Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Tempi duri per le auto elettriche

Tempi duri per le auto elettriche

I sussidi per le auto elettriche diminuiranno notevolmente nel 2023. Invece di 6.000 euro, ce ne saranno solo 4.500. Le auto ibride plug-in non ricevono più finanziamenti. Il finanziamento statale è stato riorganizzato anche in altri settori chiave. Gli ottimisti ritengono che la riduzione dei finanziamenti non rallenterà le nuove registrazioni nella primavera del 2023 (Settimana dell’auto), ma altri esperti di mercato vedono già un significativo rallentamento delle dinamiche di vendita dei veicoli elettrici. E il gran finale arriverà nell’autunno del 2023, quando il supporto per i clienti commerciali sarà completamente eliminato, e poi anche per i veicoli elettrici a batteria e le celle a combustibile (BEV). Quello che è successo?

Il Green Deal è sotto tiro

Otto paesi dell’UE: i nuovi standard sulle emissioni sono troppo costosi – La mobilità elettrica è a rischio

Il governo federale ha riorganizzato il finanziamento per i veicoli elettrici, come concordato nell’accordo di alleanza. Dal 1° gennaio 2023, il finanziamento dei veicoli elettrici si concentra solo sui veicoli che hanno dimostrato di avere un impatto positivo sulla protezione del clima. L'”impatto positivo dimostrabile sulla protezione del clima” si concentra solo sulle emissioni di CO2 del veicolo stesso – sia esso a combustibile fossile o elettrico – e non su come viene prodotta l’elettricità ad alta intensità di CO2 del motore elettrico, se in modo sostenibile dal vento o dal sole. , o se si tratta di carbone “sporco” e gas naturale.

Dal 1° gennaio 2023 solo i veicoli elettrici a batteria e benzina (BEV) hanno ricevuto il bonus ambientale. I veicoli ibridi plug-in (PHEV), come i veicoli con un sistema a doppio motore, sono completamente esclusi dalla sovvenzione. Ma anche per le auto elettriche pure, non ci sono tanti soldi come prima.

In termini concreti, il nuovo regolamento è il seguente: il sostegno statale per l’acquisto di veicoli puramente elettrici (alimentati da batterie o celle a combustibile) è stato ridotto da gennaio 2023 da 6.000 euro, a seconda del prezzo di acquisto, a soli 3.000 a 4.500 euro . . Come prima, i produttori di automobili aggiungono metà della quota statale. in dettaglio:

  • Auto con prezzo netto fino a 40.000 euro: contributo statale 4.500 euro;
  • Veicoli con prezzo netto compreso tra € 40.000 e € 65.000: contributo statale € 3.000;
  • Dal 1 settembre 2023, il pool di coloro che possono presentare domanda sarà limitato ai privati ​​e i clienti commerciali non riceveranno nulla;
  • Per le auto elettriche con prezzo netto superiore a 45.000 euro, il bonus ambientale non si applicherà a tutti dal 1° gennaio 2024.

Il ministro federale dell’Economia e della protezione del clima Robert Habeck ha spiegato così il nuovo regolamento: “L’elettrificazione ha fatto il passaggio al mercato di massa: l’obiettivo di 1 milione è stato raggiunto nel 2021 e quest’anno ci avvicineremo a 2 milioni di persone. Le auto elettriche sono sta diventando sempre più comune e non avrà bisogno del sostegno del governo nel Per il prossimo futuro… Per la prossima fase di finanziamento, ci concentreremo chiaramente sulla protezione del clima e concentreremo il finanziamento sulle auto a batteria Ciò garantisce una maggiore protezione del clima nei trasporti e negli usi disponibili fondi di bilancio in modo mirato.”

READ  Diligent annuncia la due diligence ESG per aiutare le aziende a rispondere all'evoluzione dei requisiti normativi

Con due milioni in avvicinamento, è probabile che il capo “verde” del Ministero federale dell’economia e della protezione del clima (BMWK) si sbagli di grosso. Da gennaio ad aprile 2023, in Germania sono stati immatricolati 124.500 veicoli elettrici puri (BEV) (+18%) e 49.300 veicoli elettrici puri (-48%), solo la metà in meno rispetto all’anno precedente. Estrapolato all’intero anno, il risultato di primavera significa vendite di veicoli elettrici modeste di appena mezzo milione di nuove immatricolazioni nel 2023 invece del milione sperato.

Anche l’obiettivo del governo federale di 10 milioni di auto elettriche entro il 2030 è molto lontano. Nei restanti otto anni, solo la metà di loro sarà probabilmente immatricolata sulle strade tedesche.

Camouflage nell’industria automobilistica

Il ritorno dei motori a combustione sotto il manto dell’invisibilità elettrica

La domanda principale è: il mercato delle auto elettriche in Germania si è già affermato in modo tale da poter fare a meno dei premi di acquisto del governo in futuro? Le auto elettriche hanno sostituito le auto a benzina e diesel a favore dei clienti, così che in futuro il Paese non potrà che limitarsi al rapido ampliamento della propria infrastruttura di ricarica, più volte invocato dalla VDA? Oppure le auto a combustione stanno vivendo una rinascita perché in futuro potranno essere alimentate in modo climaticamente neutro con eFuels, quindi le loro emissioni di CO2 non sono più dannose per il clima? Tuttavia, il prerequisito per questo è la disponibilità di e-fuel in quantità sufficienti entro il 2035.

Il fatto è che la batteria e il sistema di batterie rappresentano circa il 40 percento dei costi totali dei veicoli elettrici e sono di conseguenza più costosi. Tanto per fare un esempio: nelle auto elettroniche sono installate 6.000 memory stick, solo 4.000 nei motori a combustione. A seconda della chimica della batteria, della struttura, della capacità di accumulo e della velocità di ricarica della batteria, la batteria e il sistema di batterie costano fino a € 10.000 e oltre.
Ad oggi, le auto elettriche sono solitamente circa un terzo più costose delle auto a combustione a causa del maggior costo delle materie prime per le batterie e dei maggiori costi di produzione. Sebbene questo divario di prezzo si ridurrà in futuro con i progressi tecnici, in futuro le auto elettriche ad alte prestazioni saranno ancora molto più costose e quindi meno adatte alle masse rispetto ai motori a combustione.

READ  Annunci ambigui: la Corte vieta alle aziende di utilizzare il termine "neutro per il clima".

La questione è se l’uomo ecologico può superare l’uomo economico. I clienti scambieranno i loro vecchi motori a combustione con veicoli elettrici nuovi e più costosi se lo svantaggio monetario aumenta prima dall’autunno del 2023 e poi scompare completamente dal 2024?
Tutti gli indicatori disponibili parlano contro questo comportamento dei clienti, soprattutto tra i clienti commerciali. L’idea che in futuro tutti i clienti passeranno alle auto elettriche per motivi ambientali è sbagliata.

Uno spostamento della mobilità sostenibile su base volontaria verso la mobilità elettrica non è all’orizzonte. Il comportamento dei clienti PHEV da quando il supporto all’acquisto è terminato all’inizio dell’anno la dice lunga. Fino ad allora, i clienti erano principalmente gestori di flotte. Quasi nulla è stato in funzione dall’inizio dell’anno: mentre nel 2022 erano ancora quasi 152.000 i PHEV di nuova immatricolazione nelle flotte di veicoli, nei primi quattro mesi del 2023 erano poco meno di 23.000 (Settimana dell’auto). Molte flotte hanno rimosso i plug-in dalle loro politiche sui veicoli (Potere dei dati).

Ciò vale soprattutto per i gestori di flotte di piccole e medie dimensioni, che forniscono la maggior parte dei veicoli dell’azienda. “Sono più guidati dai costi e, in caso di dubbio, sceglierebbero di nuovo il motore a combustione” (forza datiBeniamino Kebis).

Motori a combustione come piloti

Il mercato automobilistico è in ripresa, ma non c’è segno di euforia elettrica

Il motivo principale sono i costi e l’ambiente viene al secondo posto. Senza sovvenzioni governative, i plug-in sono di gran lunga i più costosi. I calcoli di Dataforce per un SUV compatto (tre anni di proprietà; chilometraggio 50.000 km) sono di 51.666 euro per un PHEV (tasse e carburante inclusi), per un motore a benzina è di 44.752 euro e per un BEV è di soli 43.745 euro, molto più economico. “Tuttavia, se il bonus di 4.500 euro non viene applicato e i prezzi di carburante ed elettricità rimangono al livello attuale, i motori a benzina saranno nuovamente avvantaggiati” (Kepez).

Anzi: dall’autunno del 2023 il prossimo test per le auto elettriche sarà in casa, dopodiché non si applicheranno più i premi per l’acquisto di auto elettriche per i clienti commerciali. Contrariamente a quanto spesso si pensa, non hanno resistito bene ai tagli di inizio anno. Perché i numeri sono fuorvianti: da gennaio ad aprile 2023, circa 870.000 veicoli passeggeri sono stati immatricolati di recente (+11%), di cui 124.500 BEV (+18%, una quota del 14,3%). Nel 2022 la quota BEV era ancora del 17,7% con 470.600 nuove immatricolazioni.

READ  La persona più ricca dell'Asia ha perso più di 5 miliardi di dollari in un giorno

Nell’aprile 2023, le nuove immatricolazioni sono aumentate di quasi il 13% a 203.000 unità, le immatricolazioni di BEV sono diminuite del 34% a 29.740 e le immatricolazioni ibride sono diminuite del 46% a 11.790.
Ciò che è degno di nota dello sviluppo di aprile è che si è registrata una crescita significativamente più elevata per i clienti commerciali che possono essere assegnati al segmento dei motori a combustione (canale leasing 23.500 nuove immatricolazioni, +42 per cento; mercati delle flotte 71.500, +29 per cento). Pertanto, le registrazioni delle imprese sono in qualche modo al livello medio per gli anni forti dal 2016 al 2019 (Settimana dell’auto).

Tesla scuote il mercato globale

Un’aspra battaglia sui prezzi per le auto elettriche

I motori a combustione continuano a dominare nelle nuove immatricolazioni: ad aprile la quota dei BEV era del 14,7%, la quota dei motori a benzina era più che doppia al 37,7% e la quota delle auto diesel era ancora del 17,8% vH. In generale, i clienti commerciali in particolare hanno contribuito in modo significativo alla crescita del mercato delle auto elettriche fino ad oggi.

Il numero di immatricolazioni per BEV nel 2023 è stato anche abbellito visivamente dal fatto che gli ordini del 2022 sono stati consegnati solo nel 2023 con un ritardo. È probabile che la domanda esistente, in particolare da parte di società di leasing e operatori di flotte, risenta ulteriormente dei prezzi più bassi dei veicoli elettrici a causa dell’attuale guerra dei prezzi nel mercato.

La società di autonoleggio Sixt ha stretto una collaborazione con il produttore cinese di auto elettriche BYD alla fine dello scorso anno. Ancor prima di Tesla, BYD è ora il più grande produttore di veicoli elettrici al mondo. Sixt inizialmente ordinò diverse migliaia di auto dalla casa automobilistica cinese. La prima potrebbe inizialmente essere affittata in Germania, Francia, Olanda e Gran Bretagna. Complessivamente, il fornitore afferma di voler acquistare circa 100.000 veicoli elettrici da BYD nei prossimi sei anni, principalmente dal segmento ad alto volume.

Ordini importanti come quello di Sixt potrebbero illuminare il quadro, ma non cambiano direzione. In Germania, il mercato delle auto elettriche si sta avvicinando al suo momento di verità in autunno.

annuncio