Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Elezioni in Francia: Macron e Le Pen arrivano al ballottaggio

meIn Francia ci sarà un altro duello tra il presidente liberale Emmanuel Macron e la destra Marine Le Pen per la carica più alta. Secondo i dati diffusi lunedì sera dal ministero dell’Interno, il capo di stato in carica e il suo rivale del Raduno Nazionale si affronteranno nel ballottaggio del 24 aprile.

Il ministero dell’Interno di Parigi ha pubblicato i risultati lunedì sera, dopo aver contato il 92 per cento dei voti di tutti gli elettori registrati. Di conseguenza, Macron ha vinto il 27,4% e Le Pen il 24,3%. Il politico di sinistra Jean-Luc Melenchon è arrivato terzo con il 21,3% dei voti. Il capo di stato in carica e il suo rivale del National Rally si sfideranno il 24 aprile.

Secondo il ministero dell’Interno, l’estrema destra Eric Zemmour ha superato la conservatrice Valerie Pecres del 4,8% e di quasi il 6,9%. La candidata socialista Anne Hidalgo era in svantaggio di poco più dell’1,7%. Il verde Yannick Jadot ha raggiunto oltre il 4,4%.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

I socialisti, che hanno ancora consegnato il presidente François Hollande dal 2012 al 2017, ei conservatori hanno subito sconfitte schiaccianti. Per i due ex partiti popolari, questo è il peggior risultato nella storia del partito.

READ  La Commissione europea intende inserire nella lista nera i contrabbandieri

I tre candidati di sinistra Gadot, Hidalgo e Fabien Rosell hanno subito chiesto il voto per Macron al secondo turno. Pecres ha annunciato che avrebbe votato lei stessa per Macron, ma ha rifiutato di fare appello ai suoi sostenitori, che secondo i sondaggi probabilmente voteranno per Le Pen. Zemmour ha chiesto l’elezione di Le Pen.

Le Pen e Macron – concetti opposti

Nel suo discorso notturno delle elezioni, Macron ha ringraziato i suoi elettori per il loro sostegno. “La tua fiducia mi onora, mi lega e mi lega”, ha detto il 44enne alla folla di fan a Parigi. “Potete tutti contare su di me per implementare questi progressi e lanciare il progetto”, ha aggiunto raggiante.

I sostenitori di Emmanuel Macron esultano a una manifestazione elettorale a Parigi

Fonte: AP / Thibault Camus

Macron ha elogiato tutti e 11 i suoi oppositori e ha elogiato la rispettabile campagna elettorale. Ha espresso un ringraziamento speciale a coloro che, dopo la sconfitta, hanno chiesto sostegno a Macron nel ballottaggio tra lui e la destra Marine Le Pen la notte delle elezioni. Gli elettori devono essere d’accordo. “Alcuni lo faranno per prevenire l’estrema destra e sono pienamente consapevole che questo non è considerato un supporto per il mio progetto e lo rispetto”.

Nel suo discorso, Le Pen ha insistito sull’indipendenza e sui valori della Francia. “Due visioni opposte del futuro hanno prevalso” nel ballottaggio, ha detto Le Pen, poiché rappresentava “la giustizia sociale attorno all’antico concetto di nazione e popolo”. Garantirebbe l’indipendenza nazionale e la capacità del francese ordinario di prendere le proprie decisioni. “Riformerò la Francia tra cinque anni”, ha detto.

Macron ha approfittato del desiderio di stabilità

Anche se molti francesi sono rimasti scontenti del primo mandato di Macron e non hanno suscitato entusiasmo in campagna elettorale, il 44enne ha approfittato della debolezza degli altri candidati e degli auspici di stabilità di fronte alla guerra in Ucraina.

D’altra parte, la populista di destra Le Pen ha cercato di segnare punti con un tono più moderato di prima, presentandosi come un sostenitore di chi soffre di inflazione e prezzi elevati di elettricità, carburante e cibo. Altri candidati hanno svolto un ruolo molto minore nella campagna elettorale.

Leggi le elezioni francesi

Il primo turno delle elezioni presidenziali francesi del 2022

Macron e Le Pen si affronteranno ora il 24 aprile, una ripetizione del duello di ripetizione del 2017 in cui Le Pen alla fine ha perso contro Macron. I sondaggi d’opinione si aspettavano un risultato più difficile in questo momento. Più e più volte, il candidato che è arrivato secondo al primo turno ha vinto il ballottaggio alle elezioni presidenziali francesi.

Le Pen gareggia per la terza volta. La vecchia politica, succeduta al padre alla guida del National Rally Party (ex: Front National), è impegnata, tra l’altro, a limitare l’immigrazione e le prestazioni sociali agli stranieri.

Macron, che ha fatto affidamento sul progresso economico durante la campagna elettorale, ha potuto accedere all’Eliseo nel 2017 con il suo movimento La République en Marche. A quel tempo, era un candidato più di sinistra, ora rappresentando sempre più cause liberali conservatrici. Prima di diventare presidente, ha lavorato come banchiere di investimento, ha lavorato come consulente del presidente socialista François Hollande ed è stato ministro dell’Economia dal 2014 al 2016.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.