rischi di rialzo del dollaro USA nel resto dell’anno si è rafforzata in modo significativo”, hanno affermato.