Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Rapporto: la legge sulla catena di approvvigionamento potrebbe obbligare le aziende a lasciare lo Xinjiang

Rapporto: la legge sulla catena di approvvigionamento potrebbe obbligare le aziende a lasciare lo Xinjiang

Cotone dello Xinjiang

© 2021 AFP

Secondo un rapporto di stampa, le aziende tedesche potrebbero presto essere costrette a limitare le loro attività a causa di massicce violazioni dei diritti umani nella provincia cinese dello Xinjiang.

Secondo un rapporto di stampa, le aziende tedesche potrebbero presto essere costrette a limitare o interrompere le loro attività a causa di massicce violazioni dei diritti umani nella provincia cinese dello Xinjiang. Secondo “Süddeutsche Zeitung” (edizione del lunedì), ciò deriva da un rapporto pubblicato dal servizio scientifico del Bundestag. Nella regione nord-occidentale della Cina, la minoranza musulmana uigura è perseguitata.

Con l’entrata in vigore del Supply Chain Act, “l’obbligo delle aziende tedesche di tagliare i rapporti commerciali con i loro fornitori cinesi appare quasi inevitabile” quando usano il lavoro forzato, SZ cita il progetto richiesto dai Verdi. In caso contrario, le società tedesche potrebbero incorrere in multe. In singoli casi può esserci anche “responsabilità penale individuale dei dipendenti dell’azienda”.

Il Partito dei Verdi ha invitato le aziende tedesche a trarre conclusioni. Margaret Boss, portavoce del Partito dei Verdi al Bundestag, ha detto che la responsabilità delle aziende che operano nello Xinjiang diventerà “più chiara che mai” con questo rapporto. “Ogni azienda tedesca deve ora chiedersi seriamente se vuole mantenere relazioni commerciali con lo Xinjiang date le circostanze”, ha detto.

Il rapporto rileva che la legge sulla catena di approvvigionamento introdotta dal Consiglio dei ministri a marzo crea una nuova situazione giuridica. È vero che i Principi guida delle Nazioni Unite su affari e diritti umani obbligano le aziende a rispettare i diritti umani ovunque si trovino a fare affari. Tuttavia, l’esecuzione non è legalmente esecutiva. Ciò cambierà in Germania una volta che la legge sulla catena di approvvigionamento entrerà in vigore.

Il disegno di legge prevede multe fino al 2% delle vendite annuali delle grandi aziende se non intraprendono azioni contro i diritti umani e le violazioni ambientali dei loro fornitori globali. Dal 2023 saranno interessate le aziende con più di 3.000 dipendenti in Germania e, a partire dal 2024, le aziende con più di 1.000 dipendenti.

Secondo le organizzazioni per i diritti umani, ci sono almeno un milione di uiguri e altre minoranze musulmane detenute nei campi di detenzione nello Xinjiang. Lì sarebbero stati costretti ad abbandonare la loro religione, cultura e lingua, e in alcuni casi anche maltrattati. Pechino respinge le accuse e parla di programmi di formazione e azione contro l’estremismo.

Francia Agenzia di stampa

READ  Sky amplia radicalmente il servizio: cosa possono aspettarsi presto i clienti