Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sfruttamento del calore residuo: grande potenziale energetico in Germania

Sfruttamento del calore residuo: grande potenziale energetico in Germania

Stato: 17/12/2022 14:45

Che si tratti di un data center o di un’azienda industriale: molte aziende consentono al calore disperso di svanire senza essere utilizzato. Centinaia di migliaia di famiglie possono essere riscaldate con esso. Quindi il governo federale sta pianificando un impegno di consegna parziale.

Per Ingmar Kohl è un progetto unico in Germania. Der Abteilungsleiter des Versorgers Mainova steht auf einer Baustelle a Francoforte sul Meno e erklärt das Prinzip: “Die Abwarme aus dem Rechenzentrum kommt mit 30 Grad bei uns an, und we heizen sie mit Hilfe von zwei Großen Wärmepumpen no zirka 70 Grad dan distance. ” Il data center di Telehouse si trova dall’altra parte della strada, nelle immediate vicinanze del cantiere, dove sono attualmente in costruzione 1.300 nuovi appartamenti. La costruzione è prevista per il completamento nel 2025.

Il data center fornirà successivamente 2.400 MWh di calore all’anno alle abitazioni tramite gasdotto, pari al 60% della domanda richiesta nella nuova area di sviluppo. Il resto è coperto dalla normale linea di teleriscaldamento della città. Mainova e Telehouse hanno già firmato un contratto di fornitura di 15 anni. Il calore disperso utilizzato, tra l’altro, Telehouse lo rende disponibile gratuitamente, serve anche a proteggere il clima. Rispetto al riscaldamento a gas, ogni anno si risparmieranno 400 tonnellate di anidride carbonica.

Aumenta la pressione sul generatore di calore residuo

Ci sono circa 60 data center in totale a Francoforte sul Meno, che è letteralmente un hotspot in Germania. Cole spiega anche perché la città ei fornitori non hanno iniziato a utilizzare il calore residuo troppo presto con il clima politico generale. “Penso che ciò che è mancato sia la spinta per muoversi a pieno ritmo verso una fonte di calore climaticamente neutra”. Inoltre, i data center ora sono molto più grandi di quanto non fossero in passato e ora l’utilizzo del calore disperso ha davvero senso.

READ  Come funziona la digitalizzazione sostenibile nelle aziende?

Bitkom, il consorzio dell’industria della tecnologia dell’informazione, ha annunciato in un comunicato stampa estivo che circa 350.000 appartamenti potrebbero essere forniti con calore residuo dai data center tedeschi. Ciò corrisponde all’incirca allo stock della città-stato di Brema. Non c’è da stupirsi che il Ministero Federale dell’Economia voglia obbligare gli operatori a utilizzare il calore residuo in modo più intenso in futuro. Secondo un disegno di legge del ministero di Robert Habeck, tutti i data center costruiti a partire da gennaio 2025 devono riutilizzare almeno il 30% della loro capacità. Le server farm costruite a partire dal 2027 devono utilizzare il 40% del loro calore disperso, per se stesse o per altri.

L’industria contro l’obbligo legale di utilizzo

Per quanto l’industria IT pubblicizzi il calore disperso rispettoso del clima, non può ottenere nulla dalla coercizione legale. Anna Kraft della German Data Association (GDA) afferma che le rigide percentuali nella bozza comportano il rischio di una “legge sulla prevenzione dei data center”. “Se la legge viene approvata in questo modo, sarà impossibile creare nuovi data center”. In questo modo, la Confederazione rischia di attuare con successo la sua strategia digitale.

L’attenzione non è più solo sui data center. C’è anche un grande potenziale energetico in altri settori dell’economia. Ma finora solo poche città e comuni hanno avuto l’idea di utilizzare questo potenziale per riscaldare le abitazioni. In passato spesso lo lasciavano per convogliare il calore di scarto dei termovalorizzatori nella rete di teleriscaldamento. La cooperazione con aziende private è ancora la più grande eccezione. Ad esempio, la città di Karlsruhe utilizza il calore residuo di una vicina raffineria di petrolio dal 2010 per riscaldare circa 32.000 appartamenti, strutture pubbliche e aziende.

READ  Un ibrido leggermente diverso: Renault Scenic è dotato di riserve di idrogeno

Il Fraunhofer Institute analizza il calore dei rifiuti industriali

Un progetto finanziato dall’UE chiamato sEEnergies ha calcolato quanto è grande il potenziale del settore. In Germania, il Fraunhofer Institute for Systems Research and Innovation (ISI), tra gli altri, è stato coinvolto in questa materia. Il team guidato dalla scienziata Pia Manz ha esaminato più da vicino 1.608 siti industriali nell’Unione europea e in Germania ce n’erano 310. Il risultato della ricerca nel database: nella sola Germania, ogni anno vengono dispersi tra 25 e 100 petajoule di calore di scarto industriale . “Questo potrebbe coprire il fabbisogno di calore da mezzo milione a due milioni di famiglie”, afferma Mannes. “Siamo rimasti sorpresi di quanto poco sia stato utilizzato.”

Lo studio ha incluso i dati dell’industria chimica, siderurgica, della produzione di cemento, della produzione di vetro e carta e delle raffinerie, cioè solo aziende ad alta intensità energetica, nemmeno l’intero settore. La fonte di calore residuo in questione poteva trovarsi a una distanza massima di dieci chilometri dalla linea di riscaldamento più vicina nell’area. “La maggior parte dei siti si trovava entro un raggio di due chilometri. A questo proposito, concluderei cautamente che la distanza non è l’ostacolo principale”, afferma Mannes.

I costi elevati scoraggiano l’espansione della linea

Tuttavia, per alcuni progetti, la distanza può essere il fattore determinante per stabilire se sia economicamente conveniente collegare le tubazioni a una fonte di calore residuo. Esempio di Francoforte sul Meno: il data center dall’altra parte della strada è stato un colpo di fortuna per la struttura di Maynova. Cole, il project manager di Maynova, spiega che verranno posati circa 500 metri di tubi di calore dalla nuova area di sviluppo al data center. “A seconda della costellazione, può anche essere divertente fino a un chilometro di distanza. Inoltre, diventa davvero impegnativo.” La posa sotterranea dei cavi è spesso molto costosa, soprattutto in una grande metropoli, a causa del terreno altamente comprimibile. La sua azienda calcola un importo medio a quattro cifre in euro per un metro di tubo del riscaldamento centralizzato.

READ  Oltre 50 aziende aggiornano la farmacovigilanza con Veeva Vault Safety Suite | newsletter