Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rudy Giuliani: “l’aiutante” di Trump è in difficoltà

Rudy Giuliani: “l’aiutante” di Trump è in difficoltà

Stato: 21/08/2023 19:45

L’accusa congiunta con l’ex presidente Trump segna un punto basso per il suo avvocato, Giuliani. Una legge che ha alimentato la sua ascesa a sindaco di New York ora si sta rivoltando contro di lui.

Non è una commedia. È un’apparizione dell’ex avvocato di Donald Trump, Rudy Giuliani, il cui procuratore federale della Georgia urla su CBS News: “Andrai in prigione per 100 anni!” Il 79enne ha esclamato con voce mascherata mentre fissava con urgenza la telecamera.

Niente sembra troppo imbarazzante per il celebre “sindaco d’America”. L’uomo che è stato salutato come un eroe di New York dopo l’11 settembre per la sua gestione delle crisi ha distrutto la sua reputazione molto tempo fa quando è diventato un seguace dell’ex presidente Donald Trump. In Georgia, ora è in gioco la sua libertà.

Giuliani è arrabbiato per essere stato accusato di essere l’avvocato di Trump. “Non avrei mai pensato che sarei stato accusato di essere un avvocato. Pensavo di essere protetto perché ero il suo avvocato difensore. E devo difenderlo.”

Una legge che Giuliani conosce bene

Giuliani, infatti, è sotto processo per aver difeso con forza le false affermazioni dell’ex presidente sulle elezioni “rubate” del 2020 e per aver mentito sul processo di conteggio dei voti in un seggio elettorale di Atlanta.

Secondo l’accusa, i sondaggisti avrebbero allontanato gli osservatori, poi contati illegalmente fino a 24.000 voti.

Le accuse contro Giuliani, dopotutto, si basano su una legge che ha utilizzato ampiamente quando era un giovane procuratore di New York, spiega il noto avvocato della difesa penale Ron Kobe Deem. ARD Studio New York:

È una meravigliosa e delicata ironia – significato: tutto a un certo punto si vendica. Giuliani è stata la figura di spicco in questo paese che ha spinto la legge ai suoi limiti, perseguendo i banchieri di Wall Street e altri.

In modo che il pesce grosso non scappi

Il cosiddetto RICO Act (“Vulgar Influenced and Corrupt Organizations Act”) è stato approvato nel 1970 per agire contro la criminalità organizzata. Kobe spiega che a quel tempo la polizia di solito arrestava i suoi scagnozzi, quelli che eseguivano gli ordini dall’alto. “Il RICO Act è in atto anche per ritenere responsabili i capi”.

READ  Pandemia Corona: da domenica nuove regole di ingresso

Questo era il Procuratore Generale del Distretto Sud di New York: Giuliani si è fatto un nome come uno spietato combattente per la legge e l’ordine. Suo padre aveva lavorato con la mafia come delinquente ed estorsore. Come un osso solido, suo figlio voleva lottare per una tabula rasa.

E lo ha fatto con successo: nel 1994 è diventato il primo sindaco repubblicano di New York in quasi 30 anni.

Giuliani si è fatto un nome come corridore duro e poi si è candidato a sindaco di New York nel 1989. Ma non è stato eletto fino a cinque anni dopo.

tipo di responsabilità

Oggi, però, Giuliani si trova in questa posizione: se fai “parte di una società”, come spiega l’avvocato difensore Kobe a proposito dell’effetto della legge, sei anche responsabile dei reati commessi dai soci in affari. Questa è la “benevolenza, o per alcuni, l’orrore del Codice RICO”.

Questa potrebbe essere la rovina di Giuliani ora, afferma il procuratore federale di lunga data Daniel Richman ARD Studio New York. Lo vede come una “tragica ironia”.

Giuliani è sempre stato un personaggio controverso, non solo negli ultimi anni, dice l’avvocato della Columbia University. “Ma non c’era questa profonda irresponsabilità di cui si lamenta l’accusa che vediamo ora”.

“Potresti affondare di meno?”

Tutti si chiedono se Giuliani potrebbe affondare ulteriormente, dice l’avvocato della difesa penale Kobe, rispondendo a una domanda come questa: “Io dico, ‘No, è sempre stato quello'”, dal suo ruolo di procuratore federale, dove spesso trascurava la legge e i diritti della difesa a un buon indirizzo, alla sua campagna razzista fino al suo tempo come sindaco severo. New York.

READ  I timori americani del "super maiale" canadese.

Dopo gli attentati terroristici del 2001, Giuliani è diventato fonte di coraggio e consolazione per la nazione americana davanti agli occhi di tutto il mondo e “ha fatto un ottimo lavoro per alcuni giorni”, Kobe ammette. Ma molti lo avrebbero visto cambiare forma dopo.

I giorni successivi agli attentati terroristici del 2001 sono il periodo della sua maggiore influenza politica. Qui Giuliani sta girando per la città con il senatore Clinton e il governatore Pataki.

Con Trump tornato dall’oblio

Dopo gli attacchi terroristici, Giuliani si è abilmente trasformato in un marchio e l’ha trasformato in una società: ha fondato una società di consulenza per la sicurezza – per combattere il terrorismo. Giuliani fa affari anche in Ucraina. Quando vuole diventare presidente nel 2008, vende l’azienda. Invano: Giuliani è fuori corsa per la nomination repubblicana.

Ha perso milioni e la sua rilevanza è svanita nell’oblio fino a quando il suo vecchio amico di New York Trump lo ha portato alla Casa Bianca come suo avvocato e consigliere.

Quindi entra giuliani Entra “nell’orbita di Trump” e diventa l'”assassino” del presidente, dice Kobe. “Ma è sempre stato un ragazzo offensivo primordiale.”

Poco dopo le elezioni presidenziali del 2020, Giuliani ha condotto pubblicamente una campagna per il suo capo e contro presunte frodi elettorali. La performance si è rivelata involontariamente strana.

Presenze che vengono ridicolizzate

Il cane da attacco di Trump è invano in lizza per una posizione di gabinetto. Si prende in giro in pubblico: in una conferenza stampa, un Giuliani più anziano sembra avere i capelli neri che gli scendono sulle tempie. Un ex dipendente lo denuncia per violenza sessuale aggravata.

READ  Niger: i governanti militari espellono gli ambasciatori francesi

Ha molte altre cause legali da affrontare. Daniel Richman afferma di non essere stato sorpreso da questo sviluppo. Da diversi anni si nota come Giuliani si sia fatto “seguace” di Trump. “È decisamente triste quello che gli è successo. E l’accusa è una specie di punto triste in questo caso.”

A Giuliani è stata sospesa la licenza per aver fatto commenti infiammatori prima dell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. Nel frattempo, le sue spese legali sembrano consumarlo. Giuliani ha implorato il suo ex capo Trump di pagare il conto a sette cifre. Ma finora l’ex uomo dall’alto ha lasciato il suo ex “assistente” sotto la pioggia.