Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ucraina e clima: Olaf Schultz è annegato vicino a Lula, in Brasile

Ucraina e clima: Olaf Schultz è annegato vicino a Lula, in Brasile

HQuesto doveva essere il momento clou del viaggio di Olaf Schultz in America Latina. Dopo le visite di un giorno in Argentina e Cile, lunedì il cancelliere è arrivato a Brasilia, la capitale del paese più grande del Sud America. Poco prima della partenza, il programma della visita in Brasile è stato modificato: Schulze vi ha aggiunto un giorno in più.

Tra l’altro, si è lasciato mostrare da un urbanista e professore di architettura la città che Oscar Niemeyer ha costruito radicalmente in stile neoclassico negli anni ’50 e ’60. A Schulze piace questo stile: nelle conversazioni private a volte prende in giro i vecchi edifici Biedermeier in cui vivono quasi tutti i politici e funzionari della Berlino politica.

Ha anche i migliori sentimenti per Luiz Inácio Lula da Silva. Si rivolge segretamente a lui come “Lola” e si rivolge a lui per nome. Schultz vede il leader del partito laburista, che i socialdemocratici vedono come un partito fratello, cioè un compagno. Sì, forse anche come amico. Schultz ha avuto contatti con Lula durante i suoi precedenti regni e lo ha mantenuto anche dopo che è stato rimosso dal potere e stava scontando una pena detentiva per corruzione.

Leggi anche

Rabbia improvvisa del compagno Lula

Ma Lula è stato riabilitato, rieletto presidente e visto come un eroe della sinistra europea dopo una tempesta fallita dai sostenitori del suo predecessore populista di destra Jair Bolsonaro. Da quando ha annunciato che avrebbe fermato lo sfruttamento eccessivo della foresta pluviale che Bolsonaro ha tollerato, il governo ha identificato con lui i semafori.

Il presidente federale Frank-Walter Steinmeier si è recato al suo insediamento. Il ministro dello sviluppo Svenia Scholz (entrambi del Partito socialdemocratico) si è recato prima di Schulz a Brasilia e ha portato con sé 200 milioni di euro. Questo è solo un finanziamento per iniziare nei primi giorni della presidenza di Lula, e presto arriveranno altri soldi tedeschi da usare in Brasile per combattere il cambiamento climatico.

È abbastanza sorprendente che ci siano state effettivamente vessazioni durante i colloqui segreti tra le delegazioni. Secondo un rapporto di un partecipante, Lula si lamenta del regolamento UE che è attualmente in fase di definizione a Bruxelles. Si intende stabilire che solo i prodotti brasiliani che sono stati prodotti senza deforestazione possono essere importati in Europa.

Leggi anche

Il presidente federale Frank-Walter Steinmeier (a sinistra) con il presidente brasiliano Lula da Silva

Lula da Silva e Steinmeier

Leggi anche

Ha ottenuto molto anche per il suo Paese: ci ha pensato il capo dello Stato, Jair Bolsonaro

Lula sembra essere contro la legge sulla filiera a semaforo

Scholz ha solo un’influenza indiretta su questo. Ma le critiche lo colpiscono comunque. Perché il cancelliere ha promosso la nuova legge sulla filiera della Traffic Light Coalition a tutte le tappe del suo viaggio in America Latina. Ciò obbliga le aziende tedesche a dimostrare di utilizzare solo prodotti primari che sono stati rispettati per gli standard sociali, ambientali e di altro tipo. Scholz lo promuove come un vantaggio: chiunque abbia a che fare con i tedeschi può essere sicuro che in futuro sarà corretto. Lula sembra vederla diversamente.

READ  La Russia minaccia “punizione” dopo gli attacchi ucraini a Belgorod

Non è l’unica irritazione. Alla conferenza stampa congiunta nel palazzo presidenziale, il brasiliano si è astenuto insolitamente dalle parole introduttive e ha immediatamente posto domande ai giornalisti. Schulz sembra perplesso. Lula si è poi corretto e ha ceduto la parola a Schulz, il quale ha fatto un lungo discorso di apertura che si è concluso con enfasi: “È un’ottima notizia per il nostro pianeta che il presidente Lula sia impegnato a combattere il cambiamento climatico, proteggere l’Amazzonia e… dichiarare una fine alla deforestazione!”

Ma gli esperti stanno già ascoltando la frase successiva. Perché ora Schultz viene al Climate Club per parlare. Scholz ha creato questa comunità di paesi che coordinano le proprie politiche di protezione del clima. Adesso sta riunendo i membri del club. Sabato, il presidente argentino Alberto Fernandez ha promesso di unirsi a lui. E domenica, il presidente del Cile, Gabriel Boric, ha accettato di assumere la co-presidenza.

Leggi anche

Vuole sostituire il presidente Bolsonaro: Lula da Silva

Quando la “cara Lula” non sembra il “club del clima” di Scholz.

Ma Lula, che guida la più grande economia del continente, è molto più importante. Sorprendentemente, non sembrava pronto per unirsi al club di Schulz. Perché il cancelliere dice solo: “Vogliamo avere molti, molti partner da tutto il mondo”. Quindi Lola l’ha rifiutato. Ma Schultz chiude comunque con entusiasmo: “Fammi dire ancora una cosa: sono contento, siamo tutti contenti che il Brasile sia tornato sulla scena mondiale. Mi stavo perdendo! Cara Lola, come vedi abbiamo grandi progetti insieme e non vedo l’ora di instaurare una buona collaborazione a lungo termine”.

Ma forse Lula immagina le cose in modo diverso, come evidenziato nel corso delle lunghe dichiarazioni di Lula, in particolare sulla guerra in Ucraina. Perché Lula non parla dell’aggressore russo, ma dei “due belligeranti”. Non si sa perché sia ​​iniziata la guerra: “Alcuni dicono perché l’Ucraina voleva entrare nella NATO”. Papa Francesco ha detto la stessa cosa. Dopo l’inizio della guerra, Lula ha dichiarato in un’intervista al presidente ucraino Zelensky: “Quest’uomo è responsabile dello scoppio della guerra quanto Putin”.

READ  L'Ucraina ha distrutto attrezzature per la guerra elettronica russe per un valore di 1 miliardo di dollari

Questo mette in prospettiva Lola solo in misura molto limitata, anche accanto a Schultz. È vero, i “russi” hanno commesso un “classico errore” quando hanno invaso il territorio di un altro paese. Ma c’è un proverbio brasiliano che dice: “Se uno non vuole, due non discutono”. Non ha capito il motivo della guerra, ma ha voluto sottolineare che anche la guerra degli Stati Uniti contro l’Iraq è iniziata con una “bugia”.

Leggi anche

Il viaggio del Cancelliere Schultz in America Latina

Il deserto di Wagenknecht appare piuttosto che il corso di Schulz nella politica ucraina

Ora si tratta di parlare con Putin e Zelensky. Dovrebbe farlo una coalizione internazionale con Brasile, Cina e India: “Non so quando finirà la guerra se restiamo inattivi per molto tempo”. Prima della conferenza stampa, Lula non solo ha parlato a lungo con la delegazione tedesca, ma anche colloqui non programmati a tu per tu con il cancelliere che sono durati circa un’ora.

Ma ora a volte sembrava che avesse invece parlato con Sahra Wagenknecht. Un’altra osservazione di Lula, che è chiaramente rivolta al club climatico di Scholz, a cui non vuole aderire, suona quasi maleducata: si può creare un “club ambientalista”, ma anche un “club della pace”.

Schulz ascolta immobile e cerca solo, quando è il suo turno, di correggere l’impressione che Lula abbia una visione molto diversa della guerra in Ucraina rispetto a lui: “Siamo forti insieme” quando percorriamo la stessa strada. quando si tratta di porre fine alla terribile guerra di aggressione in Ucraina”.

Schulz ha poi osservato che il Brasile aveva condannato l’attacco russo alle Nazioni Unite come una violazione del diritto internazionale. Ma questo sta ancora accadendo sotto l’ex presidente Bolsonaro, che è stato severamente rimproverato.

Leggi anche

FILE FOTO: L'ex presidente brasiliano e attuale candidato presidenziale Luiz Inacio Lula da Silva parla durante un incontro con i sindaci a San Paolo, Brasile, 26 ottobre 2022. REUTERS/Carla Carnel/File Foto

Un duro colpo per Schulz

Lula non risponde, ma chi lo ascolta sospetta che il Brasile avrebbe preso la stessa decisione sotto la sua presidenza. Questo è molto importante, perché Lula gode di grande autorità tra gli altri capi di governo di sinistra in America Latina. Non è escluso che lo avrebbero seguito fino all’imparzialità – all’astensione alle Nazioni Unite.

È un duro colpo per Schultz. A lui va giustamente riconosciuto il merito di aver convinto molti Paesi del Sud del mondo a condannare l’offensiva russa con intense provocazioni polemiche. Vuole anche raccogliere i frutti dei suoi sforzi in questo viaggio: ha chiaramente nominato il presidente argentino l’aggressore, così come il capo del governo cileno, e ha persino promesso di inviare navi in ​​​​Ucraina per bonificare le mine russe nel Mar Nero.

READ  Crisi del governo austriaco: si dimette il cancelliere Kurz

Il Brasile può aiutare di più. Perché prima della Coppa del Mondo 2014, il paese ha acquistato i carri armati antiaerei Gepard dalla Germania per proteggere gli stadi dagli attacchi dei droni. Non è mai stato superfluo, motivo per cui il Brasile ha ancora munizioni fino ad oggi. Esattamente le munizioni di cui l’Ucraina ha un disperato bisogno in questo momento.

Leggi anche

“Repubblica popolare dell’America Latina”

Anche il cancelliere Olaf Scholz (SPD) è tornato a mani vuote quando si è trattato di munizioni per i ghepardi: Luis Inacio Lula da Silva lo ha salutato davanti al suo ufficio a Brasilia

Anche il cancelliere Olaf Scholz (SPD) è tornato a mani vuote quando si è trattato delle munizioni del ghepardo: Luis Inacio Lula da Silva lo ha salutato davanti al suo ufficio a Brasilia

Fonte: dpa / Kay Nietfeld

Scholz fallisce nell’acquisto di munizioni

Il governo federale sta cercando di trovare queste munizioni in tutto il mondo. Tuttavia, non verrà dal Brasile. Lula spiega: “Il Brasile non ha alcun interesse a vendere munizioni che possano essere utilizzate in questa guerra. Siamo un paese impegnato per la pace! Non vogliamo nemmeno un ruolo indiretto in questa guerra! Dobbiamo trovare qualcuno che ci aiuti a negoziare la pace!” Raramente senti la parola pace nelle discussioni!

Schulz se lo aspettava? Durante la conferenza stampa, ha salutato il suo principale consigliere per la politica estera, Jens Pleutner, e gli ha chiesto qualcosa. Anche il maestro di cerimonie si avvicina due volte a Lola e scambia parole con lui, mentre Schultz risponde alle domande. Questo è insolito per le conferenze stampa dei capi di stato e di governo.

Leggi anche

Lula (a sinistra) è al fianco di Cuba e del Venezuela da anni.  Qui nel 2016 con Nicolas Maduro (a destra) e Raul Castro

Qualcosa è andato storto? Schultz insiste poi su punti in comune che non erano presenti almeno in questa conferenza stampa: “C’è una chiara posizione comune secondo cui condanniamo l’attacco russo all’Ucraina”.

Lola non sembra consapevole dei guai in cui si sta cacciando Schultz. Durante la conferenza stampa, improvvisamente ha fatto una battuta: “L’unica cosa che non dovrebbe più succedere è che la Germania non può battere il Brasile 7 a 1 nel calcio. 0 a 0 sarebbe decente”.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare il contenuto incorporato, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori del contenuto incorporato, in qualità di fornitori di terze parti, richiedono questo consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.