Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Strategie globali per salvare il mondo: il Club di Roma pubblica un nuovo rapporto

50 anni fa, il Club di Roma presentava il suo studio storico su “I Limiti della Crescita”. Fu l’inizio del pensiero ambientale in contesti globali e in un lontano futuro. Il suo successore si basa su richieste apparentemente fantasiose.

Fai attenzione quando usi i superlativi. Il primo rapporto presentato dal Club di Roma nel 1972, che è un’associazione di esperti in vari campi provenienti da più di 30 paesi, il rapporto “Sullo stato dell’umanità” può essere definito senza alcuna condizione o riserva come storico. Questa descrizione dello stato del mondo è il documento originale per il pensiero ambientale in contesti globali. In quel momento, gli esperti hanno sviluppato la tesi, utilizzando dati e strumenti di analisi, secondo cui ogni azione individuale e regionale ha un impatto sullo stato ecologico, sociale ed economico della Terra e le sue conseguenze in futuro.

I dodici diversi scenari di sviluppo risultanti sono stati pubblicati dal Club di Roma come un libro intitolato I limiti della crescita. Lo studio è passato alla storia con questo nome. La versione tedesca prevedeva un globo con scarpe nere calpestate sulla copertina. Ciò si adatta alla terribile previsione: il rapporto concludeva che esiste un serio rischio che tra il 2000 e il 2100 l’economia e l’ecosistema possano crollare se la popolazione mondiale continua a crescere rapidamente e le risorse non rinnovabili vengono sfruttate a un ritmo sostenibile.

Poi è arrivato il buco dell’ozono

Quello che è noto oggi era un approccio rivoluzionario all’epoca, poiché la crescita economica era considerata un rifugio nel mondo occidentale all’epoca. Ciò che è rimasto è stata la consapevolezza che “abbiamo solo un pianeta”, che è stata successivamente sostenuta dal movimento ambientalista. Il libro – che è stato tradotto in 30 lingue e ha venduto più di 30 milioni di copie – ha acceso un dibattito acceso come oggi sulla protezione del clima. Una settimana dopo la sua pubblicazione, l’economista tedesco-americano Henry Wallich ha definito il contenuto “un’assurdità irresponsabile”.

Due anni dopo fu scoperto il buco dell’ozono. Tuttavia, è passato molto tempo prima che il mondo concordasse un programma di sostenibilità e misure per combattere il riscaldamento globale dall’inizio degli anni ’90. Studi scientifici mostrano quanto siano vicine alla realtà le cupe previsioni del 1972. Tuttavia, poco è cambiato: la controversia rimane. Perché la catastrofe non è ancora avvenuta. Negli ultimi 50 anni sono stati scoperti numerosi giacimenti di materie prime, come petrolio e gas naturale, il che va contro il presupposto che le risorse non rinnovabili si esauriranno presto. Il mondo non è al limite, ma nessuno affermerà di essere sano.

Una terra per tutti

Pochi giorni fa, il Club di Roma ha presentato il suo ultimo report – dopo 50 anni di “limiti della crescita”. Il libro che accompagna il nuovo studio si chiama Earth for All – A Survival Guide for Our Planet. Anche il titolo mostra preoccupazione per il disastro e fiducia nel proteggere “Terra per tutti” da esso. I responsabili della Bibbia parlano di un “bivio” perché l’umanità sta gettando i semi per il crollo di intere regioni del mondo. Ma non è troppo tardi per cambiare le cose.

Gli esperti si limitano a due scenari, che iniziano entrambi nel 1980 e terminano nel 2100. Uno è chiamato “troppo poco e troppo tardi” (troppo poco, troppo tardi) e l’altro è chiamato “salto gigante” (salto gigante). Suonano però i campanelli d’allarme. In generale, tuttavia, è distinguibile il tentativo di diffondere la fiducia. Il Club di Roma confida nella comunità internazionale per stabilizzare il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi e per compiere progressi decisivi nella lotta alla povertà entro il 2050. Una “trasformazione sistemica” può essere raggiunta “in decenni, non solo secoli” se l’umanità agisce ora.

READ  Guerra in Ucraina: secondo la sua stessa dichiarazione, la Russia vuole ritirare le unità da Kiev e concentrarsi sul Donbass

Le gru ci sono.

Il rapporto 2022 è anche una descrizione scientifica del triste stato del mondo, in contrasto con “cinque volti straordinari per la giustizia globale su un pianeta sano”. Si riferisce a questioni di povertà, disuguaglianza, cibo, energia ed emancipazione (“giustizia di genere”) e si basa su idee che, per la maggior parte, sono già richieste o discusse in tutto il mondo. Tuttavia, il libro contiene diverse richieste che, alla luce della guerra aggressiva della Russia contro l’Ucraina e della confusione politica interna negli Stati Uniti, sembrano – dalla prospettiva odierna – un’utopia impraticabile.

Le proposte sono accompagnate da una massiccia critica al capitalismo attuale. Il Club di Roma prevede un allontanamento dal “capitalismo vincitore che porta tutto nelle economie di Earth4All”. “Le gru sono lì, proprio davanti ai nostri occhi, che aspettano solo di essere tirate”. Gli esempi includono “la creazione di fondi per i cittadini per distribuire equamente la ricchezza dei beni comuni globali a tutti i cittadini”, “trasformare il sistema finanziario internazionale per facilitare una rapida riduzione della povertà in molte parti del mondo” e “ridurre i rischi di investimento nei paesi a basso reddito e paesi”. riduzione del debito.”

Se solo fosse stato così facile

Gli autori del nuovo studio dubitano certamente, giustamente, che le idee incontreranno opposizione. Senza dubbio, alcuni “economisti tradizionali” temono “che questi cambiamenti porteranno a una brusca fine della crescita economica e all’eventuale collasso economico”. Ma si sbaglierebbero su questo. L’applicazione del concetto “non costerà la terra”, ma è “un investimento nel nostro futuro”.

Tuttavia, considerando tutte le loro proposte, gli scienziati riconoscono anche: “Se trovi spaventoso un cambiamento di questa portata, non sei solo. Può sembrare che tu debba far rotolare una roccia su una montagna”, scrivono gli autori, dando un’occhiata ai loro lettori. Tuttavia, considerano anche possibile una sorta di auto-antagonismo. Riesci a pensare a cosa accadrebbe “se dovessimo spostare quella dannata cosa e lasciare che la gravità faccia il resto”? Quattro forze – movimenti sociali, nuova logica economica, sviluppo tecnologico e azione politica – sono pronte a spingere le società “a superare il punto di svolta in un modo che manifesti cicli positivi di auto-rafforzamento”. Alla fine di questo processo c’è “One Earth for All”. Se solo fosse così facile.

READ  Gli esperti statunitensi sono sorpresi: il missile supersonico cinese è un mistero

(Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta domenica 4 settembre 2022.)