Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Affondamento della “Moskva”: la Russia indaga sul padre del marinaio assassinato – Politica all’estero

quando l’incrociatore affondòMosca“Il 14 aprile, Dmitry Shkrypets (43 anni) non ha perso solo suo figlio Igor (20 anni), che ha servito come soldato sulla nave della nave, ma ha anche perso fiducia in lui Vladimir Putin (69).

Dalla morte di suo figlio, il padre ha pubblicato più volte articoli critici nei confronti del Cremlino – e ora le autorità russe hanno aperto indagini contro di lui.

Shkripets scrive regolarmente sul social network russo VK della sua frustrazione per tutto ciò che pensa al governo del suo paese dopo l’affondamento della Moscova, l’orgoglio della flotta russa del Mar Nero.


Il marinaio Egor Shkrebets (20, a destra), figlio di Dmitriy Shkrebets (43), morì quando la “Moskva” affondòFoto: speciale

Perché: dal 14 aprile il Cremlino ha costantemente mentito a lui e ai parenti dei marinai assassinati.

A volte le autorità hanno affermato che sulla nave venivano utilizzati solo soldati professionisti e nessuna recluta, quindi la nave è affondata dopo un incendio a causa del maltempo e nessuno è rimasto ucciso nell’affondamento.


A intervalli regolari, Shkripets scrive la sua frustrazione di petto sul social network russo

A intervalli regolari, Shkripets scrive la sua frustrazione dal petto sul social network russo VK, chiedendo, ad esempio, una foto di Putin: “Chi è il bugiardo qui?”Foto: Dmitriy Shkripets / VK

Decine di marinai che non sono stati portati a terra dopo il naufragio risultano dispersi. Sebbene non ci sia speranza di salvarli, il Cremlino si rifiuta di ammettere che l’incrociatore è stato ucciso dopo essere stato colpito dai missili ucraini Nettuno.

Il padre di Igor, Shkripets, ora scrive di tutte queste bugie su Internet, anche se era un sostenitore di Putin prima della guerra in Ucraina.

“La cosa peggiore che potesse succedere a un padre è successa a me. Ho perso mio figlio”, dice Dmitrij Schkryptes a BILD. “Ecco perché non ho paura di nessuno. Scrivo la verità e continuerò a farlo”.

Ma questo fatto non ha posto in Russia oggi.

Anche Shkripts ha ricevuto la visita della polizia. Ho perquisito la sua casa e confiscato il suo computer.

Mi accusano di inviare minacce di bombe. “E’ un’accusa totalmente assurda”, ha detto il padre. “Non mi è mai venuto in mente di fare una cosa del genere ed è facile provare la mia innocenza. Tuttavia, tutti sanno che potrebbe esserci qualcosa di più di un’indagine su una presunta minaccia di bomba”.

READ  Il Consiglio di sicurezza critica: la Russia fa marcia indietro sulla risoluzione Onu