Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Russia: uccisi sparatorie all’università di Perm – studenti saltano dalle finestre – Notizie

In Russia, una sparatoria in un’università siberiana a Perm (circa 1.200 km a est di Mosca) ha ucciso almeno otto persone e ne ha ferite più di 20. L’uomo mascherato ha aperto il fuoco intorno alle 11 lunedì, scrive l’Università di Perm pagina di social network.

“Secondo il Centro federale per la medicina dei disastri, otto persone sono morte nell’incidente all’Università statale di Perm entro le 11:27 ora di Mosca, 24 persone sono rimaste ferite e si stavano curando, 19 di loro avevano ferite da arma da fuoco”, il Ministero della Salute russo disse. la salute.

“Uno degli aggressori è stato eliminato”, ha detto all’agenzia di stampa russa TASS Dmitriy Makhonin, governatore della regione di Perm. Si dice che l’aggressore abbia mostrato grande resistenza e sia rimasto ferito durante l’arresto.


Travestito da elmo e fucile da caccia, il tiratore attraversa il campus dell’Università di PermFoto: RENTV

+++ Bild è ora in TV! CLICCA QUI PER BILD IN DIRETTA +++


Studenti e personale fuggono dalle finestre in preda al panico

Studenti e personale saltano fuori dalle finestre del primo piano in preda al panicoFoto: RENTV

I video sul social network Telegram mostrano studenti e insegnanti che saltano dalle finestre al primo piano. Nell’edificio dell’università, gli studenti hanno barricato le porte con sedie e tavoli.

L’università ha esortato tutti a chiudersi nelle aule. I docenti hanno detto di essersi nascosti davanti all’uomo mascherato nei loro uffici.


La polizia mette in sicurezza la scena del crimine all'Università di Perm

La polizia mette in sicurezza la scena del crimine all’Università di PermFoto: STRINGER/REUTERS

Secondo i resoconti dei media russi, l’attaccante è Timur B. (18). Presumibilmente ha studiato legge nel suo primo semestre all’università. Poco prima del suo atto, ha pubblicato un impegno per questo atto sulla sua pagina “VKontakte” (Facebook russo).

Il 18enne ha scritto: “Quello che è successo non è stato un attacco terroristico (almeno da un punto di vista legale). Non ero membro di un’organizzazione estremista, né ero religioso o politico. Nessuno sapeva cosa avrei fatto”. , ho compiuto questo atto da solo”.

Pieno di vendetta, ha pianificato l’atto per molto tempo e ha risparmiato molto tempo per comprare le sue armi. La polizia ha avviato un’indagine sul suo omicidio.

READ  Partita rinviata a dicembre: scongiurata la bancarotta degli USA