Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Si parla di rifugiati a Lanes: “competizione brutale” ai confini dell’UE

Parliamo di rifugiati a Lanes
‘Brutale concorrenza’ ai confini dell’UE

Scritto da Marco Schleichting

Da settimane un numero crescente di rifugiati è bloccato al confine bielorusso-polacco. La situazione delle persone bloccate lì è devastante. Il gruppo di discussione di Marcus Lanz ha convenuto che questa era “una vergogna per l’Europa”.

Quando vedrai queste foto, non le dimenticherai presto. Migranti al confine dalla Bielorussia alla Polonia. Stai cercando di entrare nell’Unione Europea. Al confine polacco incontrano soldati e guardie di frontiera. Stanno espellendo con la forza i rifugiati. Ma non sono più i benvenuti in Bielorussia. Ora vivono nella zona di confine, un’area con paludi e foreste. Vivono all’aperto, senza cibo, senza tende e senza cure mediche. Le organizzazioni umanitarie non sono autorizzate a visitarli, né ai giornalisti. Non dovrebbero mostrare la loro miseria. Non ci sono stati molti rifugiati per settimane o addirittura mesi, vestiti di stracci, con temperature vicine allo zero di notte e intorno agli otto gradi durante il giorno. Non passerà molto tempo prima che cada la prima neve. Un disastro umanitario incombe a pochi metri dal confine con l’Unione Europea.

In “Marcus Lanz” della ZDF, il sociologo Gerald Knaus ha descritto esattamente come i migranti hanno raggiunto la regione di confine mercoledì sera. Ha dato un suggerimento su come controllare la miseria delle persone lì. I rifugiati sono attratti dalla promessa che è facile viaggiare in Germania dalla Bielorussia. Knaus afferma che il presidente bielorusso Lukashenko ha revocato l’obbligo del visto per vari paesi settimane fa. La gente arriva nella capitale bielorussa, Minsk, in aereo da Istanbul o Damasco. Lì, i contrabbandieri prendono i loro soldi e poi li portano al confine con la Polonia. “Si tratta di un contrabbando organizzato in cui è coinvolta l’agenzia di viaggi ufficiale bielorussa”, afferma Knaus.

“Vergogna per l’Europa”

Al confine, ai rifugiati è stato detto che una volta partiti, non avrebbero più potuto entrare in Bielorussia. Dopo poco tempo passarono dalla parte polacca in una specie di viottolo. Secondo Knaus, sarebbero stati rimandati lì quando avessero raggiunto le fortificazioni di confine polacche.

In realtà questo è vietato dall’Unione Europea. Tuttavia, da allora la Polonia ha revocato questo consenso di base. Taz ha recentemente inviato una lettera al ministro dell’Interno polacco. “Alla luce delle difficili condizioni politiche nelle relazioni con la Bielorussia, vorrei ringraziare te e le guardie di frontiera polacche per aver protetto il nostro confine esterno comune”, afferma. Scritto dal ministro federale degli Interni Horst Seehofer.

L’ex ministro federale dell’Interno Gerhardt Bohm dell’FDP, insieme a Marcus Lanz, ha criticato la situazione delle persone alle frontiere esterne dell’Unione europea: “È una vergogna per l’Europa”. “Abbiamo un obbligo morale verso queste persone che non abbiamo”. La Traffic Light Alliance ha scritto nel suo documento esplorativo di voler porre fine alle azioni disumane alle frontiere esterne dell’UE. Ma Baum dice anche: “Sono curioso di sapere come sia successo”.

“Non lasciare che nessuno muoia congelato nel bosco”

Anche il politico e assistente sociale Kansen Kokturk è terrorizzato. Con Marcus Lanz parla di “competizione brutale” alle frontiere esterne dell’UE. “In Bielorussia abbiamo a che fare con un dittatore che sta torturando il suo stesso popolo”, dice. Teme: “Se non abbiamo una risposta a Lukashenko, alcuni governi diranno che dovremmo essere più brutali”.

Per Gerald Knaus, la cui iniziativa si basa sull’accordo UE-Turchia sui rifugiati del 2016, la soluzione al problema è chiara: “Servono accordi con paesi terzi”. Al momento, ci sono poche migliaia di persone che vogliono entrare nell’Unione europea attraverso la rotta della Bielorussia. Devi fare accordi con democrazie come la Moldova, l’Ucraina o la Georgia e sostenere questi paesi in cambio.

C’è un altro problema per i rifugiati al confine tra Croazia e Bosnia. Le guardie di frontiera croate stanno costringendo i rifugiati a lasciare l’Unione europea per la Bosnia. Anche qui Knaus ha un suggerimento: la Croazia vuole aderire all’accordo di Schengen. L’UE deve decidere rapidamente che la Croazia non dovrebbe farlo se continua a crollare correttamente.

Gerhardt Baum ha un suggerimento diverso. Vuole estendere le sanzioni contro la Bielorussia. Tuttavia, gli è anche chiaro che il paese è in realtà uno stato satellite della Russia e che dovrebbe essere in realtà collegato alle azioni contro il presidente russo Putin. Ma è Gerald Knauss che riassume quando chiede, per mettere le persone al confine esterno polacco dell’Unione europea: “Non dobbiamo lasciare che nessuno muoia congelato nella foresta”.

READ  Stati Uniti: un bambino cade da un treno a serpentina e cade a morte per 30 metri!