Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Siamo un'azienda in movimento” - kma Online

“Siamo un’azienda in movimento” – kma Online

Signor Post, due anni fa, la società italiana di informatica sanitaria Dedalus è entrata nel mercato tedesco dell’informatica sanitaria acquisendo la divisione HIS di Agfa, nel mezzo della pandemia di COVID-19. Il prezzo di acquisto in quel momento era un colossale 975 milioni di euro. Come riassumere i primi due anni? Ne è valsa la pena l’acquisizione?

Sì, certo, anche perché l’intero clima per gli investimenti IT nel settore sanitario è cambiato radicalmente in una direzione molto positiva. KHZG è stata una sorpresa positiva per noi, così come il forte aumento della domanda di soluzioni digitali a causa della pandemia. Nonostante i numerosi problemi di attuazione causati dalla pandemia, siamo ben al di sopra delle aspettative che avevamo due anni fa.

Come si sono evolute le vendite di Dedalus nel mercato tedesco negli ultimi due anni?

Abbiamo una crescita sia organica che inorganica. Dal punto di vista organico, l’anno scorso abbiamo avuto una crescita del 12,5% nella regione DACH. Ci sono anche una serie di acquisizioni. Senza includere le acquisizioni, il nostro fatturato nella regione DACH è attualmente di circa 280 milioni di euro. Questo è troppo.

Numeri che corrispondono alle aspettative della sede della società in Italia o sono espressione delle aspettative di Ardian, il maggiore azionista di Dedalus?

Forse un po’ di ciascuno. Ma ovviamente il nostro obiettivo è crescere in modo significativo in tempi di KHZG. Per molto tempo la nostra crescita è stata a una cifra, e ora è una “doppia cifra”.

Quanto tempo ti ha concesso Ardian per compensare l’enorme prezzo di acquisto?

Nel 2019 il fatturato – all’epoca ancora parte di Agfa – è stato di 200 milioni di euro. Ora siamo più alti del 40 per cento nella regione DACH, anche grazie a KHZG. Ciò significa che all’epoca abbiamo superato le aspettative, perché all’epoca ovviamente KHZG non aveva un prezzo. Nessuno dubitava che nel settore ospedaliero sarebbero stati investiti 4,3 miliardi di euro. Quindi il prezzo di acquisto sarà probabilmente molto più alto. A questo proposito, gli azionisti di oggi sono molto soddisfatti dello sviluppo, abbiamo ampiamente superato tutte le aspettative, sia in termini di vendite che di utili. E i prossimi anni sembrano molto rosei.

READ  Axel-Springer-Verlag: i dipendenti devono divulgare le relazioni
Si nota che Daedalus acquista costantemente …

giusto. Siamo solo con Care Bridge GmbH (Portale di gestione delle discariche) Ha effettuato la sua quinta acquisizione nel distretto DACH in meno di un anno e altre sono oggetto di indagine. Siamo particolarmente forti con l’acquisizione di OSM e ix.mid nella diagnostica di laboratorio impegnato. Gli investimenti che possiamo fare lì non erano possibili prima in Agfa, e questo va detto chiaramente.

Quanti sistemi Dedalus HIS sono attualmente installati negli ospedali tedeschi?

Attualmente stiamo acquisendo da 10 a 20 nuovi ospedali HIS nella regione DACH ogni anno. In Germania abbiamo 800 macchine HIS e circa il 41 percento di tutti i casi di degenza in Germania sono trattati con HIS “ORBIS”. Dei circa 2.800 ospedali in Germania, Austria e Svizzera, circa 2.300 ospedali utilizzano almeno una delle nostre piattaforme di prodotti. I SUOI ​​affari sono ancora molto importanti per noi. Ma stiamo crescendo in molti settori, ad esempio nel campo della business intelligence. Anche il segmento dell’analisi clinica con il nostro prodotto Clinalytix è molto promettente, con lo sviluppo che si muove nella direzione dell’IA. Nel campo della diagnostica in vitro, siamo leader di mercato in Germania con 550 cliniche. Inoltre, abbiamo avuto l’anno migliore in assoluto per il riconoscimento vocale nel 2021 e abbiamo anche registrato il triplo delle richieste in arrivo nell’area PDMS.

Quanto investe Dedalus nello sviluppo del prodotto?

Molti, su 6.700 dipendenti in tutto il mondo, 2.400 stanno lavorando allo sviluppo, quasi 600 nella regione DACH. È molto per un mercato di nicchia come l’IT sanitario. Ci sono investimenti molto grandi nello sviluppo e gli investimenti vengono fatti come mai prima d’ora. Lo vedo molto positivamente.

READ  Cervello materiale: una nuova azienda a Mönchengladbach
Su quali aree dell’IT sanitaria si concentrerà la tua azienda in futuro?

L’intelligenza artificiale e le soluzioni basate sul cloud sono argomenti molto importanti per noi. Di recente abbiamo acquisito PACS basato su cloud “PACS on Web” da Dobco Medical. Stiamo integrando PACS con la nostra piattaforma DeepUnity. Per noi questo è un passo in una nuova dimensione tecnologica. A mio avviso, il tema dominante sarà sicuramente l’analisi dei dati dei data lake esistenti. Questo è il futuro e ci stiamo investendo molto.

Dicono che il futuro appartenga alle piattaforme e alle soluzioni basate sul cloud. Quale futuro ha ancora il tradizionale business HIS?

L’attività di HIS continuerà sicuramente a crescere, principalmente a causa di KHZG. Ma attualmente c’è un’intensa concorrenza e consolidamento nel settore HIS. Possiamo svolgere un ruolo importante lì, soprattutto perché alcune grandi cliniche stanno per fare offerte per un sistema resistente al futuro. Inoltre, i nostri clienti continuano a preferire l’approccio end-to-end, ma i nostri sistemi sono altamente interoperabili. ORBIS è un sistema molto flessibile, i clienti ORBIS possono acquistare da noi la piattaforma di sviluppo completa e creare le proprie applicazioni.

Quando è stato rilevato da Dedalus, hai affermato che il gruppo voleva diventare uno dei primi 3 fornitori di IT sanitari al mondo nei prossimi anni. Riuscirai a continuare a raggiungere questo grande obiettivo che ti sei prefissato?

Sì, lo faremo, ne sono sicuro. Abbiamo guadagnato oltre un miliardo di dollari in tutto il mondo quest’anno, Daedalus è sulla buona strada. Oltre ai buoni numeri economici, quello che mi ispira è lo sviluppo generale. Siamo un’azienda in movimento. Vengono creati molti nuovi team e in alcuni casi abbiamo un’età media inferiore ai 30 anni nei siti di sviluppo. È così divertente far parte di questa dinamica e portare Dedalus HealthCare alla dimensione successiva.

READ  Violazione del copyright: Sony ottiene un'ingiunzione contro i resolver DNS

Guntram Doelves

2022. Tim. Tutti i diritti riservati.