Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una galassia senza materia oscura: il modello potrebbe fornire una soluzione al mistero

Con l’aiuto di simulazioni al computer, un gruppo di ricerca apparentemente internazionale ha trovato una spiegazione per due galassie molto misteriose in cui non c’è quasi nessuna materia oscura. Il team spiega che quando piccole galassie entrano in collisione con grandi galassie, queste ultime possono raccogliere tutta la materia oscura, lasciandosi dietro le cose più insolite. Scoperta nel 2018 e nel 2020 con le galassie NGC 1052-DF2 e NGC 1052-DF4, gli astronomi hanno parlato di un “mistero completo”. I movimenti delle stelle nelle due galassie possono essere spiegati quasi esclusivamente dalla loro gravità, poiché i dati di misurazione non lasciavano spazio alla materia oscura.

Come il team guidato dall’astrofisico Jorge Moreno dell’Università della California, Irvine Ora spiegatoLa loro simulazione al computer ha modellato l’evoluzione dell’universo. È stato simulato lo sviluppo di una sezione di circa 60 milioni di anni luce dal Big Bang ad oggi. Successivamente, avevano trovato un totale di sette galassie nane nei dati, da cui era stata rimossa quasi tutta la loro materia oscura. Le analisi avrebbero mostrato che le galassie che erano migliaia di volte più massicce erano responsabili. La simulazione, che non era specificamente programmata per creare galassie prive di materia oscura, ha fatto proprio questo e ha fornito una risposta. Di conseguenza, tali galassie dovrebbero essere molto comuni.

La scoperta delle due galassie prive di materia oscura è stata un po’ spaventosa, dice l’astrofisico James Bullock, che è stato coinvolto nell’analisi ora presentata. Sebbene la misteriosa materia oscura non sia stata ancora osservata direttamente e la questione della sua natura sia una delle più grandi domande della fisica moderna, il suo effetto può essere visto ovunque nello spazio. Certo, esiste. Naturalmente hai un modello di successo, sviluppato attraverso decenni di duro lavoro, in cui la maggior parte della materia nell’universo è invisibile per noi: “Tuttavia, c’è sempre la possibilità che la natura ci abbia fuorviato”. Almeno le due galassie destavano sospetti.

READ  Due ostacoli! Riesci a risolvere questo semplice problema di matematica per gli studenti?

Le simulazioni del team di Moreno possono ora spiegare i due casi sconcertanti che non corrispondono alle osservazioni precedenti. Se gli astronomi troveranno prove che le galassie possono effettivamente rubare quasi tutta la materia oscura l’una dell’altra, probabilmente troveranno molte più galassie prive di materia oscura. Il team di Moreno ha pubblicato i risultati della simulazione sulla rivista Nature Astronomy. Le sette galassie prive di materia oscura dalla simulazione sono state chiamate Bird, Blue, Deer, Long Hair, Paint, Wild Potato e Wolf in onore dei clan Cherokee, con il permesso.


(mo)

alla home page