Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Sci alpino – punto esclamativo alla partenza: brilla la stella dello sci Shiffrin

Solden (AFP) – Michaela Shiffrin ha il sorriso sulle labbra. È stata una sensazione “incredibile”, ha detto l’eccezionale sciatore dopo aver vinto la partita di apertura della Coppa del Mondo sulle Alpi a Sölden.

L’americano ha cronometrato 0,14 secondi nello slalom gigante al Rittenbachwerner Stadium sabato contro la campionessa del mondo svizzera Lara Gut Bahrami, che era appena avanzata dopo il primo turno. La vincitrice assoluta della Coppa del Mondo Petra Velhova della Slovacchia (+1.30 sec) ha completato un eccezionale podio al terzo posto, che ha immediatamente fornito un’idea di chi potrebbe competere per vincere la Coppa del Mondo generale nell’inverno olimpico.

L’obiettivo di Shiffrin: il Mondiale nel suo insieme

Per Shiffrin, il dominante di lunga data, questo sarebbe il quarto. La scorsa stagione mi sono concentrato sulle corse tecnologiche e quindi ho rinunciato quasi direttamente alla grande sfera di cristallo. Ma quest’inverno vuole essere di nuovo tra le migliori candidate in tutte le discipline. “Ho fatto un buon allenamento estivo”, ha ricordato la due volte olimpica e sei volte campionessa del mondo – e lo ha sottolineato con la sua forte prestazione iniziale a Ötztal.

L’anno scorso Shiffrin, che è stata gravemente colpita dalla morte accidentale di suo padre nel febbraio 2020 ed è stata un peso per così tanto tempo, è stata presente fin dall’inizio, ma non era veramente libera. Ora metti un punto esclamativo sul posto. Il suo successo al 70° Mondiale dovrebbe dare una spinta in più agli americani.

Anche Gut Bahrami, che lo scorso inverno ha collezionato sei vittorie in Coppa del Mondo e due ori in Coppa del Mondo, ha preso una buona forma durante la lunga pausa ed è stato felice del “buon inizio”. Velhova è risalito dal sesto al terzo turno al secondo turno. La campionessa del mondo di slalom Katharina Linsberger (Austria), che ha anche grandi progetti per lo slalom gigante in futuro, ha conquistato il quarto posto – e ha applaudito circa 9.000 spettatori, che hanno fornito un’ottima cornice per l’emozionante scambio di colpi tra i candidati sulle piste.

READ  Thomas Helmer sulle aspettative di Croese, Muller, Hummels e Love

Il miglior tedesco in 28

Come previsto, le donne tedesche hanno svolto solo ruoli secondari. Marilyn Schmutz ha festeggiato un forte ritorno dopo una lunga pausa per infortunio. La giocatrice dell’SC Lietzachtal ha chiuso 28° in meno di 4,32 secondi, Schmutz ha subito la sua seconda lesione del legamento crociato nel gennaio 2020, saltando così quasi del tutto la stagione precedente. Ora era contenta di aver ottenuto “i punti e il terzo posto in griglia per la nostra squadra”. Andrea Welser (SV Wildsteig) ha mancato la finale al 52° posto: “La delusione è enorme”, ha detto la 28enne, che lo scorso inverno ha segnato gli unici punti della DSV femminile nello slalom gigante.

Anche il trio dell’Allgäu Stefan Luitz, Alexander Schmid e Julian Rauchvaux puntano a punti importanti per i Giochi Olimpici di domenica. Ma i candidati per la prima vittoria maschile della stagione sono diversi: per esempio, il vincitore della Coppa del Mondo in generale Alexis Pintorault della Francia e lo svizzero Marco Odermatt. Il norvegese Alexander Amodt Kelde deve ancora partire dopo la rottura del legamento crociato nove mesi fa, ed è concentrato sui primi sprint a Lake Louise (Canada) alla fine di novembre. Sabato, il fidanzato di Shiffrin era molto felice come spettatore a bordo pista.