Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Queste proteine ​​sono efficaci contro SARS-CoV-2 – Heilpraxis

Migliore difesa dell’aura con potente interferone

Recentemente, i ricercatori hanno riferito Perché le malattie da COVID-19 sono più lievi con la variante omicron. Hanno scoperto che questo è meno efficace nel bloccare i meccanismi di difesa cellulare (la “risposta all’interferone”) contro i virus rispetto alla variante delta. È stato ora pubblicato un nuovo studio che mostra migliori difese della corona con potenti interferoni.

Gli interferoni sono la prima linea di difesa del corpo umano contro le infezioni. I sottotipi di queste sostanze apostoliche hanno effetti diversi. I ricercatori della University of Duisburg-Essen Medical School (UDE) e un team della Ruhr University Bochum (RUB) sono stati ora in grado di mostrare i sottotipi di interferone più efficaci contro il coronavirus SARS-CoV-2.

Interferone contro i virus

come in corrente Messaggio Ha spiegato che il sistema immunitario umano rilascia interferone (per interferire) quando riconosce i virus.

Se si verifica un’infezione virale, il nostro sistema immunitario rilascia quella che viene chiamata sostituzione dell’interferone-alfa (IFN-alfa). Queste potenti proteine ​​possono impedire ai virus di riprodursi e diffondersi. Gli esseri umani portano dodici sottotipi IFN-alfa.

Hanno dimostrato di essere ingredienti efficaci contro le malattie comuni, in particolare l’interferone alfa-2 di tipo 1, che è spesso usato contro l’epatite C e B. Il prof. D. spiega. Stephanie Pfander (Dipartimento di virologia medica e molecolare, RUB).

Analisi della risposta cellulare

Gli scienziati hanno analizzato in dettaglio la risposta cellulare a questi sottotipi.

Secondo le informazioni, le analisi del trascrittoma hanno permesso di misurare tutto l’RNA contenuto nelle cellule e di leggere da questi geni che vengono più o meno letti dopo l’esposizione all’interferone. Le loro informazioni vengono tradotte in proteine.

READ  Studio sui cambiamenti climatici: il verde minaccia le piante alpine

Secondo gli esperti, le analisi delle proteine ​​hanno mostrato come tutte le proteine ​​esistenti siano cambiate dopo l’assunzione di un interferone. I ricercatori chiamano l’interazione cellulare indotta dai sottotipi di interferone la firma immunitaria.

L’effetto antivirale del farmaco è stato aumentato

“Siamo stati in grado di dimostrare che alcuni dei sottotipi di interferone alfa sono straordinariamente efficaci contro SARS-CoV-2”, ha affermato il dott. Catherine Sutter (Istituto di Virologia, Ospedale Universitario di Essen). “Ci sono chiare differenze nella forza dell’attività antivirale dei sottotipi”.

Il sottotipo alfa-5 ha sollevato una firma immunitaria particolarmente efficace contro MERS-CoV. L’effetto antivirale, che gli autori dello studio sono stati in grado di misurare in una coltura cellulare, è stato notevolmente aumentato dalla combinazione con il farmaco antivirale “Remdesivir”.

“Questo studio ci consente di trarre conclusioni sulle sostanze e sui geni messaggeri che sono di particolare importanza nella lotta contro SARS-CoV-2”, afferma Stephanie Pfander.

Oltre ai risultati pubblicati sulla famosa rivista “PNAS‘, una potenziale alternativa diretta nel trattamento dei pazienti COVID-19 attraverso la somministrazione precoce di alcuni potenti sottotipi antivirali di interferone alfa. (AD)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.