Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Quanto è davvero forte il vicepresidente degli Stati Uniti?

Supereroe o super cattivo? Si dice che Kamala Harris sia molto forte alla Casa Bianca. La vicepresidente ha i suoi problemi.

A Washington, alcune frasi esprimono un problema ovviamente solo a prima vista. Prendi questo: il presidente è in realtà il presidente. Sembra un cliché, ma la scoperta ha sorpreso alcuni osservatori.

Perché in effetti, come si è sentito spesso in campagna elettorale e nella lotta post-elettorale, lo è stato Joe Biden Solo una bambola fatiscente, mentre alla Casa Bianca il vicepresidente ufficiale tiene i fili. Kamala Harris, Il vero capo.

L’idea è diffusa non solo tra gli oppositori della destra, ma anche presso alcuni sostenitori della sinistra. Ci sono due versioni: una a Biden, appena uscito dalla pensione Donald Trump Per andarsene, abdicare subito dopo l’inaugurazione e nominare formalmente Harris presidente. Oppure dirigerà Biden, ma darà solo un agosto migliore, mentre Harris fissa la rotta del governo.

L’altro giorno, ho sentito di nuovo la seconda alternativa su Fox News: l’agitatore serale nello spettacolo delle 20:00, Tucker CarlsonSussurrato da Il presidente Harris, un cattivo soprannaturale che odia l’America e dà ordini dietro le quinte.

Tuttavia, in realtà, lo stesso Joe Biden, presumibilmente stanco e privo di fantasia, ha sviluppato ambizioni colossali di passare alla storia come un grande riformatore, impostando tono e direzione alla Casa Bianca, e Kamala Harris è sempre lì, ma rimane molto dolce. Superschurkin, Superholdin, Supermächtig? Eccellente!

Nessuna frase o verbo è stato ancora descritto dal vicepresidente, solo una scena a cui verrò. Riguarda lo stesso Harris, ma anche l’ufficio.

Dal momento che “di Seit”: Joe Biden condivide spesso il palco con il suo vice presidente. (Fonte: Evan Vucci / AP / dpa)

Il politico Harris è stato sopravvalutato da molti perché la persona Harris simboleggia qualcosa di grande: i colossali cambiamenti di potere del nostro tempo.

È la prima vicepresidente donna nella storia degli Stati Uniti. Con suo padre è giamaicano e madre indiana, è anche la prima donna nera americana e la prima asiatica americana a detenere la seconda posizione più alta. Queste cose sono molto importanti per molte persone in questo momento (mentre altri sono molto arrabbiati per questo fatto). Non c’è testo che non lo menzioni. Ma c’è ancora una cosa.

READ  Gli Stati Uniti e l'attacco al Campidoglio: Uniti nel disgusto per Trump - Politica

Nello stato di Washington, è governato da un 78enne eletto al Senato nel 1972, che è il numero tre nello stato, Nancy PelosiLei ha 81 anni e alcuni influenti senatori si stanno già preparando per il loro 90 ° compleanno, il numero due, 56 e solo dal 2017 a Washington, sembra giovane e nuovo. Lei stessa coltiva l’immagine di una donna che porta una ventata di aria fresca in politica, il tutto indossando i suoi ormai famosi cartigli.

Ecco perché c’è il rumore di Kamala, specialmente tra le giovani donne, che – Ne ho scritto qui una volta – Ha potuto testimoniare già nel 2018 durante un viaggio in ascensore al Campidoglio, dove una giovane donna ha letteralmente gridato la sua “eroina”.

Tuttavia, niente di tutto questo è adatto al ruolo del vicepresidente. Il vicepresidente o il vicepresidente non rappresenta né se stesso né nessun altro, ma piuttosto il presidente.

VP World è EEOB. L’Executive Office Building di Eisenhower è a 30 secondi o un minuto e 30 minuti a piedi dall’ala ovest, a seconda del percorso, ma è un mondo diverso.

Nell’amara sitcom “Veep” che è stata meravigliosamente girata per anni. L’ambizioso vice presidente che, nonostante le brevi distanze, non affronta mai il presidente e per il quale EEOB diventa un complesso di uffici inferiore, mentre anche l’insignificante aiutante del presidente si vanta di ogni visita che ha appena fatto dall’ala ovest. Esagerato, certo, ma onestamente più vicino alla realtà dell’idea di ritirare il presidente Harris.

Un parlamentare ottiene solo il potere che il presidente gli conferisce. Biden fa luce su Harris per ottenere un posto speciale negli affari esteri. Le è stato permesso di incontrare separatamente la Corea del Sud Moon all’EEOB, trasferire una telefonata al suo Macron francese e parlare con i vicini sudcoreani dell’afflusso di rifugiati al confine. Ci andrà per il suo primo viaggio all’estero la prossima settimana.

Giovedì ho incontrato un tizio del caffè che si preoccupa più di Harris di chiunque altro. Noah Berman è un corrispondente della Casa Bianca per il Los Angeles Times e ha scritto solo per mesi sul vicepresidente. Lavora per il più grande quotidiano di Harris, in California.

READ  Evgenia Kara Mersa: Putin ha paura di questa donna | Politica

“Non ha ancora trovato il suo ruolo”, ha detto, con esitazione dai giornalisti dei giornali americani. “Forse sta succedendo qualcosa dietro le quinte che ancora non sappiamo”.

Biden aveva promesso che il suo vice sarebbe stato sempre “l’ultimo nella stanza” quando fossero state prese decisioni importanti. Ma ora, dopo i primi mesi, ci sono sempre più storie nella capitale sul vero confidente di Biden, una manciata di amici politici che hanno forgiato la loro alleanza per decenni. “Questo è dove vengono prese le vere decisioni, e non c’è nessun Harris lì”, ha detto Berman.

Ti interessa la politica americana? Il corrispondente di Washington Fabian Reinbold scrive una newsletter sulle sue impressioni sugli Stati Uniti e sul punto di svolta dopo la fine della presidenza Trump. Qui puoi iscriverti gratuitamente a “Post from Washington”, Quindi arriva direttamente nella tua casella di posta una volta alla settimana.

Ha detto di aver parlato con Harris al telefono solo il giorno prima, una conversazione rara che era programmata, dopo un sacco di avanti e indietro, per cinque o sette minuti e poi durava sempre meno di dieci minuti. Altrimenti, si scarseggia. Berman ha predetto: “Presto avrà più libertà, ma è sempre stata molto attenta e non credo che il suo stile cambierà molto”.

Posso descriverlo più candidamente in una colonna di opinione: Harris non è solo cauta, come vicepresidente, parla spesso con frasi, retorica sulla restante grande città, e quasi mai nei momenti di spontaneità.

L’ho notato mentre accompagnavo l’ex candidato alla presidenza Harris in Iowa nel 2019. Ho iniziato alla grande con 20.000 sostenitori nella casa di Oakland, ma al di fuori della California, non ho mai instaurato un vero rapporto con importanti collegi elettorali.

Semplicemente non sai cosa rappresenti. Neanche tu sei arrivato alla nota giusta. Durante la campagna elettorale, l’ex procuratore generale ha affermato di voler “mettere sotto processo il caso Donald Trump” e risolvere le preoccupazioni notturne della gente, in quanto si trattava del cosiddetto “piano delle 3 del mattino”. era lì Punti di discussioneChe può essere visto dai consulenti nei loro uffici come una loro concezione.

READ  Rinnovo a spese del partito ?: Johnson potrebbe aver sottratto le donazioni

Da allora ho capito alcune cose con il vicepresidente. Dai suoi primi mesi alla Casa Bianca, non una sola frase le è rimasta in mente, ma con la sua presenza. Il momento decisivo è arrivato nel primo discorso di Biden al Congresso, quando si è classificato secondo e terzo nello stato, e due donne hanno fatto il suo debutto in Harris e Pelosi. Harris incarna la diversità che è attualmente molto importante per i Democratici e relativamente importante per Biden. Ancora una volta: un’icona.

Presidente Biden (prima del Vice Presidente Harris e del Presidente Pelosi): "L'America si sta muovendo di nuovo." (Quelle: AP / dpa / Melina Mara / Washington Post / Pool)Il presidente Biden (prima del vicepresidente Harris e del presidente Pelosi): “L’America si sta muovendo di nuovo”. (Fonte: Melina Mara / Washington Post / Paul / Associated Press / DPA)

Ecco perché si presta idealmente anche come immagine del nemico della parte opposta, che va controcorrente quando si parla di uguaglianza, razzismo e rappresentanza delle minoranze. Offre punti di attacco molto diversi rispetto al vecchio bianco nello Studio Ovale.

Ovviamente c’è ancora qualcosa con il presidente Harris. Le tue ambizioni per la carica più alta sono evidenti, e anche se Biden finge di candidarsi di nuovo nel 2024, non me lo aspetto. Un brav’uomo avrà 82 anni.

Ma prima di tutto, il vicepresidente dovrebbe nascondere il più possibile le sue ambizioni e adempiere al suo ruolo di aiutante più fedele.
Ha anche due ragioni molto egoistiche per sostenere Biden: solo se il suo governo fa un buon lavoro agli occhi della maggioranza, avrà buone possibilità di essere eletta.

E solo se avesse avuto il pieno sostegno del suo capo. Lo stesso Biden ha verificato quanto fosse importante. Voleva una competizione nel 2016 e ha chiesto al suo capo di sostenere la folla. Ma Obama è rimasto in silenzio, Biden ha insistito e sono arrivati ​​Clinton e Trump.

Quindi Kamala Harris ha un’altra cosa da dimostrare: è in grado di fare campagna. Deve trovare un linguaggio per coloro che non la adorano come supereroe e non la descrivono come un super cattivo. Quindi per gli americani normali. Aveva ancora un po ‘di tempo.