Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Riga fiscale digitale: gli USA minacciano dazi di ritorsione

Riga fiscale digitale: gli USA minacciano dazi di ritorsione

La polemica sulle tasse digitali
Gli Stati Uniti minacciano di imporre dazi di ritorsione

Il fatto che le società Internet americane operino in tutto il mondo ma non paghino le tasse nella maggior parte dei paesi è una spina nel fianco per molti paesi. Pertanto, alcuni paesi hanno imposto tasse digitali speciali. Questo, a sua volta, è una spina nel fianco del governo degli Stati Uniti.

Il governo degli Stati Uniti sta aumentando la pressione sulla Gran Bretagna e su altri cinque paesi nella disputa sulle tasse digitali per le società tecnologiche statunitensi come Alphabet, Amazon e Facebook. La rappresentante per il commercio degli Stati Uniti, Catherine Taye, ha annunciato tariffe di ritorsione del 25% su merci di valore superiore a 2 miliardi di dollari. Tuttavia, deve essere inizialmente sospeso per un periodo di sei mesi al fine di trovare una soluzione negoziata internazionale durante questo periodo.

Gli Stati Uniti minacciano Gran Bretagna e India, nonché Austria, Italia, Spagna e Turchia, con maggiori barriere all’importazione su alcune delle sue merci di esportazione. Nello specifico, in assenza di accordo, dovrà essere addebitato un costo aggiuntivo del 25% per ciascuno. Nel caso della Gran Bretagna, ad esempio, si tratta di abbigliamento, gioielli e cosmetici. Sulla base dei dati sulle importazioni per l’anno solare 2019, il governo degli Stati Uniti stima la gamma di merci interessate a circa 887 milioni di dollari.

L’Italia è minacciata da tariffe più elevate su profumi, borse e cravatte, con un volume qui pari a circa 386 milioni di dollari. La Spagna dovrà affrontare barriere all’esportazione molto più elevate per merci del valore di 324 milioni di dollari, con la Turchia di 310 milioni di dollari, l’India e l’Austria rispettivamente di 118 milioni e 65 milioni.

Secondo Tai, gli Stati Uniti sperano di poter risolvere le controversie sulle tasse digitali con l’aiuto dell’OCSE e del G20. Nel mese di marzo, l’Ufficio del Rappresentante per il Commercio ha concluso le indagini su potenziali discriminazioni nei confronti delle società statunitensi da parte di Unione Europea, Brasile, Indonesia e Repubblica Ceca, in modo che non vi fosse più alcun rischio di aumenti tariffari.

C’è ancora un contenzioso con la Francia. Qui gli Usa avevano già annunciato dazi punitivi su prodotti per un valore di circa 1,3 miliardi di dollari, ma inizialmente sono stati sospesi nella speranza di una soluzione internazionale coordinata.

READ  A Media Markt, Lidl, Aldi and Co vengono presentati: Da quali televisori economici dovresti stare