Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pakistan: il premier Khan perde il voto di sfiducia

Stato: 04/10/2022 00:50

Il parlamento pakistano ha estromesso il primo ministro Imran Khan. La maggioranza dei parlamentari ha votato contro l’ex star del cricket con un voto di sfiducia. L’opposizione lo accusa di inefficienza economica.

Il parlamento pachistano ha votato sfiducia al primo ministro Imran Khan. Il presidente del Parlamento, con un voto di sfiducia, ha annunciato che 174 parlamentari su 342 hanno votato contro l’ex star del cricket. I sostenitori dei partiti al governo avevano precedentemente lasciato la sala. Khan è il primo primo ministro nella storia del Pakistan a essere estromesso con un voto di sfiducia.

Il leader dell’opposizione Shahbaz Sharif ha ringraziato i suoi sostenitori per la loro lotta. “Il Pakistan ricostruirà questa unità”, ha detto Sharif. Il Paese dell’Asia meridionale attendeva con ansia il voto sin dalle ore mattutine. La Corte Suprema ha ordinato il voto previsto per giovedì dopo che era stato annullato quasi una settimana fa per accuse di incostituzionalità. Anche il successivo scioglimento del Parlamento da parte del presidente Arif Alvi è stato revocato.

Il presidente ad interim del parlamento Ayaz Sadiq ha affermato che l’elezione di un nuovo primo ministro è prevista per lunedì.

L’accusa: cattiva gestione e incompetenza

La coalizione di politici dell’opposizione che guida il voto di sfiducia accusa Khan di malgoverno e incompetenza sulle questioni economiche. Di recente, il prezzo di cibo, benzina o gas per l’energia nucleare nell’Asia meridionale, che ha una popolazione di 220 milioni di persone, è salito alle stelle. Il Primo Ministro è stato frustrato dalla pandemia di Corona, che ha causato una massiccia crisi economica nel Paese.

READ  "Seri problemi costituzionali" con la vaccinazione obbligatoria negli Stati Uniti

Piuttosto che tirare fuori il paese dalla sua miseria, Khan ha dovuto recentemente soddisfare i requisiti più severi del Fondo monetario internazionale (FMI) con nuove tasse e aumenti delle tasse per riavere i soldi.

Gli osservatori temono un colpo di stato militare

Khan aveva solo una maggioranza esigua in Parlamento. Il Pakistan ha governato per metà della sua esistenza dall’esercito, che ha preso il potere quattro volte. Alcuni osservatori hanno espresso il timore che una situazione di stallo prolungata possa costringerla a intervenire.

Altri pensano che questo sia improbabile. L’esperto pachistano Michael Kugelman ha scritto in Foreign Policy che i militari preferirebbero in effetti che i civili si prendessero la colpa per l’attuale miseria economica.