Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Preoccupazione in Germania: la Polonia prevede di costruire centrali nucleari vicino al Mar Baltico

ansia in germania
La Polonia prevede di costruire centrali nucleari vicino al Mar Baltico

La Polonia vuole uscire dal carbone – per fare questo, il paese ora vuole fare molto affidamento sull’energia nucleare. Nei prossimi anni verranno costruite due centrali nucleari vicino al Mar Baltico. I piani causano disagio in Germania. Perché qualsiasi incidente potrebbe avere gravi conseguenze per i paesi vicini.

Un cartello sul cancello di ferro marrone avverte: “Cantiere. Ingresso vietato”. Ma sulla strada di accesso alle sue spalle c’era una foresta di alti pini che cresceva molto tempo fa – non c’erano state costruzioni qui per molto tempo. A Zarnoek, a pochi chilometri dalla costa baltica, doveva essere costruita la prima centrale nucleare in Polonia durante l’era comunista. L’imponente rovina di oggi sembra il simbolo di un’era fallita: griglie di acciaio arrugginito sporgono da blocchi di cemento stagionato e i riflettori sono ancora appesi a una piattaforma dell’albero di metallo. La costruzione del progetto Prestige, iniziata negli anni ’80, è stata abbandonata nel 1990. Anche in Polonia, dopo il disastro di Chernobyl nel 1986, è aumentata la resistenza al nucleare.

Oggi, tuttavia, il governo nazionale conservatore polacco, PiS, sta pianificando una massiccia incursione nell’energia nucleare, seguita con apprensione in Germania. I due siti preferiti sono vicino al Mar Baltico: ancora Zarnoek e Lubiatowo-Kopalino, entrambi a 70 chilometri da Danzica e 450 chilometri da Berlino. La costruzione del primo blocco di reattori dovrebbe iniziare al più tardi entro il 2026, i lavori dovrebbero iniziare nel 2033, secondo il documento strategico “Poland Energy Policy to 2040” presentato a febbraio. Altri cinque blocchi di reattori seguiranno entro il 2043. Le centrali nucleari dovrebbero aiutare la Polonia a uscire dal carbone: attualmente il paese ottiene quasi l’80% della sua energia da carbon fossile e lignite.

In un altro documento del 2020, il governo dichiara che “Esempi di paesi e regioni altamente industrializzati e altamente sviluppati come la Francia, la Svezia e la provincia canadese dell’Ontario dimostrano che l’energia atomica contribuisce a una decarbonizzazione efficiente, rapida e profonda dell’energia elettrica”. sulla sua politica nucleare. Le centrali nucleari sono “la fonte di energia più economica, tenuto conto dell’equilibrio tra costo totale e tempo di funzionamento” e possono garantire la “sicurezza attiva del Paese”. Nell’ottobre 2020, la Polonia ha firmato un accordo con gli Stati Uniti sulla cooperazione nucleare. La società americana Westinghouse parteciperà agli studi del modello.

I Verdi: i piani sono “retrogradi”

Secondo un recente sondaggio, il 45 per cento dei polacchi si rifiuta di costruire centrali nucleari, mentre il 39 per cento è favorevole. Tuttavia, non c’è ancora nessuna organizzazione nella regione intorno a Danzica che si mobiliti contro i piani della centrale nucleare, afferma il deputato verde polacco Tomas Anescu. Ma cresce la preoccupazione in Germania. Silvia Cotting-Ull, portavoce della politica nucleare per il gruppo parlamentare verde, afferma che i piani della Polonia sono “reazionari”. “La decisione polacca non è economicamente saggia e si assume rischi che oggi sono completamente inutili”.

Una perizia preparata all’inizio dell’anno e commissionata dal vostro gruppo di cinque famosi esperti ambientali e nucleari, tra cui esperti dell’Università di Ginevra, è giunta alla seguente conclusione: in caso di incidente in una centrale nucleare polacca, La Germania prenderà in considerazione tutte le possibilità di vento e tempo colpiti con una probabilità del 20 percento. “Nel peggiore dei casi, 1,8 milioni di tedeschi sarebbero esposti a radiazioni che porterebbero all’evacuazione”, afferma Kotting-Uhl.

Il governo federale invia domande alla Polonia

Anche il governo federale ha risposto. Alla fine di marzo ho inviato al governo di Varsavia una dichiarazione con molte domande senza risposta sul programma energetico della Polonia 2040. Berlino chiede la sua inclusione nella pianificazione della centrale nucleare perché non possono essere rilevati impatti ambientali negativi significativi oltre il confine con la Germania escluso. fuori, dice. La valutazione dell’impatto ambientale dei siti delle centrali nucleari è del 2010 ed è obsoleta. Questioni irrisolte dal punto di vista tedesco riguardano anche l’istituzione di un organismo di vigilanza nucleare polacco, nonché impianti di stoccaggio temporaneo e definitivo per gli elementi di combustibile esaurito.

Il ministero federale dell’Economia è stato incaricato dell’ulteriore corso del dialogo con il paese confinante. Una portavoce ha detto “in termini di cooperazione bilaterale” di non voler fornire dettagli su come contattare il governo polacco. Nel Ministero del clima e dell’ambiente di Varsavia si afferma solo che all’inizio di maggio hanno risposto alle domande del governo tedesco e indicato le corrispondenti decisioni del governo polacco.

READ  Peter de Vries (64): Dopo l'attentato - Evacuato lo studio RTL di Amsterdam - Notizie all'estero في