Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Immigrazione: “La Germania deve reinsediare 41.000 rifugiati all’anno”

Germania Esperto di immigrazione Knauss

“La Germania dovrebbe reinsediare 41.000 rifugiati all’anno”

All'inizio dell'autunno del 2020, 1.500 rifugiati provenienti dall'insediamento informale di Moria in Grecia sono stati reinsediati in Germania All'inizio dell'autunno del 2020, 1.500 rifugiati provenienti dall'insediamento informale di Moria in Grecia sono stati reinsediati in Germania

All’inizio dell’autunno del 2020, 1.500 rifugiati provenienti dall’insediamento informale di Moria in Grecia sono stati reinsediati in Germania

Coyle: Photo Alliance / Pacific Press

L’esperto di migrazione Gerald Knaus chiede al governo tedesco di portare più rifugiati bisognosi di protezione direttamente in Germania. Questo non è solo più giusto dei “movimenti incontrollati di rifugiati”, ma è anche vantaggioso per l’integrazione.

DrÈ un esperto e leader di immigrazione Iniziativa europea di stabilitàe Gerald KnaussHa invitato il governo federale ad accogliere i rifugiati più vulnerabili direttamente dalle aree di crisi. “La Germania dovrebbe farlo come il Canada o la Svezia e accettare di reinsediare almeno lo 0,05 percento della sua popolazione ogni anno come parte del reinsediamento, circa 41.000 persone”, ha detto Knaus a WELT.

Durante il reinsediamento, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati identifica i rifugiati particolarmente vulnerabili nei paesi di accoglienza iniziale come Giordania, Kenya o Turchia e suggerisce il reinsediamento in altri paesi. Ad oggi, la Germania in questo modo ha accolto fino a 5.500 persone all’anno.

Leggi anche

Combo di rifugiati afghani Jack Schuster

“Il reinsediamento garantisce che coloro che hanno davvero bisogno di aiuto vengano in Europa”, ha affermato Knaus. È “più giusto dei movimenti di rifugiati indisciplinati” perché anche donne e bambini hanno una possibilità di essere accettati. Di norma, questi non intraprendono pericolose vie di fuga, ma principalmente “uomini audaci”.

L’integrazione di questo gruppo è anche più semplice perché i loro bisogni di protezione sono già identificati al momento dell’ingresso. Dopotutto, il reinsediamento invia un segnale importante ai primi paesi di accoglienza: mostra loro che sono supportati non solo nell’affrontare la situazione dei rifugiati con il denaro, ma anche in modo molto pratico accettando alcune persone particolarmente vulnerabili.

Leggi anche

Il Canada accoglie i rifugiati e gli immigrati economici in modo mirato - e allo stesso tempo mostra crudeltà

Knaus, considerato il pioniere dell’accordo tra Unione Europea e Turchia, ha formulato la sua richiesta sullo sfondo della crisi afghana. A fine agosto, la Commissione Ue ha chiesto agli Stati membri di presentare offerte per accogliere i rifugiati, anche se la Germania non ha ancora ricevuto alcuna approvazione pubblica. Il ministro dell’Interno federale Horst Seehofer (CSU) ha dichiarato la scorsa settimana che sono sempre stati concordati programmi speciali di reinsediamento per “persone abusate”. “Siamo pronti anche per questo”. Ma non pensa che sia saggio parlare di numeri ora. D’altro canto, i politici dell’FDP si sono espressi a favore dell’espansione del reinsediamento.

Joachim Stamp, ministro dell’Integrazione della Renania settentrionale-Vestfalia, ha chiesto al governo federale di regolamentare l’ammissione dei rifugiati afgani al di fuori dell’Europa. Ha bisogno di partner come USA, Canada o Australia. “La Conferenza di Ginevra del 1979, durante la quale sono stati fatti i preparativi per salvare migliaia di rifugiati vietnamiti dalle barche, potrebbe servire da modello”, ha affermato Stump.

In Canada, ad esempio, il governo limita regolarmente il numero di immigrati economici, familiari e rifugiati a cui viene concesso un permesso di soggiorno permanente. Per i prossimi anni, il piano sembra lo stesso 36.000 rifugiati vengono reinsediati ogni anno prima, che corrisponde allo 0,1% della popolazione. Più della metà sono “sponsorizzate” da individui e organizzazioni. Puoi proporre rifugiati e devi prima sostenerli e accompagnarli finanziariamente.

Leggi anche

La cancelliera federale Angela Merkel (CDU) riceve in cancelleria il cancelliere austriaco Sebastian Kurz

“L’esempio canadese mostra che il reinsediamento funziona quando lo stato e la società lavorano insieme”, ha detto Knaus. “Anche in Germania vedo una grande disponibilità nella società civile ad accogliere in modo ordinato le persone bisognose di protezione”. Tuttavia, finora c’è stata una mancanza di software attraente.

READ  Dopo il crollo parziale della Florida: in corso i preparativi per far saltare in aria un grattacielo distrutto