Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ucraina: la famiglia ebrea combatte Putin: “Vinceremo sicuramente!” – Politica all’estero

Asher Cherkaskeg, 52 anni, e suo figlio David, 20 anni, non possono fare a meno di ridere amaramente del fatto che il dittatore del Cremlino Vladimir Putin, 69 anni, voglia “screditare” l’Ucraina. Perché non sono solo ucraini e soldati in difesa delle terre ucraine, ma anche ebrei religiosi.

Dal primo giorno di guerra hanno combattuto fianco a fianco contro gli invasori russi!

Nell’intervista BILD, Asher ricorda di aver svegliato suo figlio alle 5 del mattino del 24 febbraio quando improvvisamente iniziò la guerra. “Ho avuto solo pochi minuti per fare le valigie e partire. Sono un soldato di riserva”, dice Asher. Tutto ciò che ha detto a David è stato: “Andrà tutto bene”. E: “Vinceremo sicuramente”.

All’inizio, Asher non voleva che suo figlio si unisse alle forze armate ucraine. “In realtà, volevo che realizzasse i suoi piani, finisse gli studi e poi immigrasse in Israele”, dice Asher. Quando non c’erano restrizioni all’uscita per gli uomini della sua età nei primi giorni della guerra, David poteva immigrare in Israele senza problemi, perché era ebreo. Lontano dalla grande guerra in Europa.


Hanno servito insieme nell’esercito ucraino: il figlio David e il padre AsherFoto: Lars Berg

Ma David ha deciso diversamente. “Da quando è scoppiata la guerra, non mi ha ascoltato, qualunque cosa dicessi. Gli ho detto che avrei lavorato qui per entrambi. Ma ha preso la sua decisione. È un uomo adulto”, dice Asher.

“E amo questa decisione”, dice orgoglioso il padre, perché: “Per me significa che ho cresciuto una persona reale”.

Per David, non c’era dubbio che avrebbe difeso il suo paese dagli invasori russi. Sebbene stesse per finire gli studi e iniziare a lavorare come programmatore di software in un’azienda all’estero, rinunciò a tutto e si unì alla difesa regionale ucraina.


Servono insieme e pregano insieme: i due ebrei religiosi mettono gli stendardi

Servono insieme e pregano insieme: gli ebrei religiosi indossano ritualiFoto: Lars Berg

Invece di un lavoro d’ufficio con uno stipendio più alto, ora è: sempre in stand-by e con un Kalashnikov in mano. Ma non lo vede come un sacrificio, piuttosto come un dovere. Il suo grande esempio: suo padre, che è andato al fronte all’inizio dell’offensiva russa nell’Ucraina orientale nel 2014 per combattere i russi e i separatisti filo-russi.

“Mio padre ha difeso me, i miei amici, la mia famiglia e il nostro paese nel 2014. Come posso prendere un’altra decisione?”, dice David.


Asher Cherkasky prima della preghiera

Asher Cherkasky prima della preghieraFoto: Lars Berg

La tua città natale di Dnipro è finora sopravvissuta a un grave attacco russo. Ma di volta in volta ci sono stati attacchi missilistici sulla città. Le forze speciali russe stanno cercando di entrare nel Dnipro ed esplorare la città per una possibile invasione. Insieme, Ascher e David Tscherkasskij fanno di tutto per contrastare i piani russi e difendere la loro città.

David aveva 12 anni quando suo padre difese l’Ucraina dal primo attacco russo. Un bambino preoccupato per il suo amato padre. Ora David è un uomo, fa il dovere che molti uomini ucraini danno per scontato. Anche se è stato fatale.


Padre e figlio pregano tra i loro doveri.  Proprio come facevano i loro antenati

Padre e figlio pregano tra i loro doveri. Proprio come facevano i loro antenatiFoto: Lars Berg

I russi uccidono “con grande piacere”

È chiaro per loro che non solo Putin è responsabile della guerra. Ma gran parte della popolazione russa.

Non è Putin che spara. “Non è Putin a rifornire il suo esercito”, dice Asher Cherkasky. “Putin non punta le pistole nemmeno contro le città dove i nostri cittadini vivono in pace. Putin non preme il pulsante per lanciare un missile all’ospedale Mariupol o all’aeroporto di Dnipro. Non è Putin a farlo, ma i cittadini russi Federazione. Sembra che lo facciano con grande piacere”.


Anche quando bevono caffè, Asher e David Cherkaskej non depongono le armi

Anche quando bevono caffè, Asher e David Cherkaskej non depongono le armiFoto: Lars Berg

Dopo Bucha, al più tardi, è diventato chiaro che finché i soldati russi sarebbero rimasti in Ucraina, il terrore e la violenza avrebbero prevalso. Le immagini del massacro fanno venire le lacrime agli occhi di Asher. “È un grande dolore. Il dolore della nostra gente. E l’odio per coloro che lo hanno perpetrato. L’ebreo religioso dice: ‘Questi russi sono animali'”.

Non ha mai pensato che avrebbe dovuto vedere foto del genere in Ucraina. Non dopo che tutte le persone hanno dovuto sperimentare durante la seconda guerra mondiale.


Ascher Tscherkasskij con il giornalista della BILD Filipp Piatov a Dnipro

Ascher Tscherkasskij con il giornalista della BILD Filipp Piatov a DniproFoto: Lars Berg

Quello che sta accadendo a Mariupol, Kharkiv e in molte altre città dell’Ucraina non è una battaglia tra due eserciti. È il genocidio di un popolo. “Popolo ucraino”, dice Asher.

Per difendere questo popolo, Asher e David combatteranno fianco a fianco. Non vogliono fare spiacevoli concessioni con i russi, ma combattono fino a quando l’ultimo soldato russo non lascia l’Ucraina. E l’orrore finisce alla fine.

READ  Gli abitanti del villaggio guardano l'albero di Natale e sono scioccati