Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Si dice che l’Arabia Saudita voglia il Mondiale 2030 – con l’Italia?

Le capitali dell’Arabia Saudita e dell’Italia distano 3.674,59 chilometri in linea d’aria. Tuttavia, entrambi i paesi possono fare un’offerta insieme per ospitare la Coppa del Mondo 2030.

RIYADH – L’Arabia Saudita vorrebbe ospitare i Mondiali del 2030. Dopo il Qatar nel 2022, sarà il secondo Paese desertico ad accogliere il calcio mondiale in otto anni. Se il regno diventa serio, sarà in concorrenza con l’Inghilterra o un’offerta congiunta di Spagna e Portogallo.

Ma la vera sorpresa è un’altra. Come ha scritto la rivista specializzata The Athletic, l’Arabia Saudita è interessata ad ospitare il Mondiale con l’Italia. Il fatto che le capitali dei due paesi siano separate da più di 3.500 km in linea d’aria o circa 5.500 km in auto non sembra infastidire i governanti del regno del deserto.

Italia e Arabia Saudita stanno già collaborando, quindi la Supercoppa Italiana non si disputerà tra le Alpi e le dita dei piedi, ma dai sauditi. L’organizzazione della storica competizione fa parte della strategia dell’Arabia Saudita per promuovere il turismo e lo sport. Intorno a questo sforzo ci sono anche le misure prese dal principe ereditario Mohammed bin Salman per mettere a tacere le critiche sulle violazioni dei diritti umani attraverso le riforme. Ad esempio, di recente ha permesso alle donne di guidare, ha ridotto l’uso della pena di morte e ha vietato i matrimoni precoci.

L’Arabia Saudita può modernizzare e costruire stadi in Italia per i Mondiali 2030

Tuttavia, l’Arabia Saudita sembra vedere poche possibilità di portare a casa il prestigioso torneo da sola, motivo per cui si sta prendendo in considerazione un famoso co-organizzatore con l’Italia. Un progetto congiunto tra i due diversi paesi può essere vantaggioso per entrambi. L’Italia, che ha ospitato l’ultimo grande torneo internazionale di calcio con i Mondiali del 1990, scricchiola sotto i vecchi stadi, la maggior parte dei quali sono stati costruiti l’ultima volta nel 1990 o fondamentalmente modernizzati. Sembra che il paese del sud Europa da solo non sia in grado di lucidare i propri cantieri in modo da rendere promettente la propria applicazione.

READ  Bayern Monaco - Notizie e indiscrezioni: sembra che l'allenatore dell'Ajax Erik Ten Hag fosse il piano alternativo di Nagesman

È qui che entra in gioco l’Arabia Saudita. In cambio dell’Italia che si prepara ad ospitare insieme i Mondiali del 2030, la nazione del deserto ricca di petrolio potrebbe fornire le risorse finanziarie di cui avrebbe bisogno per abbellire o addirittura costruire nuovi stadi tra Milano e Palermo. Sarebbe interessante per l’Italia. Non solo l’organizzazione dei festival calcistici internazionali diventerà più realistica, ma i club di Serie A modernizzeranno anche i loro stadi gratuitamente dall’estero, di cui potranno beneficiare per molto tempo a venire.

Mondiali 2030: molti europei ostacolano la candidatura di Arabia Saudita e Italia

Gabriele Gravina, presidente della Federcalcio, non ha ancora osato uscire allo scoperto in merito a una richiesta congiunta con l’Arabia Saudita, ma ha recentemente affermato che “sarà valutata la candidatura dell’Italia agli Europei 2028 e ai Mondiali 2030”. Se l’umore si volge contro l’impero del deserto, i sauditi avranno ancora la possibilità di correre insieme a Egitto e Marocco.

sua madre saudita Italia
Capitale Riad rom
continente Asia Europa
Popolazione 34,27 milioni 60,36 milioni
Capo di stato Konig Salman ibn Abd al-Aziz Presidente Sergio Mattarella

Almeno questa era l’ultima proposta del Boston Consulting Group, a cui ha partecipato l’Arabia Saudita. Tuttavia, ci sono riserve su un’applicazione del genere che creerebbe un ponte tra il Medio Oriente e il Nord Africa. Sul fronte economico e della sicurezza, i sauditi dovrebbero preoccuparsi del potenziale insorgere di problemi.

Tuttavia, se la cooperazione con l’Italia si fosse effettivamente verificata, o l’Inghilterra o una richiesta congiunta delle nazioni iberiche, Portogallo e Spagna, sarebbero di ostacolo. Anche se la UEFA preme per inviare solo uno dei suoi ranghi alla corsa, si dice che i primi preparativi per la Coppa del Mondo 2030 siano già iniziati a Londra, Madrid e Lisbona. Non è ancora noto come l’Unione Europea continentale affronterà uno dei suoi membri in una causa comune con l’Arabia Saudita. (Mirko Schmid)

READ  Emozione razzista dopo la finale degli Europei: notizie emozionanti dall'inglese Rashford - football